Karim Benzema sempre più nei guai: il Ministro francese non vuole più il giocatore in Nazionale

Periodo, a dir poco, turbolento per l'attaccante del Real Madrid, Karim Benzema: coinvolto in uno scandalo di ricatti ai danni di Valbuena, ora si ritrova contro il Ministro dello Sport francese.

Karim Benzema sempre più nei guai: il Ministro francese non vuole più il giocatore in Nazionale
Karim Benzema sempre più nei guai: il Ministro francese non vuole più il giocatore in Nazionale

In Francia, e a Madrid, si respira un'aria tutt'altro che serena: la punta dei Bleus, Karim Benzema, è coinvolta come parte attiva nella vicenda del sextape di Mathieu Valbuena, accusata di ricatto e associazione a delinquere, costretta anche al fermo giudiziario. Tra un'udienza e l'altra, prende parola anche il Ministro dello Sport francese, Patrick Kanner, che non usa mezzi termini: "I giocatori sotto inchiesta devono stare lontani in tutto e per tutto dalla nostra Nazionale".

Nel frattempo, la posizione di Benzema tende ad aggravarsi sempre di più: sono state rese pubbliche le intercettazioni tra Benzema e il suo amico d'infanzia malavitoso, parte integrante del ricatto ai danni di Valbuena. La punta del Real Madrid avrebbe spinto il centrocampista del Lione a non rivolgersi alla polizia, nè tantomeno ad intermediari, a sbrigarsela quindi da solo con l'amico di Karim. Inoltre, il madrileno avrebbe utilizzato toni molto ambigui nelle conversazioni, dapprima tentando di convincere il compagno di Nazionale a pagare il ricatto, come si evince da questa frase, rivolta al malavitoso: "Mi ha chiesto se il video magari viene fuori durante l'Euro e gli ho risposto che sarebbe il momento ideale. Se io avessi un video del genere non ti chiederei neanche soldi, lo venderei ai giornalisti", per poi consigliare a Valbuena di non pagare e aspettare l'uscita del video. 

Valbuena France

Nel frattempo, la Francia si prepara in vista dell'amichevole di venerdì contro la Germania, ma senza Benzema e Valbuena. I due giocatori non sono stati convocati dal CT Deschamps: il primo per infortunio, mentre Valbuena è stato ritenuto in condizioni psicologiche non ideali per tornare in campo. Inoltre, per motivi legali, i due giocatori sopracitati non possono entrare in contatto, per decisione del magistrato che guida le indagini del sextape di Valbuena.
In ogni caso, il centravanti è nei guai, potrebbe rischiare fino a cinque anni di reclusione. Anche in caso di proscioglimento dalle accuse, questo scandalo sarà una macchia indelebile per la carriera di Benzema.