Champions League - L'Hapoel vince ma non basta, ai gironi va il Celtic

La squadra israeliana va vicina alla clamorosa rimonta, ma il risultato finale è solamente di 2-0, mentre sarebbero servite tre reti per accedere alla fase a gironi. Gli scozzesi quindi riescono a difendere il 5-2 dell'andata ed ora attendono l'esito del sorteggio.

Champions League - L'Hapoel vince ma non basta, ai gironi va il Celtic
twitter.com/Record_Sport
Hapoel Beer Sheva
2 0
Celtic
Hapoel Beer Sheva: Goresh; Bitton, Miguel Vitor (Shabtai, min.75), Tzedek, Davidzada; Radi, Ogu, Hoban; Melikson (Buzaglo, min.34), Maranhao (Sahar, min.19), Nwakaeme. A disp: Haimov, Broun, Ohayon, Taha. All. Bakhar
Celtic: Gordon; Janko, Tourè, Lustig, Tierney; Brown, Bitton, McGregor (Sviatchenko, min.66); Forrest (Rogic, min.46), Griffiths (Dembele, min.57), Sinclair. A disp: De Vries, Izaguirre, Armstrong, Roberts. All. Rodgers
SCORE: 1-0, min. 21, Sahar. 2-0, min. 48, Hoban.
ARBITRO: Bas Nijhuis (NED). Admonished Janko (min. 14), McGregor (min. 57), Gordon (min. 92), Shabtai (min. 93)
NOTE: Ritorno playoff di Champions League. Stadio "Turner Stadium", Be'er Sheva.

L'Hapoel Beer Sheva va vicino alla clamorosa rimonta, con le due reti realizzate da Sahar e Hoban, ma il Celtic riesce a difendere fino al 90' il vantaggio accumulato nel match d'andata. Gli israeliani rimpiangono il rigore sbagliato da Radi sullo 0-0, ma anche le tante occasioni sbagliate durante la sfida.

Il Celtic mette in mostra una prestazione di solo cuore, concentrandosi prevalentemente sulla fase difensiva. Ciò danneggia gli uomini di Rodgers che tendono ad arretrare eccessivamente il baricentro, lasciando l'iniziativa agli avversari. Il pressing degli israeliani funziona, ma non viene adeguatamente finalizzato. L'Hapoel comincia ad inanellare cross dalle fasce, ma nessuno di questi arriva a destinazione a causa dell'ottima organizzazione difensiva scozzese.

Allora Nwakaeme, il più talentuoso dei suoi dopo l'uscita di Maranhao, cerca le conclusioni dalla distanza che però non vanno mai a buon fine. A tal punto i padroni di casa non possono far altro che accettare il risultato, uscendo dalla sfida con la consapevolezza di aver fatto tutto il possibile, infatti l'applauso finale dei tifosi sta proprio a testimoniare ciò. Il Celtic invece torna a casa con una qualificazione complessivamente meritata, soprattutto per quanto fatto vedere all'andata ed ora aspetta di conoscere le avversarie della fase a gironi, con il sorteggio che si terrà Giovedì 25/8 alle 18 a Montecarlo.

L'Hapoel parte con i ritmi giusti rendendosi pericoloso già al 2' con un tiro a giro di Hoban ben parato da Gordon. Il Celtic si fa vedere in avanti con un colpo di testa di Lustig che termina oltre la traversa. Al quarto d'ora l'Hapoel ha l'occasione per sbloccare la sfida: contatto in area di rigore scozzese tra Maranhao e Janko; l'arbitro indica il dischetto; dagli 11 metri va Radi che calcia centralmente favorendo la parata dell'estremo difensore avversario.

Passano pochi minuti ed i padroni di casa trovano il vantaggio: su azione d'angolo il neo entrato Sahar salta più in alto di tutti superando Gordon per il gol dell'1-0. L'autore della rete cerca il raddoppio poco più tardi con un tiro da posizione defilata dopo aver superato Janko, ma la palla si perde a lato.

Il Celtic si proietta in avanti con Griffiths che tira in maniera potente ma Goresh non si fa sorprendere e para. Al 35' Sinclair gira da dentro l'area costringendo l'estremo difensore avversario ad una nuova deviazione. Nwakaeme difende palla al limite dell'area di rigore e prova la conclusione, Gordon però blocca la sfera senza problemi. Ancora il n.9 israeliano tenta la sortita dalla distanza trovando l'ottima parata di Gordon. Al 45' è sempre Nwakaeme a rendersi protagonista di un nuovo tiro da fuori area che però risulta nuovamente impreciso.

E' l'ultima emozione dei primi 45 minuti che hanno visto l'Hapoel partire forte per cercare la rimonta, ma gli attaccanti israeliani non si sono dimostrati sufficientemente cinici tranne che in occasione del gol.

Il secondo tempo si apre col 2-0 dei padroni di casa: incomprensione tra Janko e Gordon, ne approfitta Hoban che deposita la palla in fondo alla rete. Al 53' l'Hapoel va vicino al tris con Radi che crossa per Sahar, il quale prova a far da sponda per Nwakaeme, la difesa scozzese riesce a rinviare con un intervento tempestivo. Gli israeliani insistono con Hoban che fugge via sulla sinistra e crossa in mezzo dove trova Sahar che gira verso la porta avversaria ma Gordon in due tempi blocca la sfera. Al 60' Dembele riceve sulla fascia sinistra e si accentra, dopodichè lascia partire un tiro a giro che termina di poco a lato.

Hoban prova a rendersi pericoloso con un tiro dalla distanza che deviato da Sahar viene abbrancato da Gordon. Al 64' Sinclair entra dentro l'area di rigore vincendo un rimpallo, dopodichè calcia verso la porta avversaria ma Goresh con una gran reattività respinge la sfera che termina sui piedi di Dembele, il quale viene anticipato provvidenzialmente da Bitton. Al 69' Buzaglo ci prova con una girata da dentro l'area che finisce di poco sul fondo. L'Hapoel cerca la rete con Hoban che giunge su una respinta della difesa avversaria e tira di prima intenzione, Gordon non si fa sorprendere e blocca a terra la conclusione dell'esterno israeliano.

All'87' Nwakaeme tenta la sortita personale dalla distanza che però finisce abbondantemente oltre la traversa. Nel recupero Buzaglo ci prova direttamente su calcio di punizione ma la mira risulta imprecisa. Finisce 2-0 e con questo risultato il Celtic passa alla fase a gironi di Champions League mentre l'Hapoel retrocede in Europa League.