Copa Del Rey - Mariano show, Real forza sei. Eliminato il Cultural Leonesa

Dilaga il Madrid nel segno di Mariano, in evidenza molte pedine. Torna a casa il Cultural Leonesa, conscio di aver toccato con mano il sogno di giocare al Bernabeu. Testa agli ottavi di finale.

Copa Del Rey - Mariano show, Real forza sei. Eliminato il Cultural Leonesa
Copa Del Rey -
Real Madrid
6 1
Cultural Leonesa
Real Madrid : (4-3-1-2) Casilla (Yanez, min.76), Carvajal (Varane, min.46), Pepe, Nacho, James, Casemiro, Mariano, Asensio, Isco (Zidane, min.46), Odeegar, Tejero
Cultural Leonesa: (4-3-3) Leandro, Angel, Victor, I.Gonzalez, Morgado, Cristobal, Orti (Jaime Moreno, min.82), Y.Gonzalez, Benja ( Zuiverloon, min.53 --> Abdullah, min.72), Toni, Gallar
SCORE: 1-0 min.1, Mariano. 2-0 min.23, Rodriguez. 3-0 min.42, Mariano. 3-1 min.45, Yeray. 4-1 min.63, Zidane. 5-1 min.87, Mariano. 6-1 min.90, Morgado (A)
ARBITRO: Mario Melero Lopez (ESP)

Devastanti. Il Real Madrid di Zidane smonta il Cultural Leonesa, compagine che milita nella terza serie spagnola. Gara già lucchettata nei primi 45' minuti dove un doppio Mariano e James portavano la squadra sul 3-0, Yeray accorciava 3-1. Altre tre realizzazioni nella ripresa, Mariano firma l'hat-trick.

CRONACA

Pronti, via e doccia gelata per il Cultural. Leandro appoggia per Ivan Gonzalez, controllo infelice che favorisce l'avanzata di Asensio. Cross immediato in area per il libero Mariano; piattone e vantaggio lampo. La partita viaggia a ritmi bassi, il Real costruisce in maniera diligente mentre il Cultural Leonesa aspetta la truppa di Zidane oltre la linea di centrocampo. In evidenza un positivo Odeegard - bravo a cucire il gioco in mediana ed a proporsi con buona vena in avanti - insieme a Carvajal e Mariano, pendolino il primo e sentenziatore l'altro. Si gioca molto a centrocampo con la squadra originaria di Leon che punta sul contatto fisico e l'agonismo. Al 17' Carvajal prende campo, corverge al centro alla velocità della luce; uno due con James prima dell'assistenza per Mariano che firma la sua doppietta personale. Ma l'arbitro annulla la marcatura per fuorigioco. Continuano a pressare i blancos ed al 30' arrivano vicini all'eurogol. Casemiro - da distanza siderale - osserva Leandro fuori dai pali, ricama con il destro la parabola che scende larga. Il secondo gol arriva, questione di minuti. Solito gran lavoro di Carvajal sull'out destro; avanza con la palla al piede, elude un avversario e scocca un traversone lungo preda della testa di James Rodriguez. Tempismo perfetto e 2-0. Lo stesso colombiano ha fame di riscatto e lo dimostra al 28'. Un intelligente Mariano lo pesca a centro area; inzuccata e parata bassa del N°1. Passano solo due minuti ed il Cultural Leonesa bussa alla porta difesa da Casilla: azione veloce e coinvolgente, ad aggirare la difesa di padroni di casa. Riceve largo Yeray, sguardo in mezzo e cross all'indirizzo di Benja il quale non trova fortuna. Si accende la gara, molti falli commessi conditi anche da due cartellini gialli, uno per parte. Ne fanno le spese Casemiro e Garrido. Ci prova Isco allo scoccare del 40' - tiro basso di facile lettura - ci riesce Mariano una manciata di minuti dopo. Suggerimento del solito Carvajal, controllo funambolico e conclusione violenta scaricata sotto alla traversa. Chicca, 3-0. Sul finire di tempo, gloria per Yeray. Mischia furibonda ai venticinque metri, risolve il N°8 con una staffilata che - toccata da Casilla - si infila in rete

Doppio cambio per il Real: entrano il figlio d'arte Zidane e Varane, rispettivamente a posto di Isco e Carvajal. Solito canovaccio della gara ma il Cultural, fa capolino. Entra in area Bastos, tocco dietro per l'arrivo di Benja che cerca ma non trova l'angolo alto. Continua a macinare chilometri ed a seminare panico Mariano, vero spauracchio della difesa ospite. Ci prova Nacho con un tiro telefonato mentre de la Barrera getta nella mischia Zuiverloon. Si abbassa il ritmo con Odeegard che cerca di ridare pepe alla contesa tentando un tiro da fuori, parato agevolmente da Leandro. Diversi minuti di stallo, poi Zidane. Fiammata del figlio del tecnico bravo a ricevere nel cuore dell'area, controllare ed incrociare perfettamente il pallone. Poker servito. Lo stesso Zidane e Orti, concludono a porta. Due tiri da fuori area che non destano grattacapi ai portieri. La gara si prepara a tramontare mentre si innesca l'ultimo lotto di cambi; dentro Abdullah per lo sfortunato Zuiverloon, Yanez per Casilla. Al 78', Asensio taglia il campo orizzontalmente, sulla traiettoria c'è Tejero; destro che lambisce la parte esterna del palo. Sparano le ultime cartucce Odeergard e Mariano - interessante il tiro di quest'ultimo, si allunga Leandro - seguiti dal colpo di testa di Jaime Moren. Quando la gara sembra volgere al termine, il Real rimpingua il bottino. In rete, il solito Mariano. Impatta in maniera vincente il cross di Tejero e firma il tris personale. Le ostilità si chiudono con il goffo autogol di Morgado, intento a spazzare l'area di rigore. Il Real e Zidane imbattuti da 235 giorni.