Bayern, la voce di Guardiola: "Non ci sono favoriti"

Alla vigilia del match con l'Arsenal, il tecnico ha parlato in conferenza stampa insieme a Muller e Xabi Alonso.

Bayern, la voce di Guardiola: "Non ci sono favoriti"
@FCBayern

Vigilia di granda sfida europea in casa Bayern Monaco. I campioni di Germania in carica (e di questo passo anche futuri) hanno viaggiato nel pomeriggio alla volta di Londra, dove domani sera affronteranno l'Arsenal. Prima di scendere in campo per la rifinitura, il tecnico Pep Guardiola è passato in sala stampa per la conferenza di rito della vigilia, nelle quale ha parlato anche del suo dirimpettaio Arsène Wenger, spendendo parole di elogio: "Io non riuscirei a stare 20 anni in un club, il potere mi avrebbe fatto fallire. Inoltre penso che la gente sarebbe annoiata dopo 20 anni con lo stesso allenatore, ma con Wenger è diverso, lui è un manager, è più di un allenatore e ha cambiato il club nel tempo. Ci sono molti buoni allenatori, ma la maggior parte sono allenatori che hanno una buona squadra. Molti fanno un ottimo lavoro anche se non giocano per il titolo". 

Poi ha pensato più al campo, specificando l'importanza e la difficoltà del match: "L'Arsenal deve per forza vincere domani, noi abbiamo un vantaggio che dobbiamo difendere, dobbiamo giocare una partita intelligente. Due anni fa contro di noi hanno giocato bene, a me non importa che siano a zero punti. La squadra ha grande qualità e giocatori tecnicamente forti, è difficile trovare uno di loro non sicuro con la palla. Si parte da 0-0 e si gioca 90 minuti, alla pari. Non siamo ancora qualificati, dobbiamo giocare contro una delle migliori squadre d'Europa. Non so se è la migliore versione degli ultimi anni, ma è al top della forma".

Più sbrigativo invece sulle questioni contrattuali ("Il mio contratto? Il club lo sa, pensiamo al campo") e sugli indisponibili dell'ultim'ora: "Costa sta un po' meglio, Coman è partito con noi, decideremo domani pomeriggio".

Prima del tecnico anche il centrocampista Xabi Alonso ha parlato, in particolare dell'atmosfera inglese che torna a riassaporare dopo i tanti anni nel Liverpool: "Siamo un po' sorpresi delle prime due sconfitte dell'Arsenal, ma anche se hanno zero punti sono una buona squadra. Noi siamo ben preparati, mi piace affrontare squadre di Premier League. Ho esperienza in Spagna e Germania e sono contento di averle fatte, ogni paese è diverso. La Premier League richiede molti sforzi, non essendoci pause invernali".

Tempo anche per le lodi, quelle ai suoi compagni di squadra, uno in particolare: "Lewandowski è in uno stato di forma incredibile, è un grande giocatore e aiuta anche noi centrocampisti, è sicuramente uno dei giocatori chiave". E anche per gli avversari: "Wenger è molto importante per il club, è una grande personalità calcistica e ho molto rispetto per lui".

Anche Thomas Muller si è presentato in conferenza stampa, rilasciando dichiarazioni sui Gunners: "L'Arsenal è sotto grande pressione, ma non si può parlare di favorite. Hanno un gioco di tutto rispetto, sia noi che loro attacchiamo molto, speriamo sia una buona partita, con il lieto fine in nostro favore".