Champions League, Luis Enrique è senza Messi: "Leo è insostituibile"

Il tecnico dei blaugrana ha parlato in conferenza stampa, in vista del match di domani tra Barcellona e Bayer Leverkusen al Camp Nou

Champions League, Luis Enrique è senza Messi: "Leo è insostituibile"
Champions League, Luis Enrique è senza Messi: "Leo è insostituibile"

Domani sera alle 20.45 al Camp Nou andrà in scena Barcellona-Bayer Leverkusen, seconda giornata della fase a gironi di Champions League, ma non ci sarà Leo Messi:a causa della rottura del legamento collaterale rimediata sabato scorso, nella gara vinta al Camp Nou contro il Las Palmas, La Pulcei dovrà stare fuori tra le sette e le otto settimane. Il tecnico blaugrana Luis Enrique , commenta così l'assenza di Messi: "Leo è un giocatore insostituibile, ma non è la prima volta quest'anno che giocheremo senza di lui. Ci è già successo in precampionato.Ho capito che tutta la conferenza stampa sarà sull'infortunio di Messi. Io Leo ieri l'ho visto bene, con il morale alto. Certo come qualsiasi giocatore che ha appena subito un infortunio e che deve riprendersi. Diciamo che sono già due giorni in meno di recupero rispetto a sabato. Per fortuna non sono giornalista e non devo inventarmi titoli per descrivere la situazione. Vivremo le prossime settimane come una grande sfida per tutti. Sarà un periodo in cui tutti dovranno dare il meglio di sé stessi. Io non ho molto da dire ai miei perché sono dei campioni e sanno come scendere in campo. Al contrario, credo che l'assenza di Leo sarà uno stimolo per gli altri  Ma per questo la squadra non cambia mentalità, giocheremo come facciamo sempre con altri protagonisti. Proveremo a fare a meno di lui puntando su altri calciatori. Non serve che qualcuno prende il posto di Messi: Neymar deve fare il Neymar, Suarez il Suarez e così via". 

 Sulla formazione di domani: “Bravo sono due giorni che si allena con il gruppo, anche Jordi Alba è a disposizione. Per Adriano invece non penso che ci sarà, perchè non si è allenato. La possibilità di cambiare schema di gioco in base alla partita o all'avversario di turno è qualcosa a cui pensiamo sempre durante la settimana.  Sappiamo che Neymar con Brasile ha giocato in posizioni diversa rispetto a come gioca con noi, per esempio, e in base alle necessità e agli infortuni non escludiamo mai l'eventualità di modificare il modo di stare in campo".. Poi l'ex tecnico giallorosso è ritornato sulla sfida di domani con il Bayer Leverkusen: "Quella tedesca è una squadra molto forte, difendono bene e dovremo dunque fare una gara all'altezza. . Non cambia il fatto di aver pareggiato con la Roma, partita che sono convinto avremmo meritato di vincere. Se vogliamo arrivare primi nel girone è una partita che dobbiamo vincere".