Euro 2016, il sorteggio dei gironi della fase finale. Italia in seconda fascia

Alle ore 18 di domani a Parigi è in programma il sorteggio dei gironi di Euro 2016. Gli azzurri di Conte non sono tra le teste di serie e rischiano di finire in un raggruppamento difficile.

Euro 2016, il sorteggio dei gironi della fase finale. Italia in seconda fascia
Euro 2016, domani il sorteggio dei gironi della fase finale. Italia in seconda fascia

Si svolgerà oggi pomeriggio (ore 18) a Parigi il sorteggio dei sei gironi della fase finale degli Europei di calcio edizione 2016, in programma in Francia dal 10 giugno al 10 luglio prossimi. Per la prima volta la rassegna continentale per nazionali conterà ventiquattro squadre, di cui sedici si giocheranno poi gli ottavi di finale (oltre alle prime e seconde classificate dei rispettivi gruppi passeranno il turno anche le quattro migliori terze per allineare il tabellone alla fase ad eliminazione diretta).

La Spagna di Vicente Del Bosque sarà chiamata a difendere i due titoli vinti nel 2008 in Austria e Svizzera (con Luis Aragones come c.t.) e nel 2012 in Polonia e Ucraina, quando fu l'Italia di Cesare Prandelli ad arrendersi in finale alle Furie Rosse. Il sorteggio sarà strutturato dividendo le ventiquattro nazionali in quattro fasce, composte in base al ranking Uefa. Gli azzurri saranno inseriti nella seconda urna, la prima delle non teste di serie, il che potrebbe riservare a Conte e ai suoi uomini un girone eliminatorio particolarmente competitivo. In prima fascia saranno infatti rappresentate:

Germania

Belgio

- Francia (in qualità di paese ospitante)

- Spagna

- Portogallo

- Inghilterra

Nella seconda urna, quella dell'Italia appunto, troviamo invece:

- Italia

- Russia

- Svizzera

- Austria

- Ucraina

- Croazia

Va da sè che gli azzurri non potranno incrociare nessuna di queste nazionali, mentre potrebbe risultare invece decisivo l'accoppiamento con una delle squadre del terzo gruppo di merito, tra cui le pericolose Svezia, Repubblica Ceca e Polonia:

- Repubblica Ceca

- Polonia

- Slovacchia

 - Svezia

- Ungheria

- Romania

Non è da sottovalutare nemmeno la quarta fascia, che comprende al suo interno alcune tra le sorprese delle qualificazioni alla fase finale degli Europei del 2016:

- Islanda

- Irlanda del Nord

- Albania

- Turchia

- Irlanda

- Galles

Il rischio per gli azzurri è di finire in un "girone di ferro", considerando come temibili tutte le squadre della prima urna (Spagna e Germania in primis), e di incontrare alcune nazionali più in basso nel ranking ma tradizionalmente ostiche o, al contrario, nuove a questo tipo di palcoscenico ma in arrivo in Francia sull'onda dell'entusiasmo per una qualificazione inattesa. La manfestazione continentale prenderà il via venerdì 10 giugno allo stadio Saint-Denis di Parigi, dove i Bleus padroni di casa inaugureranno gli Europei alle ore 21 contro una delle squadre sorteggiate nel girone A, dove i transalpini sono già inseriti di diritto. La fase a gironi si completerà il successivo 22 giugno, mentre dal 25 in poi avranno luogo le sfide ad eliminazione diretta (ottavi, quarti e semifinali) con la finalissima fissata per domenica 10 luglio, sempre a Saint-Denis. 

Nove le città designate come sedi dell'Europeo, con Parigi che metterà a disposizione due stadi, il Parco dei Principi e Saint-Denis. Ecco nel dettaglio gli impianti e la loro capienza:

- Stade de Bordeaux (Bordeaux): 42.000 posti.

- Stade Bollaert-Deleils (Lens): 38.000 posti.

- Stade Pierre Mauroy (Lille): 50.000 posti.

- Stade de Lyon (Lione): 59.000 posti.

- Stade Velodrome (Marsiglia): 67.000 posti.

- Stade Allianz Riviera (Nizza): 36.000 posti.

- Stade Parco dei Principi (Parigi): 48.000 posti.

- Stade de France (Saint-Denis, Parigi): 80.000 posti.

- Stade Geoffroy Guichard (Saint-Etienne): 42.000 posti.

- Stadium de Touluse (Tolosa): 33.000 posti.