Qualificazioni Russia 2018 - Germania, formalità Norvegia con gli occhi a Belfast

A Stoccarda i campioni del Mondo in carica affrontano un match agevole: il loro destino può dipendere dall'Irlanda del Nord, che ospita la Repubblica Ceca. Con vittoria tedesca e pareggio a Belfast, la Germania sarebbe matematicamente qualificata.

Qualificazioni Russia 2018 - Germania, formalità Norvegia con gli occhi a Belfast
Fonte immagine: Getty Images via Daily Mail

A metà tra la Mercedes-Benz Arena di Stoccarda e Windsor Park di Belfast. La serata della Germania può terminare in festa o in prolungata attesa, a seconda di quanto accadrà sul campo dell'Irlanda del Nord. Nell'ottava giornata del gruppo C di qualificazione a Russia 2018, i Campioni del Mondo in carica ospitano la Norvegia in un match che pare più una formalità, se affrontato con il piglio giusto, piuttosto che una partita vera e propria; con i tre punti ed una non vittoria contro la Repubblica Ceca della prima inseguitrice, Low ed i suoi potrebbero diventare la seconda squadra a staccare il pass per il Mondiale, dopo il Belgio ieri sera, blindando il primo posto.

Il raggruppamento vede infatti i teutonici guardare tutti dall'alto a quota 21 punti, punteggio pieno, con i britannici secondi a quota 16 e le altre più staccate - 9 punti per i cechi, 7 per Azerbaigian e Norvegia, zero per San Marino.

Le scelte

Con ogni probabilità Joachim Low darà spazio, dal primo minuto o a gara in corso, a chi a Stoccarda ha scritto la storia, vincendo la Bundesliga nel 2007. Mario Gomez è quindi l'indiziato per giocare da riferimento offensivo, mentre Sami Khedira dovrebbe riprendere posto a centrocampo dopo il problema al ginocchio accusato settimana scorsa. Al suo fianco Toni Kroos, mentre Rudiger, altro ex Stoccarda, potrebbe trovare spazio in difesa vicino a Kimmich e Hummels. Hector pendolino a sinistra, con Muller, Ozil e Draxler a supportare l'unica punta Gomez. In porta spazio ancora a Ter Stegen. Rispetto alla partita scorsa dovrebbero quindi uscire Brandt, Ginter, Stindl e Werner.

La Norvegia ha invece diverse assenze con cui fare i conti: Soderlund, Skjelbred, Hovland, Henriksen e anche Svensson, uscito acciaccato contro l'Azerbaigian. Il 4-4-2 di Lagerback dovrebbe comporsi di Jarstein tra i pali, con davanti a lui la coppia centrale formata da Nordtveit e Skjelvik, con Linnes favorito su Elabdellaoui per un posto a destra con Aleesami a sinistra. In mezzo al campo quasi certi di una maglia sono Berge e Johansen, quest'ultimo anche capitano, mentre le corsie potrebbero essere occupate dai cugini Elyounoussi, Mohamed a destra e Tarik a sinistra. In avanti, salvo sorprese, Sorloth dovrebbe affiancare King.

Germania (4-2-3-1) - Ter Stegen; Kimmich, Rudiger, Hummels, Hector; Khedira, Kroos; Muller, Ozil, Draxler; Gomez. All. Low

Norvegia (4-4-2) - Jarstein; Linnes, Nordtveit, Skjelvik, Aleesami; M. Elyounoussi, Berge, Johansen, T. Elyounoussi; Sorloth, King. All. Lagerback

Calcio d'inizio ore 20.45 alla Mercedes-Benz Arena di Stoccarda agli ordini dell'arbitro lituano Mazeika. Nell'ultimo match disputato in Germania tra le due compagini, fu la Norvegia a spuntarla: 1-0 in amichevole nel 2009.