Diretta Atletico Madrid - Real Madrid in la partita di Champions League (0-0)

Diretta Atletico Madrid - Real Madrid in la partita di Champions League (0-0)
Atletico Madrid
0 0
Real Madrid
Atletico Madrid : Oblak; Juanfran, Miranda, Godin, Siqueira; Arda Turan, Gabi, Mario Suarez, Koke (Fernando Torres min.83); Mandzukic, Griezmann (Raul Garcia min.77)
Real Madrid : Casillas; Carvajal (Arbeloa min.84), S.Ramos, Varane, Marcelo; Modric, Kroos, James; Bale, Benzema (Isco min.74), C.Ronaldo
ARBITRO: Mazic (SER) ammonisce Mandzukic (min.54), Raul Garcia (min.80), S.Ramos (min.80), Mario Suarez (min.84)
NOTE: Stadio Vicente Calderon, andata dei quarti di finale di Champions League, di fronte Atletico Madrid e Real Madrid

Per questa sera è tutto, Johnathan Scaffardi e Vavel Italia vi ringraziano per aver seguito la partita in nostra compagnia.  

Modric, il migliore del Real:

Dopo un primo tempo di stampo ospite, partita più equilibrata nella ripresa, con l'Atletico che riesce a mettere in campo una maggior fisicità, inibendo un Real meno propositivo. Interessante l'esperimento finale di Simeone con il doppio nove. Nella lotta esce l'Atletico, ma il Real esce dal Calderon con il pari auspicato da Ancelotti. 

90' + 3' - Decisivo Varane sull'ultimo sussulto dell'Atletico, termina 0-0 il primo atto della super sfida tra Atletico e Real, verdetto rimandato al Bernabeu.

90' + 2' - Non da forza al tiro Ronaldo, ben contrato, e per Oblak è tutto facile. 

Buon impatto sulla partita di Torres. Il Nino mette in difficoltà il Real. 

90' - Pericoloso Mario Suarez, l'Atletico sfrutta le palle da fermo, Casillas si arrangia. 

89' - Marcelo finisce nella lista dei cattivi, anche lui out per il ritorno, finale confuso. 

86' - Modric! Conquista la palla respinta dalla difesa dell'Atletico e va al tiro, ma non riesce a impensierire Oblak. 

84' - Cartellino anche per Mario Suarez. Diffidato, salta il ritorno. Punito l'intervento su Isco. Nel Real, Arbeloa per Carvajal.  

83' - Simeone si gioca la doppia punta, Torres con Mandzukic, fuori Koke. Arda Turan torna sull'esterno. 

81' - Super giocata di Arda Turan, ora piazzato dietro a Mandzukic, si salva Varane, con l'aiuto di Casillas. 

80' - Doppio giallo. Ammoniti Raul Garcia e S.Ramos, si surriscaldano gli animi. 

77' - Simeone risponde con Raul Garcia, esce Griezmann. 

74' - Molti errori di misura, figli di tensione e stanchezza. Ancelotti prepara la carta Isco. Fuori Benzema.

71' - Mandzukic rischia il rosso! Ancora un contatto in quota, gomito su Carvajal. 

69' - Muro Atletico! Marcelo sfonda a sinistra, Benzema, solo, cerca l'assist, Bale e Ronaldo non passano!

66' - In tuffo Varane spazza l'area, perfetto il francese fino a questo momento. 

La crescita di Koke e Arda Turan permette all'Atletico di creare di più. Il Real ha meno forza davanti, perché fatica in costruzione.  

61' - Ronaldo ne salta tre, quattro in area, ma Benzema controlla malissimo e l'azione sfuma. 

60' - In due a chiudere su Griezmann, Arda Turan bravo a liberarsi sulla destra e a mettere in mezzo. Più Atletico nella ripresa. 

Qui il tentativo precedente di Arda Turan:

57' - Si rivede il Real. Destro di Kroos da fuori, Oblak sempre presente. 

54' - Rientra ora Mandzukic, ancora infuriato col direttore di gara. Subito giallo. Punta Varane e arriva il provvedimento. 

Mandzukic fuori per medicare una ferita al volto, dopo il contrasto aereo con S.Ramos, Atletico in dieci da qualche minuto. 

50' - Juanfran si libera di James e trova al centro Arda Turan, ma il colpo di testa termina a lato. 

47' - Accerchiato e fermato Ronaldo. Quando la palla arriva al portoghese sale il tenore dei fischi. Il Calderon identifica il pericolo numero uno. 

45' - Koke e Arda danno il via alla ripresa. Stessi 22 al via. 

21.45 - Squadre pronte al ritorno in campo. 

Il duello Mandzukic - S.Ramos:

Non un fattore Ronaldo fino a questo momento:

Termina la prima frazione di gioco, senza recupero. Meglio il Real di Ancelotti, per larghi tratti padrone del campo. Oblak decisivo in diverse occasioni, Simeone chiede l'aiuto del Calderon, ma l'Atletico è racchiuso nelle idee di Griezmann. 

45' - Cross di Siqueira, stacco di Griezmann! Non riesce a inquadrare la porta il francese. 

43' - Contropiede Real! Pazzesca progressione di Varane, poi Benzema non riesce a recapitare il pallone a Ronaldo, James la rimette ma Oblak si oppone!

40' - Circolazione del Real e puntata di Modric, palla alta sopra la traversa. 

38' - Primo intervento anche per Casillas. Griezmann controlla e calcia dal limite, ma non crea eccessivi a problemi al portiere del Real. 

36' - James Rodriguez! Esterno dal limite velenoso, Oblak deve allungarsi per sventare la minaccia. 

34' - Palla che rimbalza pericolosamente nell'area del Real, Sergio Ramos libera di testa. 

31' - Sinistro improvviso di Bale, Oblak respinge!

29' - Allontana Godin, sul pallone messo al centro da Carvajal. Cross troppo basso, dopo una buona giocata di Benzema. 

La punizione calciata da Ronaldo:

27' - Si muove molto Modric, fondamentale il croato nel gioco del Real. Tocca a lui dare i ritmi alla squadra. 

24' - Prezioso l'apporto in fase difensiva di Mandzukic. Il croato mette pressione a Modric e Kroos, impedendo una tranquilla circolazione. 

22' - Ronaldo batte forte ma la punizione impatta sulla barriera, il Real continua a tessere la tela, ma l'Atletico sembra aver preso le misure. 

Siqueira insegue Bale:

16' - Bravissimo Varane a chiudere su Griezmann. Guizzo del francese su Sergio Ramos, poco sostegno però da parte dei centrocampisti dell'Atletico. 

14' - L'Atletico si fa sentire dal piazzato, Casillas allontana con i pugni l'angolo calciato da Gabi. 

12' - Non trova l'impatto col pallone Ronaldo, dopo un buon lavoro della coppia Carvajal - Bale sulla destra. 

11' - Ancora storie tese, Sergio Ramos - Gabi nel mezzo. Duro il centrale del Real, ma sul pallone. 

9' - Punizione da molto lontano di C.Ronaldo, Oblak controlla il rimbalzo e tiene con sicurezza il pallone. 

6' - Inizia forte il Real, Atletico chiuso e pronto a ripartire. Grande personalità degli uomini di Ancelotti, scintille tra Mandzukic e Sergio Ramos. 

4' - Oblak! Decisivo! Grave errore di Godin che lancia Bale verso la porta, ma il gallese è stoppato dall'uscita perfetta del portiere!

2' - Primo squillo del Real! Cross di Carvajal, lungo per Bale, rimette al centro Benzema e sulla respinta è ancora Carvajal ad andare al tiro. Oblak senza problemi in presa. 

20.45 - Si parte!

Per Pepe si parla di un problema alla caviglia, ecco il perché della scelta Varane. Telecamere per Ronaldo, dall'altra parte Griezmann, sono gli uomini del momento.  

20.40 - I giocatori sono nel tunnel che conduce al terreno di gioco, fuori il clima è già incandescente, i tifosi dell'Atletico cantano da tempo, cornice da brividi al Calderon. 

20.35 - Coraggio e cuore, le armi dell'Atletico sono le stesse da sempre. Lo stesso Simeone riconosce la superiorità del Real, almeno sulla carta, i biancorossi puntano su concetti differenti, l'anima del Cholo per arginare il talento galattico. 

20.30 - Non manca il sostegno per il Real:

Ma la serata è dell'Atletico:

20.25 - Attenzione ai possibili duelli sull'esterno. Siqueira - Bale, possibile trampolino per il Real, mirino Atletico posto invece su Carvajal e Marcelo. I terzini bianchi amano offendere, meno prestare attenzione alla copertura. 

Una bellissima vignetta che racconta delle due squadre. La ferocia dell'Atletico, un Real che deve prestare attenzione, senza indietreggiare eccessivamente.

20.20 - In conferenza, Ancelotti difende Casillas. Tocca ancora a San Iker, al Calderon. Serve una prestazione importante per allontanare le critiche. 

Il mondo aspetta Cristiano, Ronaldo è pronto a rispondere?

20.10 - Una bella grafica, tratta da WhoScored, che racconta Atletico Madrid - Real Madrid:

Un dolce ricordo per l'Atletico:

L'arrivo del Nino Torres, questa sera in panchina:

20.00 - Il pubblico, un fattore. Una marea si preparare a inondare lo stadio per sostenere l'Atletico Madrid (fonte As):

Il Calderon:

19.55 - Simeone scioglie invece il dubbio sull'out di sinistra in favore di Siqueira. A centrocampo, il dinamismo di Mario Suarez preferito alle geometrie di Tiago. 

19.45 - Ancelotti sceglie quindi di non rischiare il rientrante Pepe e si affida al giovane Varane, tutto confermato davanti, con Bale dal primo minuto. James in mediana con Modric e Kroos. 

19.40 - I numeri di Cristiano Ronaldo, impressionanti:

- Ronaldo ha realizzato 16 gol in 20 presenze contro l'Atlético, segnando una tripletta in un 4-1 in Liga l'11 aprile 2012. Nella finale di Coppa del Re 2012/13 ha segnato un gol, ma poi è stato espulso e la sua squadra ha perso 2-1

L'undici del Real Madrid:

19.30 - Poco più di un'ora al fischio d'inizio. Entriamo nella sfida analizzando qualche numero. (Fonte Uefa.com)

- La sconfitta a Lisbona è stata l'unica dell'Atlético nelle ultime nove partite europee contro le squadre spagnole (V5 P3). La squadra di Madrid non perdeva dal 2-0 contro il Villarreal CF nella finale di andata di Coppa UEFA Intertoto 2004. 

-  Le merengues non hanno segnato solo in una delle ultime 28 trasferte di UEFA Champions League, ovvero nella gara persa 1-0 in casa dell'Olympique Lyonnais agli ottavi del 2009/10 che ha decretato l'eliminazione con un 2-1 complessivo. Nelle ultime 28 partite esterne in Europa, il Real ha perso solo cinque volte.

Buonasera e benvenuti alla diretta scritta live e di Atletico Madrid - Real Madrid (20.45), incontro valido per l'andata dei quarti di finale della Uefa Champions League 2014/2015. Si ritrovano, quasi dodici mesi, Atletico e Real, in un remake della finale dello scorso anno, decisa con un colpo di coda galattico. Il sogno infranto dell'Atletico di Simeone, la gioia del Real per la Decima, la rincorsa riparte questa sera, al Calderon, prima della resa dei conti del Bernabeu. Scenario diverso rispetto al passato, perché diverse sono le condizioni di Atletico e Real

La finale Champions dello scorso anno:

Il Real si presenta all'appuntamento sullo slancio di tre successi consecutivi, raccolti con Granada, Rayo e Eibar. Gol a grappoli e buone sensazioni, il rientro di Modric in regia, il "peso" di Sergio Ramos dietro, James, il talento, tra mediana e comparto d'attacco. Il Real di Ancelotti, quello straripante del primo scorcio di stagione, è di nuovo al suo meglio. In Liga, la vetta è a due punti e anche la Champions, dopo il brivido corso con lo Schalke, torna ad accogliere il Madrid con un sorriso. 

Più difficoltà per Simeone. L'Atletico non ha la continuità della scorsa stagione, rivoluzionato in estate, procede a corrente alterna. Il pari della Rosaleda è un piccolo campanello d'allarme. Alle spalle di un Griezmann di lusso, la squadra fatica. Quando mancano i titolarissimi, l'incedere è meno prepotente. Il gioco di Simeone prevede un dispendio energetico, fisico e mentale, esagerato e l'Atletico, specie in Liga, tende a pagare a intervalli regolari. Attualmente, l'Atletico occupa la terza posizione in campionato, ma il Valencia, vincente ieri sera, è a un solo punto e si fa minaccioso. 

Dalla parte dell'Atletico i precedenti stagionali. Sei incontri fino ad oggi, 4 vittorie per l'Atletico di Simeone e due pareggi. Ancelotti fatica a trovare la giusta chiave per scardinare l'impatto dei biancorossi. I Colchoneros hanno vinto entrambe le partite di Liga, 2-1 fuori casa e 4-0 in casa: quest'ultima è stata la vittoria più ampia sul Real dal 1987 e, per la prima volta dal 1950/51, hanno vinto entrambi i derby di campionato. L'Atletico si è imposto anche al secondo turno di Coppa del Re (2-0 in casa, 2-2 fuori casa) e in Supercoppa spagnola (1-1 fuori casa, 1-0 in casa).  In totale, le squadre si sono affrontate 201 volte fra campionato e coppa, con 103 vittorie del Real, 50 dell'Atlético e 48 pareggi. 

Atletico Madrid - Real Madrid 4-0, l'ultimo appuntamento al Calderon:

Ai quarti di finale per il quinto anno consecutivo (con quattro qualificazioni consecutive e otto nelle ultime nove partecipazioni), il Real cerca di diventare la prima squadra a difendere il titolo nell'era della UEFA Champions League. La serie di 10 vittorie consecutive dei Blancos si è interrotta al ritorno degli ottavi con la sconfitta casalinga per 4-3 contro l'FC Schalke 04. Per l'occasione, Ronaldo ha segnato i gol numero 77 e 78 nelle competizioni UEFA per club, superando il record dell'ex madridista Raúl González. Il Real ha superato il turno grazie alla vittoria per 2-0 in Germania. Il Real ha vinto otto delle ultime 10 trasferte nella competizione, con tre successi esterni su tre in questa fase a gironi. L'unica sconfitta risale ai quarti della scorsa edizione contro il Borussia Dortmund, 2-0 in Germania dopo una vittoria per 3-0 in casa.

Dopo aver vinto le tre partite casalinghe del girone con un punteggio complessivo di 10-0, l'Atlético insegue la quinta vittoria casalinga consecutiva in questa edizione del torneo. Agli ottavi, inoltre, ha vinto a Madrid contro il Bayer 04 Leverkusen per 1-0, ma ha perso fuori casa con lo stesso risultato e si è imposto solo ai rigori per 3-2.

Ancelotti "Non abbiamo l'ossessione dell'Atletico ma quella dei quarti di finale. Il nostro obiettivo non è battere l'Atletico ma sognare l'undicesima Champions. Le sconfitte contro l'Atletico (4 in stagione, più due pareggi, ndr) sono sempre state diverse, è difficile dire cosa sia successo ma lo abbiamo analizzato. Ora abbiamo davanti due partite e anche pareggiarle entrambe potrebbe essere importante. Noi giocheremo per vincere ma senza l'ossessione di dover vincere a tutti i costi. Non è un problema di modulo, l'importante è giocare una partita compatta, di personalità".

"Simeone? È un grande allenatore, lo ha dimostrato sotto tutti gli aspetti. È uno dei migliori al mondo, affrontarlo è un onore ma anche un problema. L'Atletico è un avversario complicato, ha una grande personalità difensiva, un rivale nei confronti del quale abbiamo il massimo rispetto, che lotta dal primo all'ultimo minuto. Il mio futuro non dipende da questa sfida ma dal lavoro di una stagione di cui questa partita fa parte - spiega l'allenatore emiliano -. Per cui credo che un giudizio sul mio lavoro arriverà a fine stagione".

Simeone "Questa gara sarà diversa, con giocatori in entrambe le squadre che non erano presenti nella finale di Lisbona. Loro hanno più talento individuale in diversi ruoli. Non guardo ai match precedenti perché questa partita sarà differente e sarà giocata con grande intensità. Loro hanno giocatori straordinari e noi rispettiamo l’abilità di ciascuno di loro. Non possiamo scegliere i nostri avversari. Ammiro Ancelotti come uomo, non cambia il suo pensiero sia che la squadra vinca sia che perda. È motivo di orgoglio competere contro i migliori e Carlo è uno di questi. C’è grande sintonia tra calciatori e pubblico. Essere tra le prime otto squadre d’Europa deve rendere i nostri tifosi orgogliosi. Dobbiamo concentrarci solo su questa partita, per il momento, perché abbiamo una grande occasione”.

Sul fronte formazioni, Ancelotti ha pochi dubbi. In difesa probabile il rilancio di Pepe. Il portoghese rientra dall'infortunio. Con l'Eibar una manciata di minuti per testare la condizione, questa sera probabile maglia da titolare. Carvajal e Marcelo sugli esterni, Ramos a completare il reparto. Kroos e James Rodriguez tornano dopo il turno di stop in Liga, con loro il cervello di Modric, davanti il tridente delle meraviglie, Ronaldo - Benzema - Bale. Il gallese, scongiurata l'ipotesi di un infortunio serio al piede, prende posto sulla destra, mentre il transalpino, in panchina in campionato, si pone al centro dell'attacco. Tre i diffidati del Real: Coentrao, Kroos e Marcelo. A proposito di Khedira, il centrocampista rientra nella lista dei convocati, ma non è al meglio, come Coentrao. 

Bale, questa sera torna titolare:

Simeone scioglie qualche dubbio già alla vigilia. Tra i pali Oblak, davanti Mandzukic, dopo l'opaca prova di Torres a Malaga. Griezmann ad affiancare il colosso croato. La difesa a quattro prevede la coppia centrale titolare, Godin - Miranda, con Juanfran a destra e a sinistra un ballottaggio tra Jesus Gamez e Siqueira. L'oro del Cholo nel mezzo. Koke e Arda Turan a ispirare partendo dai lati, Gabi e Tiago in costruzione. Diffidati: Gabi, Ansaldi, Jesus Gamez, Mario Suarez, Torres.