Il City attende il Gladbach, chi non vince può perdere l'obiettivo

Gli inglesi devono ottenere i tre punti per sperare di soffiare il primo posto alla Juve, i tedeschi con una vittoria sono sicuri del passaggio in Europa League, mentre in caso di pareggio o sconfitta devono sperare in una non-vittoria del Siviglia.

Il City attende il Gladbach, chi non vince può perdere l'obiettivo
Il City attende il Gladbach, chi non vince può perdere l'obiettivo
Manchester City
Borussia Monchengladbach

Il destino appeso a un filo, quasi senza margine d'errore. Quasi, perchè tra Borussia Moenchengladbach Manchester City stasera ci si gioca tanto, molto più che tre punti che potrebbero aiutare una delle due a raggiungere il proprio obiettivo. Gli inglesi tra le mura amiche hanno battuto il Siviglia ma perso con la Juve, proprio quella Juve che aspira al primo posto e cerca almeno un pareggio sul campo del Siviglia per chiudere il girone da imbattuta, proprio quel Siviglia che vincendo punta a superare i tedeschi e ad aggiudicarsi il posto valido per l'Europa League, competizione vinta negli ultimi due anni. Ma il City non ci sta, il Borussia non ci sta. E per queste motivazioni forti potremmo vedere una partita spettacolare.

Le due squadre giocano un ottimo calcio, il Gladbach viene dalla vittoria per 3-1 sul Bayern e da una striscia di 12 risultati utili consecutivi tra tutte le competizioni ed è tra le squadre più in forma di tutto il panorama europeo. Dall'altra parte non si può dir lo stesso per il Manchester City, squadra che vive di alti e bassi ed è reduce dalla débacle sul campo dello Stoke City. In generale, la stagione degli Sky Blues ha poco da salvare, e la qualificazione come prima del girone rappresenterebbe un passo importante in avanti.

Certo è che per Pellegrini le cose non sono facili al momento. Il tecnico ci mette anche del suo, ma anche la situazione infermeria non lo aiuta. Per la gara di stasera sono out quatto leader come Zabaleta, Kompany, Touré e Aguero, oltre a Nasri, Fernando e Demichelis. Sarà 4-2-3-1 con spazio per Delph a centrocampo e Bony in avanti, mentre sulla trequarti dovrebbe esserci Silva. Dietro coppia centrale composta da Otamendi e Mangala. La partita è delicata, ma Pellegrini ha provato a togliere pressione ai suoi ieri: "Se non finiamo primi non è una tragedia, abbiamo già giocato due volte contro la Juventus, la miglior squadra del girone".

Chi non conosce pressione è Schubert, i suoi giocano sulle ali dell'entusiasmo e di fatto senza pensieri e senza nulla da perdere, anche se questa sera in realtà qualcosa da perdere ce l'hanno, ovvero il terzo posto che vale la qualificazione in Europa League. "Vogliamo continuare la nostra avventura europea, faremo tutto quel che possiamo contro una grande squadra e in un grnade ambiente". Tante assenze anche per i tedeschi, pesa quella di Traoré, titolare fisso con Schubert, che potrebbe sorprendere un po' cambiando anche modulo e passando a un 3-4-2-1, anche se l'ipotesi più probabile è quella con il solito 4-4-1-1 e l'avanzamento di Korb sulla linea mediana per sostituire l'ex Stoccarda.