Partita Manchester City vs Borussia Mönchengladbach in Champions League 2016/17 (RINVIATA)

Partita Manchester City vs Borussia Mönchengladbach in Champions League 2016/17 (RINVIATA)
Live Manchester City vs Borussia Mönchengladbach | Fotomontaggio VAVEL
Manchester City
Borussia Mönchengladbach
Manchester City: (4-2-3-1) Bravo; Zabaleta, Stones, Otamendi, Kolarov; Fernandinho, David Silva; Navas, De Bruyne, Sterling; Aguero.
Borussia Mönchengladbach: (3-4-1-2) Sommer; Elvedi, Christensen, Strobl; Kramer, Dahoud, Johnson, Wendt; Stindl; Raffael, Hahn.
ARBITRO: Bjorno Kuipers (GER)
NOTE: Etihad Stadium, Manchester. Gara valida per la 1^ giornata del gruppo C di UEFA Champions League.

E' tutto, dunque, per la sfortunata serata di Manchester. A nome di Andrea Ciaramellano la redazione calcio di Vavel Italia Vi ringrazia per aver seguito la breve diretta dal campo e Vi augura una buona serata con gli appuntamenti di Champions League, live, qui su Vavel Italia.

20.37 - La pioggia torrenziale ha frenato il debutto del City di Guardiola in Champions, domani sera a meno di clamorosi colpi di scena si scenderà in campo. Intanto, la serata è comunque piene di match stellare che potete seguire in diretta su VAVEL

Paris Saint-Germain - Arsenal 

Dinamo Kiev - Napoli

Barcellona - Celtic

Bayern Monaco - Rostov 

PSV - Atletico Madrid 

20.28 - NON SI GIOCA QUINDI A MANCHESTER! SI RECUPERA DOMANI!

20.27 - UFFICIALE DALL'ACCOUNT DEL MAN CITY: "Club announcement: Tonight’s #UCL match between #mcfc and @borussia_en has been postponed due to adverse weather conditions. #cityvbmg"

20.25 - Secondo Schubert, pare che il calcio d'inizio sia stato spostato momentaneamente alle 21.15 

20.22 - Non giungono ancora posizioni ufficiali dal Manchester, attendiamo con impazienza novità

20.17 - Ancora Max Eberl in diretta: "The kick-off is still set for 20:45 CEST, but looking at the rain right now, I'm not sure it will stay that way."

20.15 - Il team arbitrale sta ancora testando il pallone nelle diverse zone di campo, ma il terreno di gioco sembra davvero non permetterne il rimbalzo. Difficile iniziare in queste condizioni. 

20.14 - Aggiornamenti dal campo: parla ​Max Eberl: "The warm-up has been delayed. We will sit down again in 10 minutes and discuss the latest." 

Un solo cambio per Guardiola rispetto alle previsioni della vigilia: c'è Jesus Navas dal 1' al posto del connazionale Nolito. Diversamente Schubert, effettua più di una sostituzione: fuori Jantsckhe e Traorè, dentro Dahoud e Johnson. In avanti Hahn scalza Raffael e affianca Thorgan Hazard. 

20.05 - Intanto, via con le formazioni ufficiale delle due squadre. 

MANCHESTER CITY (4-2-3-1) Bravo; Zabaleta, Stones, Otamendi, Kolarov; Fernandinho, David Silva; Navas, De Bruyne, Sterling; Aguero

BORUSSIA MONCHENGLADBACH (3-4-1-2) Sommer; Elvedi, Christensen, Strobl; Kramer, Dahoud, Johnson, Wendt; Stindl; Raffael, Hahn.

20.00 - Situazione in divenire, ecco come si presenta lo stadio a 45' dall'inizio del match.

19.58 - Attenzioni, rovesci intensi sulla città di Manchester in questo preciso istante. L'arbitro Kuipers è sul terreno zuppo dell'Etihad Stadium per controllare il rimbalzo del pallone. 

19.55 - Benvenuti alla diretta scritta live e dell'incontro Manchester City-Borussia Mönchengladbach, match valido per la prima giornata del girone C. Gruppo che comprende anche Barcellona e Celtic. Inizia il percorso della Champions League 2016/17, con Guardiola che punta a Cardiff dopo le tre semifinali consecutive al Bayern Monaco.  

L'esultanza dei citizens contro il M.United | Foto: mirror.uk
L'esultanza dei citizens contro il M.United | Foto: mirror.uk

Notte di stelle, notte per alimentare un sogno nel cassetto. Il cassetto è l'Europa, il sogno si chiama Champions League. La coppa dalle grande orecchie, desiderata e bramata in ogni angolo del Vecchio Continente, potrebbe sembrare una sorta di disturbo psichico, se aveste assistito ad una seduta di Freud con Gianlugi Buffon paziente numero uno. Patologica o no, la Champions scalda i cuori e le serate di metà settimana. A scaldare i tifosi del Manchester City, ci ha pensato in primis Pep Guardiola, un filosofo, a suo modo, che troverebbe più spunti con Marx e la sua collettivizzazione dei mezzi, che con Freud e la psicoanalisi. A dirla tutta e banalizzando. Il tecnico catalano ha già rivoluzionato usi e costumi in quel di Manchester, ottenendo risultati eccezionali: sei partite, sei successi. L'ultimo in ordine di tempo, nel derby contro i Red Devils: 1-2 nel teatro di Old Trafford.

Come ha cambiato i citizens, lo spiego qui (Cambiare pelle). Ma sintetizzando e semplificando, il maestro non si affida a numeri prestabiliti perché nel corso della partita tutto muta e si trasforma grazie al movimento che imponi. La base è un 4-2-3-1, Fernandinho e David Silva sono gli uomini chiave, in senso assoluto. Probabilmente senza di loro, il City avrebbe qualche difficoltà in più nell'orchestrare quanto fatto finora. Il brasiliano, equilibratore e centrale difensivo aggiunto in costruzione, possiede forza fisica, agilità e un'ottima tecnica che lo rendono perfetto nel ruolo che intende Guardiola. Silva è l'Iniesta della situazione, colui che apre la scatola difensiva e vede quello che altri non vedono in quel preciso istante. Poi, Sergio Aguero. Il Kun è disponibile in Champions - mentre in Premier deve scontare altre due giornata - e, dopo la tripletta messa a segno nei preliminari contro lo Steaua Bucaresti, ha voglia di ripetersi e trascinare la squadra ai primi tre punti nel girone.

Nonostante qualche incertezza nel derby di sabato, Claudio Bravo difenderà lo specchio di porta. In difesa, spazio a Zabaleta a destra con Stones-Otamendi e Kolarov confermatissimi sulla stessa linea. A centrocampo, Fernandinho in posizione più bassa con Sterling a destra, De Bruyne, David Silva e Nolito, dietro a Sergio Aguero. 

(4-2-3-1) Bravo; Zabaleta, Stones, Otamendi, Kolarov; Fernandinho, David Silva; Sterling, De Bruyne, Nolito; Aguero. 

Il gladbach in trionfo sullo Young Boys | Foto: UEFA.com
Il gladbach in trionfo sullo Young Boys | Foto: UEFA.com

Il Borussia Mönchegladbach non avrebbe immaginato un girone così duro neanche nel peggiore degli incubi: Barcellona, Manchester City e Celtic estratti dall'urna di Nyon. La squadra di André Schubert ha centrato l'accesso alla competizione grazie al doppio successo ottenuto contro lo Young Boys nei play-offs: 1-3 rifilato in Svizzera, addirittura un 6-1 al Borussia-Park, con il fratellino di Hazard, Thorgan, e Raffael protagonisti assoluti con una tripletta a testa. Meno netto il breve percorso in campionato, con una vittoria in due partite giocate. L'ultima, in ordine di tempo, la sconfitta nella trasferta di Friburgo per tre reti ad una. 

La formazione tedesca ha cementificato il proprio assetto con la difesa a tre e un trequartista dietro le due punte. Diversi sono i giovani interessanti nel Gladbach, oltre Thorgan Hazard, soprattutto Nico Elvedi, Andreas Christensen e Mahmoud Dahoud. Quest'ultimo, pare proprio che sarà uno dei prossimi pezzi pregiati del mercato con Juventus e Liverpool già pronte ad acquisirlo. Si vocifera abbia una clausola da 1o milioni di euro a partire dalla stagione 2017/18, così fosse sarebbe guerra aperta per trovare un accordo contrattuale con il '96 tedesco. Gli altri due classe 1996 sopracitati, sono due dei tre difensori che compongono il pacchetto arretrato: Elvedi è 100% del Borussia, acquistato la scorsa estate dallo Zurigo; Christensen è in prestito dal Chelsea fino al 2017. 

Nel debutto con il City, Schubert non dovrebbe effettuare variazioni rispetto alla sconfitta in Bundesliga con il Friburgo. Davanti al portiere svizzero, Sommer; spazio a Jantschke con Christensen ed Elvedi. Assenti dunque Docoure e Dominguez. In avanti i dubbi sono legati ai nomi di Drmic e Hermann, entrambi con qualche acciacco fisico.  Sulla fascia destra di centrocampo dovrebbe quindi toccare ancora a Ibrahima Traoré, con Oscar Wendt a sinitra e Kramer-Strobl in mezzo. Stindl a supporto delle due punte, Hazard e Raffael. 

(3-4-1-2) Sommer; Jantschke, Christensen, Elvedi; Traoré, Kramer, Strobl, Wendt; Stindl; Hazard, Raffael. 

Josep Guardiola | Foto: thenational.ae
Josep Guardiola | Foto: thenational.ae

Josep Guardiola in conferenza stampa: "Il Borussia è una squadra coraggiosa, tra le migliori in Europa, con un allenatore coraggioso. Se li facciamo giocare, possono sfruttare le loro qualità. È stato un sorteggio difficile per noi, sicuramente a causa del Barcellona, ma anche del Gladbach. Sono molto intelligenti, i mediani sono offensivi, contrattaccano da maestri, da squadra tedesca. Hanno creato un ambiente positivo per un bel modo di giocare". 

Clicca qui per leggere la conferenza integrale. 

André Schubert in conferenza stampa: "La stagione è appena iniziata ma penso che i record, i risultati ed il gioco che il Manchester City sta ottenendo e mostrando in Premier League parlino per loro. Hanno grandi possibilità quest'anno di vincere il titolo, è per quello che Pep è venuto qui. Stanno cercando di allentare le aspettative ma sono una delle migliori squadre al mondo, hanno speso molti soldi e hanno in panchina uno dei più bravi". Dopo gli elogi ai rivali, parla anche della sua squadra e di quello che bisogna fare: "Vogliamo essere coraggiosi. Il calcio è un bellissimo gioco, è divertente e scendiamo sempre in campo per provare ad essere all'altezza dell'avversario e mai con la paura di perdere. Daremo il nostro meglio, consapevoli che giocheremo contro una squadra fortissima".

Raheem Sterling in rete | Foto: getty images
Raheem Sterling in rete con il Gladbach| Foto: getty images

Sono quattro i precedenti tra le due squadre, ben due di questi avvenuti durante il girone di Champions League dello scorso anno. Ebbe la meglio in entrambe le occasioni il Manchester City: 1-2 al Borussia-Park con la rimonta in extremis firmata da Sergio Aguero su calcio di rigore. Nell'ultima sfida che ha chiuso il gruppo insieme a Juventus e Siviglia, i citizens hanno superato per 4-2 i rivali con la doppietta di Raheem Sterling, nel giorno del suo 22esimo compleanno, e le marcature di David Silva e Wilfried Bony. Con questo risultato il City riuscì a piazzarsi al primo posto, condannando la Juve a pescare una top di gamma agli ottavi come il Bayern Monaco.