Coppa America 2015: i pre-convocati dell'Uruguay

Nessuna sorpresa nelle convocazioni di Oscar Tabarez. Fuori Luis Suarez per squalifica, Martin Caceres e Gaston Ramirez per infortunio. A guidare la Celeste saranno Cavani e la coppia dell'Atletico Madrid Godin-Gimenez

Coppa America 2015: i pre-convocati dell'Uruguay
Coppa America 2015: i convocati dell'Uruguay

Nella tarda serata di ieri sono state rese note le convocazioni dell'Uruguay di Oscar Tabarez per la Coppa America 2015 da tenersi in Cile. La lista - che dovrà essere tagliata fino a comprendere 20 giocatori più 2 o 3 portieri a scelta entro il 1 Luglio - comprende 27 calciatori divisi in tre portieri, nove difensori, dieci centrocampisti e cinque attaccanti.  I 15 volte campioni, nonché vincitori dell'edizione 2011 - giocheranno il gruppo B con Argentina, Paraguay e Giamaica. Debutteranno con la Giamaica il 13 Giugno ma prima di allora giocheranno un'amichevole con il Guatemala il 6. La squadra si riunirà il 25 Maggio per cominciare la preparazione. Intanto, ecco i convocati

Portieri: Muslera (Galatasaray), Martin Silva (Vasco da Gama), Rodrigo Munoz (Libertad de Asuncion);
Difensori: Maxi Pereira (Benfica), Fucile (Nacional de Montevideo), Aguirregaray (Estudiantes de la Plata), Alvaro Pereira (Estudiantes de la Plata), Gaston Silva (Torino); Godin (Atletico Madrid), Gimenez (Atletico Madrid), Coates (Sunderland), Emiliano Velazquez (Getafe);
Centrocampisti: Gargano (Napoli), Arevalo Rios (Tigres UANL), Alvaro Gonzalez (Torino), Carlos Sanchez (River Plate), Guzman Pereira (Universidad de Chile), Corujo (Universidad de Chile), Lodeiro (Boca Juniors), de Arrascaeta (Cruzeiro),  Mayada (River Plate), Cristian Rodriguez (Gremio);
Attaccanti: Cavani (PSG), Rolan (Bordeaux), Abel Hernandez (Hull City), Stuani (Espanyol), Jonathan Rodriguez (Benfica).

L'assenza più illustre è ovviamente quella di Luis Suarez - l'uruguayano con più gol in Nazionale - , che deve scontare ancora 9 giornate di squalifica nelle competizioni FIFA. A guidare l'attacco ci sarà quindi Edinson Cavani (al terzo posto nei cannoniere all-time della Celeste). Comunque non male la sfilza di attaccanti che cercherà di dar manforte al Matador: Rolan (14), Stuani (13), Abel Hernanez (4) e Jonathan Rodriguez (14 fra Benfica B e Penarol) sommano 45 gol totali quest'anno. 

Possiamo dividere poi la truppa di metà campo fra mediani vari (Rios visto al Palermo, gli italiani Alv.Gonzalez e Gargano, Carlos Sanchez che al River ha deciso il Superclasico d'andata in Libertadores più le mezzali Mayada, passato al River a Gennaio, e Corujo) e fantasisti (Lodeiro del Boca ed il crack de Arrascaeta appena 20enne). Fungerà da mezzala creativa Cristian Rodriguez, ex Parma ora al Gremio mentre Guzman Pereira sembra uno dei più accreditati al taglio finale.

Nutrita anche la truppa dei difensori, opportunamente divisi in terzini e centrali. Fra i primi troviamo i veterani Alvaro e Maxi Pereira più Jorge Fucile, oltre a Gaston Silva del Torino (solo 7 presenze quest'anno per lui) ed il giovane Aguirregaray (anche lui passato per Palermo). Centralmente mancherà il compagno di mille battaglie di Godin (lui presente) Diego Lugano, svincolato questa stagione fino al contratto offertogli dagli svedesi dell'Hacken, ormai fuori dal giro. A far coppia con Godin ci sarà il suo stesso erede all'Atletico Madrid José Gimenez. La giovane promessa, dalla chiamata in causa al Mondiale contro l'Inghilterra, non ha più mollato la maglia da titolare della Seleccion giocando le seguenti 10 partite da titolare e guadagnandosi la fiducia di Simeone che l'ha fatto giocare 27 volte nei Colchoneros quest'anno. Partono dietro sia Emiliano Velazquez (21enne), anch'egli promessa dell'Atleti ma ora in prestito al Getafe dove ha giocato praticamente sempre titolare quest'anno, che Sebastian Coates, giocatore del Liverpool ancora non esploso (quest'anno in Inghilterra appena 11 presenze sebbene sia in prestito al Sunderland).

Passato, presente e futuro della tradizione di difensori uruguayani in quel di Madrid, sponda Atletico

In porta il titolarissimo Nando Muslera con i veterani Martin Silva e Rodrigo Munoz (ancora alla ricerca della prima maglia da titolare con l'Uruguay a 33 anni) dietro di lui.

L'Uruguay è una Nazionale che sta effettuando il cosiddetto ricambio generazionale. Processo logico se si considera che l'Uruguay Under 20 è arrivato in finale al Mondiale di categoria nel 2013. L'età media di 27 anni è influenzata dai ben 16 over-27. Ma l'intenzione di dar spazio ai giovani c'è, vedi le convocazioni di Gimenez, Velazquez, Gaston Silva, Rolan, de Arrascaeta e Jonathan Rodriguez (i sei Under-23 convocati) tutti - tranne Jonathan Rodriguez - facenti parte della giovane truppa che Verzeri portò appunto alla finale Mondiale U20. In questo processo è però molto difficile trovare immediatamente alternative ai vecchi eroi di mille battaglie come Godin, Fucile, Gargano, Maxi Pereira (terza Coppa America consecutiva), Alvaro Pereira, Rios (seconda) e Cristian Rodriguez (addirittura alla quarta). 

Tabarez, oltre a quattro di quei cinque ragazzini terribili di Verzeri ed oltre a quel Jonathan Rodriguez capace di saltare direttamente alla Nazionale maggiore senza la trafila delle giovanili, ha fatto debuttare - dal Mondiale in poi - quattro giocatori più in là con gli anni rispetto agli Under 20: Carlos Sanchez, Guzman Pereira, Corujo e Mayada. Sempre in seguito alla Coppa del Mondo l'Uruguay ha giocato ben sette amichevoli, perdendone solamente una e solo ai rigori. Ben 5 le vittorie, fra cui quella con il Cile. Il capocannoniere post-Mondiale è Cavani con tre reti, al pari di Luis Suarez.

Nel corso di queste amichevoli si è stabilizzata quella che dovrebbe essere la formazione tipo per questa Coppa America. L'Uruguay, campione in carica e 15 volte vincitore del torneo, del 2015 si schiererà anch'esso con una sorta di 4-3-1-2 che si rifà a quello all'interno del quale il tridente composto da Suarez, Forlan e Cavani faceva faville. Tabarez non differirà dal suo credo di gioco, con tre giocatori al centro del campo più tre lì davanti. I tre centrocampisti dovrebbero essere Carlos Sanchez, Arevalo Rios e Cristian Rodriguez. Prima alternative Mayada, Gargano e Alvaro Gonzalez. Dietro le due punte, che al 90% saranno Cavani e Rolan, agirà Lodeiro ma occhio a de Arrascaeta, pronto a scavalcare lo xeneixe. In difesa spazio a Maxi Pereira, Godin, Gimenez ed Alvaro Pereira, con Fucile, Coates, Velazquez e Gaston Silva alternative. In porta Muslera.

Formazione titolare e riserva dell'Uruguay:

Oltre al catalano Suarez i principali assenti saranno lo juventino Martin Caceres e Gaston Ramirez, out per infortunio. La lista ufficiale dei convocati dovrà essere diramata entro il 1° Luglio. I più accreditati al taglio finale sono due fra Corujo, Mayada e Guzman Pereira, uno fra Aguirregaray e Fucile ed uno fra Abel Hernanez e Jonathan Rodriguez.