Risultato Cile - Ecuador, Copa America 2015 (2-0)

Risultato Cile - Ecuador, Copa America 2015 (2-0)
Cile
2 0
Ecuador
Cile: (3-4-2-1) - Bravo; Medel, Jara, Mena; Isla, Aránguiz, Díaz, Beausejour (dal 46' Vargas); Vidal, Valdivia (dal 68' Mati Fernandez); Sánchez. All.: Sampaoli.
Ecuador: (4-4-2): Dominguez; Paredes, Erazo, Achillier, W. Ayovi; Noboa, Lastra (dal 68' Quinonez), Montero, Martinez (dal 80' Ibarra); Bolanos, E. Valencia. All.: Quinteros
SCORE: 1-0, min 67, Vidal (rig); 2-0, min 83, Vargas;
ARBITRO: Nestor Pitana (ARG) ammonisce Fidel Martinez (E), Jara (C), Lastra (E), Mati Fernandez (C). Espulso Mati Fernandez per doppia ammonizione.
NOTE: In Diretta dallo Stadio Nazionale di Santiago del Cile, Cile-Ecuador, gara inaugurale della Copa America 2015. Inizio ore 1.30, ora italiana

Per questa sera è davvero tutto amici lettori di Vavel! Con i gol che hanno deciso il match Andrea Bugno e la redazione calcio di Vavel Italia vi da appuntamento a domani notte quando vi racconteremo le emozioni di Messico-Bolivia. Buonanotte!

Il gol di Eduardo Vargas che ha chiuso il match sul 2-0

Il gol di Arturo Vidal che è valso l'1-0

L'esultanza della Roja

Cile di Sampaoli che sale dunque a quota 3 in classifica nel gruppo A, con l'Ecuador che resta al palo a 0. Bella partita, giocata su ritmi elevati nonostante i problemi di altura. Il Cile ha meritato la vittoria, ma gli ecuadoregni sono comunque usciti a testa alta dall'Estadio Nacional di Santiago del Chile, consapevoli forse di essere la seconda forza del gurppo!

La decidono i gol nella ripresa di Vidal su rigore e di Edu Vargas nel finale. Il Cile ha avuto il merito di continuare a provarci nella ripresa dopo un primo tempo sfortunato e poco cinico. Rigore generoso, cercato da Vidal che però ha messo in mostra tutta l'ingenuità di Noboa. Il secondo gol è arrivato in contropiede, con Sanchez che ha creato il break prima di servire Vargas tutto solo in profondità. In mezzo, l'occasione per Enner Valencia di pareggiare di testa, ma tutto solo in area ha stampato sulla traversa. 

94' FISCHIA PITANA! LA PRIMA GARA DELLA COPA AMERICA 2015 VA AL CILE PADRONE DI CASA CHE HA BATTUTO 2-0 L'ECUADOR! 

93' CHE INGENUITA' DI MATI FERNANDEZ! RIFILA UN CALCIONE AD IBORRA E, GIA' AMMONITO, SE NE VA CON UN MINUTO DI ANTICIPO SOTTO LA DOCCIA!

92' In gestione il Cile che non vuole accelerare il possesso palla. Ecuador oramai rassegnato alla sconfitta. 

4 minuti di recupero!

90' Se ne va Sanchez in contropiede, salta un difensore, ma al momento di battere a rete viene contrato dal ritorno di Noboa

90' Ci prova l'Ecuador: Bolanos cerca l'inserimento di Montero, ma Medel è perfetto in chiusura. 

89' Chiude anche Vidal su Montero. Che applicazione dello juventino che a partita chiusa fa una copertura difensiva spettacolare subendo anche fallo. 

88' Storie tese tra Sanchez e Achillier, rientra tutto dopo che Pitana redarguisce il duo. 

87' Ibarra dalla destra prova il cross, Bravo chiude in presa alta. 

86' Cile in gestione! Anche se l'Ecuador prova a tuffarsi in avanti alla ricerca del gol che riaprirebbe il match. 

Spettacolare contropiede del Cile, con Sanchez che spezza la difesa e serve l'ex Napoli che a tu per tu con Dominguez fa 2-0 con un preciso e vellutato tocco con l'interno del destro. Gara chiusa! 

83' VARGASSSSS!!! LA CHIUDE EDU VARGAS!!!! 2-0 CILE!!!

81' TRAVERSA DI VALENCIA! CHE OCCASIONE! Ayovì col sinistro murato, poi lo stesso mancino mette al centro per la testa del centravanti che tutto solo stampa la sfera sul montante! 

80' Mischia furibonda al limite dell'area del Cile, Pitana vede un fallo di Mati Fernandez, in possesso palla, ai danni di Ibarra. Punizione da posizione interessante. 

Esce Fidel Martinez, dentro Ibarra per Quinteros.

79' Sanchez apre sulla sinistra per Mena, che col mancino crossa per Vargas, ma l'ex Napoli non trova lo stop per poi concludere verso la porta di Dominguez. 

77' Che occasione per l'Ecuador! Martinez mette al centro col mancino, cross teso che Medel spizza in angolo prima che Montero capitalizzi di testa sul secondo palo. 

La gioia dei giocatori della Roja dopo il gol di Vidal che ha sbloccato un match rognosissimo. 

74' Mati Fernandez s'incunea in area di rigore, viene atterrato, ma Pitana è bravo ad ammonire il fiorentino per simulazione. 

74' Numero sulla destra di Vidal che stoppa a seguire un rinvio di Bravo, ma al momento di servire Vargas Dominguez legge il passaggio e spazza in fallo laterale. 

L'esultanza liberatoria dello Stadio Nacional di Santiago del Cile. 

71' La Roja dopo il vantaggio sembra più tranquilla nella gestione del possesso palla, con la Tricolor che non riesce a salire in pressione nella metà campo avversaria. 

Primo cambio per l'Ecuador: esce Lastra, dentro Quinonez. 

Cambio anche per Sampaoli, il secondo: fuori Valdivia, dentro Mati Fernandez. 

Apre il piatto destro lo juventino, Dominquez intuisce ma non arriva. 

VIIIIIIDALLLLLL!!! AAAARTUUUUUUUUUUROOOOOOOO VIIIIIDAL!!!! 1-0 CILE! IL VANTAGGIO DELLA ROJA DAL DISCHETTO! 

Vidal sul dischetto, tra le proteste dei giocatori ecuadoregni. Vidal cerca il contatto, ma ingenuo il difensore nell'intervento dopo che lo juventino l'aveva superato!

RIGORE! RIGORE PER IL CILE! L'HA GUADAGNATO VIDAL! GIUSTO IL PENALTY!

63' VARGAS!!!! CALCIA A BOTTA SICURA DA BUONA POSIZIONE MA DOMINGUEZ RESPINGE! 

61' CONTROPIEDE REPENTINO DI VALENCIA CHE TOGLIE IL TEMPO A JARA IN VELOCITA', MA BRAVO E' VELOCISSIMO IN USCITA A TOGLIERE IL TEMPO DELLA CONCLUSIONE ALL'ATTACCANTE! 

59' Valdivia riceve sulla trequarti e cerca l'inserimento di Vargas alle spalle della difesa, ma l'assistenza è leggermente lunga. 

57' Pericolosissimo passaggio arretrato di Jara per Bravo che fa correre un brivido agli spettatori presenti, con Valencia appostato sulla traiettoria che non c'arriva per un'inezia. 

56' Attacco alla mano del Cile: Mena serve Valdivia centralmente che scarica per l'arrivo di Vidal che col sinistro spara a lato. 

55' Ancora Ecuador in avanti, sempre Montero sulla sinistra che è incontenibile, ma il suo cross è preda di Jara che spazza. 

53' VALENCIA! CHE OCCASIONE PER L'ATTACCANTE DEL WEST HAM! ANCORA MONTERO SCATENATO SULLA SINISTRA, METTE A RIMORCHIO PER ENNER CHE COL DESTRO SPARA A LATO CON BRAVO CHE SEMBRAVA SPIAZZATO! 

52' Sanchez fa impazzire tutta la difesa della Tri, ma al momento di battere a rete, dopo due finte, perde l'attimo e permette la chiusura della difesa ecuadoregna. 

50' Messo bene l'Ecuador in questo inizio di ripresa: reparti equidistanti e spazi ridotti al limite della praticabilità per i cileni, che fanno fatica a trovare Valdivia tra le due linee di difesa e centrocampo avversarie. 

47' Prova il guizzo al limite dell'area di rigore Sanchez, ma viene raddoppiato da Paredes ed Achillier e perde la sfera. 

46' Cambia atteggiamento Sampaoli, con il Cile che si dispone con il 4-3-1-2 che doveva iniziare la gara. 

FISCHIA PITANA! L'ECUADOR DA INIZIO ALLA RIPRESA! 

2.45 Torna in campo l'Ecuador. In attesa dell'arrivo del Cile. C'è un cambio nella Roja, dentro Edu Vargas al posto di Beausejour. 

Sugli scudi per il Cile, soprattutto nei primi 10 minuti, Jorge Valdivia, che crea per Sanchez due occasioni d'oro che il nino maravilla non sfrutta. Il Cile cala, l'Ecuador esce e grazie alle scorribande di Jefferson Montero riesce ad impensierire la retroguardia cilena: pericoloso Martinez al 20' con il mancino deviato da Bravo. Sul finire di frazione Isla distrugge Ayovì sulla destra e si rende pericoloso col sinistro che lambisce il palo. Meglio il Cile nel complesso, ma la squadra di Sampaoli pecca di cinismo e si specchia spesso nelle sue trame di gioco. 

FISCHIA PITANA! IL PRIMO TEMPO DELLA SFIDA SI CHIUDE SULLO 0-0, MA LE OCCASIONI NON SONO MANCATE!

1 minuto di recupero. 

45' Valencia prova a far salire l'Ecuador aprendo sulla sinistra per Montero in transizione offensiva, ma il passaggio del centravanti è leggermente arretrato e l'abbrivio dell'azione si perde, con il Cile che torna tutto dietro la linea della palla fatta eccezione per Sanchez. 

Questa l'occasione sul cross di Isla dopo l'azione tutta di prima al 37'

42' Ancora un fallo, questa volta di Lastra su Isla: giallo anche per il mediano ecuadoregno. 

E' tornato a premere il Cile, soprattutto sulla destra dove Isla sta facendo il vuoto contro Ayovì che non lo tiene, ma la Roja pecca di cinismo in fase realizzativa. Tante belle azioni, ma mai o quasi pericolose dalle parti di Dominguez che fin qui non ha effettuato salvataggi miracolosi. 

39' ISLAAAAAAA!!!! ANCORA MAURICIO ISLA INDEMONIATO SULLA DESTRA! ANCORA UN UNO DUE CON SANCHEZ, RICEVE IN AREA, CONTROLLA E BATTE DI SINISTRO: PALLA CHE SFIORA IL PALO ALLA DESTRA DI UN DOMINGUEZ BATTUTO!

37' ANCORA UNO SCAMBIO SPETTACOLARE TRA ISLA E VIDAL, CON IL TERZINO CHE RICEVE DI TACCO DAL CENTROCAMPISTA DELLA JUVE, MA IN AREA DI RIGORE DOPO IL CROSS ED UNA SERIE DI BATTI E RIBATTI, VALDIVIA NON RIESCE A CHIUDERE A RETE. 

Un'istantanea dello scontro tra Sanchez ed Ayovì

35' Ancora pericoloso Montero sulla sinistra, ma ancora una volta dopo una buona discesa personale, sia Bolanos che Valencia sono in ritardo. Bravo esce in presa a mezza altezza. 

34' Possesso palla esclusivamente della Roja (73%), anche se la squadra di Sampaoli non riesce a trovare il varco giusto una volta arrivata sulla trequarti offensiva. 

Ammonito Jara per scorrettezze in area di rigore ai danni dell'attaccante sul quale era in marcatura. 

31' Cross dalla sinistra di Montero, Medel non controlla e concede il corner. Attenzione ai calci piazzati degli ospiti, che possono sfruttare la maggiore prestanza fisica. 

Sanchez sulla barriera, poi Jara libera la sfera evitando spiacevoli sorprese vista la pressione ecuadoregna nella sua metà campo difensiva. 

28' Numero di Valdivia al limite dell'area di rigore, Bolanos lo atterra, per Pitana è punizione. Ottima posizione per il destro di Valdivia, ma anche di Sanchez. 

26' Dopo un buon inizio del Cile, nel primo quarto d'ora con un paio di occasioni da rete, la spinta offensiva della Roja si è un pò arrestata, con l'Ecuador che è uscito dal guscio e ha messo paura ai cileni col sinistro di Fidel Martinez. 

24' Primo giallo del match! E' per Martinez che da dietro ha scalciato Vidal. 

22' CHE AZIONE DEL CILE! TUTTO DI PRIMA! SANCHEZ PER ISLA, POI AL CENTRO PASSANDO DA VALDIVIA CHE FA IL VELO PER L'INSERIMENTO DI SANCHEZ CHE DI PRIMA INTENZIONE SERVE ISLA IN AREA DI RIGORE, MA IL CROSS DEL TERZINO DEL QPR E' PREDA DI DOMINGUEZ! 

21' Torna in attacco il Cile. Valdivia apre per Isla che gli ritorna la sfera per il cross, ma Sanchez viene anticipato da Erazo. 

18' MARTINEZ! CHE SINISTRO! MA CHE RISPOSTA DI BRAVO! Ecuador vicino al vantaggio! 

18' SI ACCENDE MONTERO! VA VIA A TRE AVVERSARI MA IL SUO CROSS NON RIESCE A TROVARE IL TAP-IN DI VALENCIA! 

17' Prova a partire in contropiede Enner Valencia ma sbaglia l'appoggio centrale, Aranguiz prova il lancio immediato per Vidal, ma il suggerimento è lunghissimo. 

15' Sanchez dai trenta metri col destro, Erazo devia la conclusione e facilita la parata di Dominguez

12' Spettacolare Sanchez nello stretto, cerca Isla in area, ma chiude Achillier

10' Prova ad uscire l'Ecuador, Bolanos cerca Valencia, ma Medel e Jara chiudono con facilità e riparte la Roja. 

9' Valdivia è ispirato. E' ovunque il mago: cerca la posizione, riceve palla e disegna il campo per i tagli continui dei compagni in profondità. La difesa altissima dell'Ecuador sta però facilitando il tema tattico dei padroni di casa. 

8' Sempre Cile che fa la partita. Si cerca molto la fascia destra presenziata da Isla con Sanchez e Valdivia che vanno a dare sempre una mano per scambiare all'ex Juventus, con Vidal lato debole che cerca di inserirsi senza palla. 

6' Cile molto più aggressivo che è entrato maggiormente in partita rispetto agli ecuadoregni che dopo un buon pressing iniziale hanno già perso le distanze e non riescono mai a mantenere il possesso palla. Cile in scioltezza. 

4' ANCORA SANCHEZ IMBECCATO DA UNA PUNIZIONE FANTASTICA DI VALDIVIA ISPIRATISSIMO! IL PALLONETTO DELL'EX UDINESE E' PERO' PREDA DI DOMINGUEZ! 

2' SANCHEEEEEEZZZ!!! COS'HA FATTO SANCHEZ! BUCO CENTRALE PER VALDIVIA CHE INVENTA PER EL NINO MARAVILLA CHE S'INCUNEA MA DI PUNTA NON TROVA LA PORTA! 

2' Ecuador subito molto aggressivo sulla trequarti, con il Cile che non riesce a manovrare con tranquillità. 

Chiaro lo schieramento tattico con il quale Sampaoli schiera il suo Cile! Difesa a tre, con Medel centrale! 

SI PARTE! TUTTO PRONTO PER IL CALCIO D'AVVIO! PITANA SANCISCE L'INIZIO DELLA COPA AMERICA 2015! IL CILE HA VINTO IL SORTEGGIO E DARA' IL VIA ALLA GARA! 

E' il momento del Cile! Inno cantato a cappella da tutto l'Estadio Nacional di Santiago Del Cile. UNO SPETTACOLO! DA BRIVIDI! 

Si parte con l'inno nazionale degli ospiti. L'inno ecuadoregno. 

1.30 Squadre in campo! Tra il boato della folla cilena presente sugli spalti. Tutto pronto per gli inni nazionali e poi si partirà! La Copa America 2015 sta per iniziare!  

Lo stadio Nacional trasuda di passione per l'ingresso in campo della Roja. Ecco gli spalti dello Stadio della capitale a pochi minuti dall'inizio del match. 

Per il momento formazioni confermate! C'è Vidal tra i ventidue che stanno per scendere in campo. 

ATTENZIONE! RISENTIMENTO MUSCOLARE PER ARTURO VIDAL DURANTE IL RISCALDAMENTO! 

01.15 Nel frattempo si sono riempiti gli spalti dello Stadio Nacional. Ecco la panoramica dello stadio completamente vestito di rosso. 

Questa la distinta quando all'inizio del match mancano soltanto venti minuti. 

01.10 Tutto confermato invece nell'Ecuador, con Quinteros che conferma gli undici della vigilia puntando su Martinez che dovrebbe partire sulla fascia esterna ed Enner Valencia davanti con Bolanos. 

01.05 Stravolge la squadra Jorge Sampaoli tornando alla difesa a 3 vista nel Mondiale brasiliano! C'è Medel in difesa, con Isla e Beausejour sulle fasce. Vidal con Valdivia dietro Sanchez, unica punta. 

Ecuador (4-4-2) - Dominguez; Paredes, Achiller, Erazo, W.Ayovi; Martinez, Noboa, Lastra, Montero; Bolaños, Valencia.

Cile (3-4-2-1) - Bravo; Medel, Jara, Mena; Isla, Aránguiz, Díaz, Beausejour; Vidal, Valdivia; Sánchez

01.00 Le formazioni ufficiali! Scopriamo assieme le scelte dei due allenatori, Jorge Sampaoli da una parte, Quinteros dall'altra. 

Squadre in campo per il riscaldamento pregara. Non sembra essere della gara Eduardo Vargas che potrebbe essere risparmiato per il resto della competizione. 

00.55 Questo il tabellone di tutta la manifestazione, quantomeno della prima parte riservata ai tre gironi! 

00.50 Arrivano le prime immagini dagli spogliatoi. Ecco quelli dei padroni di casa del Cile. 

L'arrivo allo stadio di Arturo Vidal e dei giocatori ecuadoregni

Lo stadio inizia a colorarsi di Rosso fuoco, il colore della Nazionale di Jorge Sampaoli padrona di casa. 

Nel frattempo, sul terreno di gioco dello Stadio Nazionale di Santiago del Cile, le immagini della cerimonia d'apertura. 

00.45 Precedenti: l'ultimo scontro diretto risale al 2013 ed è stato vinto dal Cile (2-1); negli ultimi sei precedenti assoluta parità con tre vittorie per parte, l'ultimo pareggio tra Cile ed Ecuador risale a dieci anni fa. Un dato curioso, per tre volte l'Ecuador ha già inaugurato la Copa America in Cile e per tre volte a Santiago sono arrivate sconfitte pesantissime: 5-0, 6-0, 7-1.

00.40 CI SIAMO! INIZIA QUESTA LUNGA DIRETTA CHE INAUGURA LA 44^ EDIZIONE DELLA COPA AMERICA 2015, CON IL CILE CHE OSPITERA' LA PIU' IMPORTANTE COMPETIZIONE SUDAMERICANA PER NAZIONALI! INIZIA LA COPA AMERICA, METTETEVI COMODI, NON PERDETE NEMMENO UN'EMOZIONE DI QUESTA FANTASTICA COMPETIZIONE! 

00.30 Buonanotte amici lettori di Vavel Italia e benvenuti alla diretta testuale della partita inaugurale della Copa America 2015, che apre i battenti allo Stadio Nazionale di Santiago Del Cile, dove i padroni di casa della Roja, il Cile, affronterà l'Ecuador di Quinteros. Andrea Bugno e la redazione calcio di Vavel Italia vi augurano un piacevole racconto della partita in nostra compagnia. 

24 ore e sarà guerra! Sportiva, certo, ma la Copa America che apre i battenti questa sera con la sfida tra i padroni di casa di Sampaoli e Vidal contro l'Ecuador, sarà una delle manifestazioni continentali sudamericane più belle ed equilibrate degli ultimi anni. Uruguay detentore del titolo, Brasile con la voglia di riemergere dopo il Mineirazo, l'Argentina col dente avvelenato per la finale del Mondiale persa, il Cile che gioca in casa e non vuole andar via dalla manifestazione senza motivi d'orgoglio Nazionale. Insomma, si alza il sipario, si inizia. 

Questa la guida alla Copa America di Vavel Italia

Si inizia questa sera con Cile-Ecuador, sfida inaugurale della Copa America 2015 che vedrà impegnati i padroni di casa di Jorge Sampaoli, reduci da un fantastico Mondiale dove sono stati eliminati dal Brasile ai calci di rigore dopo aver ottenuto lo scalpo della Spagna campione di tutto. 

Cile - Portieri: Claudio Bravo (Barcellona), Johnny Herrera (Un. de Chile), Paulo Garcés (Colo-Colo). Difensori: Gonzalo Jara (Magonza,), Gary Medel (Internazionale), Mauricio Isla (QPR), Eugenio Mena (Cruzeiro), José Rojas (Un. de Chile), Miiko Albornoz (Hannover 96). Centrocampisti: Jean Beausejour (Colo-Colo), Arturo Vidal (Juventus), Matias Fernandez (Fiorentina), Jorge Valdivia (Palmeiras), Carlos Carmona (Atalanta), David Pizarro (Fiorentina), Charles Aranguiz (Internacional), Felipe Gutierrez (Twente), Marcelo Diaz (Amburgo). Attaccanti: Alexis Sanchez (Arsenal), Edu Vargas (QPR), Mauricio Pinilla (Atalanta), Edson Puch (Huracán), Angelo Henriquez (Dinamo Zagabria).

Ecuador - Portieri: Alexander Dominguez (LDU Quito), Esteban Dreer (Emelec), Librado Azcona (Independiente del Valle). Difensori: Juan Carlos Paredes (Watford), Frickson Erazo (Gremio), Gabriel Achilier (Emelec), John Narvaez (El Nacional), Oscar Bagui (Emelec), Walter Ayovi (Pachuca), Arturo Mina (Independiente del Valle), Mario Pineida (Independiente del Valle). Centrocampisti: Christian Noboa (PAOK Salonicco), Renato Ibarra (Vitesse), Pedro Qunonez (Emelec); Osbaldo Lastra (Emelec), Fidel Martinez (Universidad de Guadalajara), Jonathan Gonzalez (Universidad de Guadalajara), Michael Arroyo (América), Juan Cazares (Banfield), Fernando Hidalgo (LDU Quito). Attaccanti: Enner Valencia (West Ham United), Jaime Ayovi (Godoy Cruz), Jefferson Montero (Swansea), Miller Bolaños (Emelec).

Ritenuta da molti osservatori del calcio sudamericano come la miglior nazionale di sempre nella storia del football cileno, la Roja padrona di casa è definitivamente chiamata a disputare una Copa America di alto livello, con il dichiarato intento di vincerla dopo la drammatica eliminazione ai rigori ai mondiali dello scorso anno negli ottavi di finale ad opera del Brasile.

L'ispiratore della manovra è il Mago Valdivia, spesso però subentrante dalla panchina, capace di giocate da fuoriclasse accompagnate tuttavia da ricorrenti pause e da una gracilità fisica che ne ha sempre condizionato il rendimento. I punti di riferimento della squadra sono i soliti Vidal, Sanchez e Vargas, anche se l'ex Napoli si è infortunato e non dovrebbe essere disponibile. Il sistema di Sampaoli prevede movimento continuo, dinamismo adeguatamente valorizzato dall'abbondanza di talento a disposizione. Sulla carta il reparto difensivo è quello meno affidabile, stante la carenza di centrali di ruolo, con Medel adattato in retroguardia e con l'ex bianconero Isla a più agio come esterno di centrocampo che come terzino. In porta la certezza si chiama Claudio Bravo, vincitore della Liga come estremo difensore del Barcellona, protagonista di una stagione straordinaria (culminata in una fantastica prestazione nel Clasico comtro il Real Madrid al Camp Nou).

La Tricolor abbandonò il Mondiale brasiliano ai gironi, dietro Francia e Svizzera, ma lo fece a testa alta, facendosi apprezzare per la qualità del gioco. L'Ecuador parte nei pronostici un po' dietro rispetto al Cile, non fosse altro per tre assenze pesantissime: Angel Mena, Felipe Caicedo e soprattutto il Red Devil Antonio Valencia. Chi ci sarà, però, sarà l'altro Valencia, Enner, tra le rivelazioni dell'ultimo mondiale, che insieme al trequartista Miller Bolanos e a due ali tecniche e veloci quali Jefferson Montero e Renato Ibarra, consentirà a mister Quinteros di schierare un 4-2-3-1 tutto sprint e tecnica. Cervello del centrocampo "l'europeo" Noboa, mentre a dirigere la retroguardia ci sarà l'esperto capitano Ayovì, che in Cile potrebbe tagliare il traguardo delle 100 presenze in nazionale.

Il 4-4-2 del Ct della Trì può cambiare in corsa in un 4-2-3-1, anche grazie alla presenza in rosa di uno dei migliori talenti del campionato Argentino: Juan Cazares, trequartista del Banfield, ceduto al Taladro dalla florida scuola del River Plate. Bruciante nello scatto e nell'accellerazione, il brevilineo centrocampista coniuga queste caratteristiche a un buon dribbling in progressione. Forse un po' acerbo sotto porta, ma a soli 23 anni vi sono ampi margini di miglioramento. Oltre che di senatori come Ayovì e Noboa, la rosa è irrorata dei migliori giocatori dell'Emelec, squadra campione d'Ecuador proprio sotto la guida di Quinteros, di cui il più in forma è Miller Bolanos, miglior marcatore del club di Guayaquil nell'edizione attuale della Copa Libertadores. Nel girone tecnicamente più debole della competizione, questa potrebbe essere l'occasione per la Tricolòr di essere la rivelazione del torneo.

Cile - La Roja si prepara all'esordio con un solo risultato ammesso: la vittoria. Partire in quarta nella prima giornata del girone sarebbe fondamentale per creare subito la posizione di leadership che i cileni proveranno a imporre a tutti i costi. Sampaoli schiererà i suoi uomini con un 4-3-1-2, con Arturo Vidal presente a centrocampo. Il bianconero, nonostante il volo perso per il Cile, è arruolabile per l'esordio e il tecnico argentino non se ne priverà. Diaz e Aranguiz completeranno il terzetto  alle spalle di uno dei giocatori più attesi della competizione: Jorge Valdivia. El Mago, trequartista ad altissimo tasso poetico, rientra dopo l'infortunio trovando la sua 10 pronta ad attenderlo. Nel gioco verticale e intenso di Sampaoli, Valdivia potrà inventare a beneficio di Alexis Sanchez, uomo chiave della Roja, ed Edu Vargas, reduce da un lungo stop, che si gioca il posto da attaccante con Pinilla. 

Ecuador - La gara inaugurale è sulla carta è la più impegnativa del girone per l'Ecuador di mister Quinteros, che disporrà un ordinato 4-4-2, che potrebbe evolversi in un 4-2-3-1 a seconda di come si muoverà Miller Bolaños, seconda punta agile e guizzante che ruoterà intorno al top player della Trì, Enner Valencia. In settimana Quinteros ha espresso la propria soddisfazione per la presenza della punta del West Ham, che considera fondamentale per il percorso dell'Ecuador. Confermati anche Jefferson Montero e Fidel Martinez, esterni ad alto voltaggio offensivo che proveranno a fulminare la difesa alta schierata da Sampaoli. 

Cile - (4-3-1-2): Bravo; Isla, Medel, Jara, Mena; Aranguiz, Diaz, Vidal; Valdivia; Sanchez, Vargas. All. Sampaoli.

Ecuador - (4-4-2): Dominguez; Paredes, Erazo, Achillier, W. Ayovi; Noboa, Lastra, Montero, Martinez; Bolanos, E. Valencia. All.: Quinteros

Jorge Sampaoli ha parlato nella consueta conferenza stampa pregara delle ambizioni del suo Cile e della gara di questa sera. Queste le parole del mister cileno: "Il ritardo dei big non ci porterà problemi e con l’Ecuador sarà di sicuro una bella partita perché loro hanno caratteristiche molto diverse da noi". Successivamente passa all'analisi tecnica degli avversari: "Loro attaccano molto gli spazi, sono duri, veloci. Quanto a noi, abbiamo due diverse situazioni mentali in cui entrare: la paura di perdere e l’attesa del successo. Se entriamo nella seconda settimana, questa Coppa ce la godremo. Ci servirà solo freddezza nel segnare". Certezze che derivano da una Coppa del Mondo fantastica, giocata benissimo dove la Roja eliminò la Spagna ai gironi e stava per fare il colpo grosso contro il Brasile. Queste le motivazioni di Sampaoli: "Ma ho ottime sensazioni, non vedo l’ora che venga domani: vedrete un Cile diverso da quello del Mondiale, possiamo approcciare ogni partita in vari modi". 

Arturo Vidal ha parlato delle possibilità del suo Cile di conquistare la Copa. Ecco le sue parole alla vigilia della gara: "Credo che dall’ultima coppa America in Argentina siamo cresciuti, siamo pronti a un’impresa importante. Per quanto mi riguarda, visto il momento che sto vivendo, arrivare ora in nazionale è l’ideale". Il Cile è uno dei papabili al trono sud-americano. Assieme a Brasile, Argentina e Colombia la Roja si giocherà, probabilmente spinta dal pubblico di casa, il trofeo tanto  atteso. Gli nominano Messi, Neymar, James Rodriguez ma lui va avanti per la sua strada: "Siamo all’altezza di tutte le altre, e poi giochiamo in casa, il nostro pubblico ci spingerà. In che posizione giocherò? Decide lui, el profe (e indica Sampaoli), e io do il massimo. Ma quella in cui mi trovo meglio è dove gioco con la Juve. Sì, sento la pressione, come tutti gli altri. Ma più ne abbiamo più siamo determinati a giocare bene e vincere". Infine, inevitabilmente, si torna alla finale di Champions e Arturo ride: "Non è mai facile perdere una finale, ma è stato comunque bello averla giocata. E sono felice per il mio amico Claudio Bravo, che l’ha vinta". Chiude con una battuta sulle sue condizioni fisiche dopo il viaggio estenuante: "Quanto a me, sto bene: c’è voluto tempo per recuperare dall’infortunio al ginocchio ma nel frattempo sono cresciuto fisicamente. Dite che siamo la miglior generazione cilena di sempre? È venuto il momento di dimostrarlo".


Anche se l'Ecuador è la seconda selezione più sconfitta di questa edizione della Copa America, l'ecuadoriano Gustavo Quinteros ha confermato che la sua squadra giocherà a testa altissima al debutto contro il Cile: "Non voglio dire che la mia squadra giocherà in difesa, si adatterà al gioco dell'avversario. Non saremo indietro. Cercheremo sempre di pressare alto gli avversari in modo da avere la palla più lontana possibile dalla nostra area di rigore. Sappiamo che il Cile gioca molto bene. Sarà una gara in cui la squadra che sarà più concentrata e farà meno errori vincerà. Alexis e Arturo sono giocatori che giocano molto bene nei loro campionati, ma noi abbiamo giocatori veloci per sfruttare gli spazi e metterli in difficoltà. Dobbiamo togliere loro la palla".

Ecuador sfavorito nei pronotici, ma ​Rodrigo Figueroa, però, potrebbe avere la soluzione giusta. Il preparatore atletico dell’Ecuador infatti avrebbe qualche anno fa somministrato del Viagra ai giocatori del Blooming, squadra colombiana, per combattere l’effetto dell’altitudine. Lo riporta la Gazzetta dello Sport. Figueroa però in un’intervista a El Universal ha poi spiegato: "Non sono mica un rappresentante di medicine. In Bolivia mi hanno appiccicato questa fama, ma di fatto lo fanno anche tante squadre brasiliane. Il Viagra non è altro che un vasodilatatore temporaneo, solo che viene usato per provocare erezioni e allora ci si scherza su. Tutto quello che a me interessa è che non si tratta di doping".