Il Sabato di Bundesliga: passa il Bayer, soffre il Bayern. Si fermano Schalke e Wolfsburg, tre punti per l'Amburgo

Lewandowski regala tre punti chiave al Bayern Monaco, Calhanoglu li porta invece al suo Leverkusen con una punizione magistrale. Continua a stupire il Darmstadt, che ferma lo Schalke. 1-1 tra Colonia e Wolfsburg. Spettacolo nel posticipo delle 18.30.

Il Sabato di Bundesliga: passa il Bayer, soffre il Bayern. Si fermano Schalke e Wolfsburg, tre punti per l'Amburgo
Il Sabato di Bundesliga: passa il Bayer, soffre il Bayern. Si fermano Schalke e Wolfsburg, tre punti per l'Amburgo

COLONIA - WOLFSBURG 1-1 (30' Zoller, 83' Bendtner)

Non è sicuramente il miglior Wolfsburg quello visto nelle prime due uscite in campionato. Se alla prima contro l'Eintracht anche la fortuna aveva parzialmente aiutato, stavolta con il Colonia arriva solamente un pareggio, e pure molto sofferto. Perchè i padroni di casa non solo vanno avanti al 30' con Zoller, bravo a sfruttare uno svarione difensivo, ma rischiano ripetutamente di raddoppiare con Modeste. L'uomo della provvidenza è però sempre lui, sempre Nicklas Bendtner. Come in Supercoppa di Germania, entra in campo e pareggia, appoggiando in porta una corta respinta di Horn su tiro di Caligiuri. Il portiere dei padroni di casa ha qualche colpa, ma si riscatta con un miracolo nel finale che vale l'1-1.

HOFFENHEIM - BAYERN MONACO 1-2 (1' Volland, 41' Muller, 90' Lewandowski)

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CRONACA

SCHALKE - DARMSTADT 1-1 (9' Rausch, 47' Draxler)

Continua a stupire la neo-promossa Darmstadt, squadra che nelle prime due gare ha portato a casa due punti giocando un calcio più che buono e propositivo, specialmente colpendo in contropiede. Proprio così arriva il gol del vantaggio sul difficile campo dello Schalke, un destro a giro di un mancino puro come l'ex Stoccarda e Hannover Rausch. I padroni di casa hanno un decisamente maggiore tasso tecnico, ma devono aspettare il secondo tempo per trovare il pareggio: cross basso di Franco Di Santo, arriva puntualissimo Julian Draxler all'appuntamento con il gol. Nonostante un possesso palla del 77%, la squadra di Gelsenkirchen non riesce più a trovare il terzo gol, rischiando anzi qualcosa dietro.

HANNOVER - BAYER LEVERKUSEN 0-1 (18' Calhanoglu)

Il Bayer Leverkusen si prepara (quasi) al meglio per la sfida di Champions League contro la Lazio. Alla BayArena i ragazzi di Schmidt dovranno ribaltare l'1-0 subito all'andata, stesso punteggio con il quale ieri si sono imposti sull'Hannover. A decidere la sfida è una meraviglia di Hakan Calhanoglu, una punizione deliziosa, la settima in una stagione e due partite con la maglia del Leverkusen, che si insacca senza lasciar scampo a Zieler. Gli ospiti hanno anche svariate occasioni, in particolare con Mehmedi, per trovare il gol del raddoppio che avrebbe chiuso il match, ma devono invece soffrire, affidandosi in un paio di occasioni ai miracoli del proprio portiere Leno.

EINTRACHT FRANCOFORTE - AUGSBURG 1-1 (23' Caiuby, 86' Russ)

Si dividono la posta in palio due realtà interessanti del campionato tedesco: Eintracht e Augsburg danno vita a una sfida equilibrata, ma il pareggio sta stretto agli ospiti, che vanno in vantaggio a metà del primo tempo con un tiro secco dal limite del brasiliano Caiuby, a conclusione di un contropiede tutto gestito da lui. Sempre l'ala avrebbe una grande occasione poco dopo, sempre in ripartenza, ma scivola in area. La rete del pareggio è firmata dal capitano Marco Russ, che mette il piede su un pallone tesissimo messo al centro da Waldschmidt: gli ospiti recriminano per un presunto fallo prima del cross basso.

AMBURGO - STOCCARDA 3-2 (23' e 42' Ginczek, 34' Ilicevic, 84' Lasogga, 89' Djourou)

La seconda sfida più divertente del Sabato dopo quella tra Bayern e Hoffenheim è sicuramente quella delle 18.30, che vede impegnate Amburgo Stoccarda. Nei 90 minuti vengono messe a nudo le incredibili lacune difensive delle due squadre, in particolare quelle dei padroni di casa, che prendono due gol quasi uguali da Daniel Ginczek, intervallati da un buon destro di Ilicevic, che toglie di fatto il pallone a Gregoritsch ma dimostra di aver ragione. Nel finale la squadra di Labbadia trova anche i due gol decisivi: il primo è quello di Lasogga, da vero centravanti, quello che invece firma la vittoria è di Djourou, in incredibile proiezione offensiva, servito a centro area e bravo col piatto destro a battere Tyton. Stoccarda che era in 10 dal 53' dopo il doppio giallo di Klein.