Qualificazioni Mondiali, che batosta Italia. La rabbia di Ventura: "Quanti errori abbiamo commesso"

Una bruttissima Italia viene travolta dalla Spagna. Le parole del ct azzurro: "In generale si è vista la differenza di qualità tra le due formazioni. C'è da dire che tanto l'abbiamo regalato noi, mettendoci del nostro".

Qualificazioni Mondiali, che batosta Italia. La rabbia di Ventura: "Quanti errori abbiamo commesso"
la presse

Brutta, bruttissima serata per l'Italia che perde contro la Spagna con un secco 3-0. La Roja domina il confronto del Santiago Bernabeu grazie ad una doppietta di Isco ed un gol di Morata, da poco entrato in campo.

La Spagna sale a quota 19 punti, a + 3 sull'Italia e con la differenza reti a favore a 3 gare dal termine. Giampiero Ventura analizza l'amaro risultato ai microfoni della Rai.

Una partita che evidenzia una netta differenza in campo: "Noi siamo umani, loro di meno. In generale si è vista la differenza di condizione e di qualità, alcune cose le abbiamo sbagliate e regalate. Nel primo tempo siamo andati sotto di due gol senza subire un tiro in porta. Il portiere della Spagna ha fatto tre parate importanti che potevano riaprire la partita".

Il tecnico azzurro perchè non ha cambiato il modulo in corso d'opera? "Noi stiamo portanto avanti il discorso, non è una partita che può cambiare. Questa è un’esperienza che abbiamo fatto. Ora analizzeremo questa partita e cercheremo di fare dei passi avanti. Se una partita incide sull’autostima vuol dire che non siamo competitivi. Voglio pensare che non sia così. Non abbiamo fatto bene, queste partite servono a crescere, martedì ci aspetta un'altra partita importante" .

Anche Lorenzo Insigne ha commentato il ko contro la Spagna: "Questa sconfitta contro la Spagna ci servirà per crescere, ora conterà la gara contro Israele per ritrovare noi stessi e proseguire il nostro cammino verso il Mondiale. Il modulo? Sapevamo che contro gli iberici avremmo corso dei rischi, ce la siamo giocata finchè abbiamo retto, poi alla lunga si sono dimostrati più forti. Abbiamo un gruppo che può andare lontano, ci sono i mezzi per poter qualificarci al prossimo mondiale, non ci dobbiamo abbattere e pensare a dare il massimo nelle prossime sfide".