Arsenal - Ludogorets diretta, LIVE Champions League 2016/17 (6-0): TRIPLO OZIL!

Arsenal - Ludogorets diretta, LIVE Champions League 2016/17 (6-0): TRIPLO OZIL!
Live Arsenal-Ludogorets, Champions League 2016/17 in diretta
Arsenal
5 0
Ludogorets
Arsenal: (4-2-3-1): Ospina, Bellerìn, Mustafi, Koscielny, Gibbs; Santi Cazorla (58' Elneny), Coquelin; Walcott (61' Lucas Perez), Ozil, Oxlade-Chamberlain; Sanchez. All. Wenger
Ludogorets: (4-2-3-1): Stoyanov; Minev, Moti, Palomino, Natanael; Anicet, Djakov; Misidijan, Wanderson, Marcelinho; Cafù. All. Demendzhiev
SCORE: 1-0, 12', Alexis Sanchez. 2-0, 41', Theo Walcott. 3-0, 46', Alex Oxlade-Chamberlain. 4-0, 55', Mesut Ozil. 5-0, 83', Mesut Ozil. 6-0, 87', Mesut Ozil.
ARBITRO: Artur Dias (POR).

22.50 - Per noi stasera è tutto! Io sono Stefano Fontana, vi ringrazio per avermi seguito e vi raccomando i rimanere sui nostri canali per tutto il meglio del calcio e dello sport internazionale. A nome di tutta la redazione di VAVEL Italia, vi auguro una buona notte. A presto, ciao!

22.46 - Strappo importante in classifica per i Gunners, che tengono il passo del PSG (vittorioso 3-0 sul Basilea) e staccano a +8 Ludogorets e Basilea. La sensazione è che, a nove punti, oramai la faccenda qualificazione sia solo una questione di matematica. Tutto ancora aperto, invece, per il primo posto: lo scontro diretto sarà alla penultima giornata, da giocare a Londra.

22.36 - Pioggia infinita di applausi dell'Emirates per un grandissimo Arsenal, che ha sbloccato la partita dopo appena dodici minuti ed è esponenialmente cresciuto approfittando anche della stanchezza degli avversari, forse un po' troppo spavaldi col passare del tempo ed il diminuire delle forze. Soprattutto nel secondo tempo, i Gunners hanno sempre trovato la via giusta per fare male con tre passaggi. Bel gesto comunque dei tifosi bulgari che applaudono i loro beniamini, che hanno provato a giocarsela a viso aperto e, per quaranta minuti, hanno praticamente fatto gara alla pari con gli inglesi.

90+2' FINISCE QUI! SETTIMA VITTORIA CONSECUTIVA PER L'ARSENAL CHE DOMINA SUL LUDOGORETS! SEI A ZERO CON TRE GOL DI UNO SPLENDIDO OZIL ED UNA GRANDE PARTITA ANCHE DEGLI ALTRI MARCATORI: SANCHEZ, WALCOTT E CHAMBERLAIN.

90+1' - Aneddoto abbastanza divertente, con Mustafi che sta cercando gloria facendo l'attaccante aggiunto. Se ne vedono davvero di tutti i colori ora, mentre Stoyanov respinge il tentativo mancino di Hector Bellerìn.

89' - Non appena è subentrata la stanchezza, si sono aperte vere e proprie prateria in tutte le zone del campo per la squadra di Wenger, che sta letteralmente dominando. Due i minuti del recupero, abbastanza fine a sè stesso, ordinato da Dias.

87' ANCORA! GOL, GOL, GOL! SEI A ZERO PER L'ARSENAL, STA DIVENTANDO UNA MATTANZA QUELLA DELL'EMIRATES! TRIPLETTA DI OZIL! L'assist è ancora di un generosissimo Lucas Perez, abbracciato da tutti i compagni, ma la perla stavolta arriva col mancino: ancora basta un passaggio per tagliare in due la difesa con Lucas Perez che riceve sulla destra e alza la palla per l'inserimento di Ozil. Sinistro al volo, Stoyanov non perfetto sul primo palo, ed ecco che il risultato sembra quello di una partita di tennis a Londra, col Ludogorets che si è sbriciolato minuto dopo minuto sul terreno di gioco. SEI A ZERO ARSENAL.

84' - Apprezzabile l'atteggiamento offensivo scelto, senza timore, da Demendzhiev, ma è palese che contro una squadra rapida e tecnica come l'Arsenal una linea così alta, se non perfetta nel posizionamento, ti esponga a tantissimi contropiedi. Sostanzialmente, tutte le reti dei Gunners sono arrivate grazie ad un inserimento alle spalle della linea difensiva.

82' GOOOOOL! GOOOOL! CINQUINA ARSENAL! ANCORA MESUT OZIL, ASSIST DI LUCAS PEREZ! Stesso schema usato per tutta la partita, con Chamberlain che si accentra, riceve e trova il filtrante micidiale per lo scatto di Perez, bravssimo ad alzare la testa ed a mettere dentro il traversone di prima. Per Ozil è davvero troppo facile schiacciare in porta. Doppietta e, a sorpresa, secondo gol di destro del fantasista tedesco! DOMINIO GUNNERS!

78' - Marcelinho dalla distanza dopo aver fatto fuori Elneny: conclusione troppo alla sinistra di Ospina.

75' - Ritmo più basso ora, ma i bulgari non rinunciano a giocare ed a gestire il possesso.

72' - Non usuale la scelta di Wenger, che con la tranquillità del 4-0 sfrutta tutti i suoi cambi già ad oltre 15 minuti dal termine. Seconda standing ovation della serata, se la merita Alexis Sanchez che dopo una partita semplicemente meravigliosa lascia il posto ad Alex Iwobi.

71' - Solito, grande lavoro in mezzo al campo di Coquelin, anche stasera una diga importantissima per posizione e tempismo del tackle.

70' - Perez è vogliosissimo di segnare il suo primo gol europeo con la maglia dell'Arsenal: qui si avventa sul cross di Chamberlain, anticipa tutti, ma non riesce ad impattare un pallone difficile.

69' - Subito protagonista Keseru: riceve in area e tira in porta, ma viene pizzicato in offside.

68' - Primo cambio anche tra i bulgati, con Keseru che rileva Virgil Misidjan sulla fascia sinistra.

67' - Adesso i biancorossi sono puro spettacolo! Gibbs per Sanchez che dalla trequarti inventa uno scavetto diretto a Chamberlain: girata di destro al volo, ci mette i guanti Stoyanov.

66' - Attenzione! Infuriati tutti i tifosi presenti allo stadio, volevano il rigore! Palomino travolge da dietro Alexis Sanchez, per l'ennesima volta lanciato palla al piede verso Stoyanov in posizione regolare. Il contatto sembrava esserci, ma Dias è vicino e lascia correre.

64' - Chamberlain dialoga con Ozil in area: la palla di ritorno, tra tre avversari, è così bella che neanche lo stesso Chamberlain se la aspettava. Palla sul fondo, sorride e chiede scusa il numero 15.

61' - Standing ovation: passerella d'onore per Theo Walcott che lascia il campo a Lucas Perez appena dopo l'ora di gioco.

60' - Wanderson si addormenta al limite dell'area, Coquelin lo scippa e fa partire l'ennesimo contropiede.

58' - Qualche problemino per Santi Cazorla, che lascia il posto a Momo Elneny. In panchina, il fisioterapista lavora sul piede destro dello spagnolo.

57' - Risultato probabilmente troppo spietato, ma è pur vero che con tutti gli spazi che si sono visti da una parte e dall'altra era prevedibile una tempesta di gol: semplcemente, l'Arsenal è stato più cinico e spietato nello sfruttare le palle gol in ripartenza.

55' OZIIIIIL! OZIIIIIL! POKER DELL'ARSENAL, SEGNA ANCHE MESUT OZIL! Ripartenza del Ludogorets con Marcelinho che cerca uno sbocco centrale: Koscielny interviene perfettamente e da lì bastano due passaggi all'Arsenal, con Coquelin che manda direttamente in porta Ozil sulla corsa. Controllo, destro rasoterra e festa totale all'Emirates!

54' - Sanchez si addormenta! Filtrante fantascientifico di Chamberlain, il cileno potrebbe sfruttare il 3vs2 ma invece cerca il dribbling e perde il tempo del contropiede.

51' - Non molla il Ludogorets, stavolta è Marcelinho a provarci col destro, senza fortuna.

49' - Cafù dalla distanza, tiro che spiove praticamente sulla bandierina...

48' - Walcott! Aveva anticipato il portiere avversario, su suggerimento di Sanchez. Rischia di prendere un'imbarcata che non merita assolutamente il Ludogorets.

47' GOOOOOOOOL! GOOOOOL! PRONTI, VIA, DOPO UN MINUTO L'ARSENAL METTE IN GHIACCIO LA PARTITA! Azione manovrata al limite, l'apertura per Gibbs è perfetta, e sul suo cross basso nessuno riesce ad allontanare efficacemente. Arriva OXLADE-CHAMBERLAIN sulla palla vagante nei pressi del dischetto, e col piattone destro centra l'angolino!

46' ECCOCI, INIZIA LA SECONDA FRAZIONE!

21.47 - Squadre in campo! Nel frattempo, nell'altra partita del girone il PSG è avanti 1-0 sul Basilea, mentre il Besiktas sta espugnando il San Paolo di Napoli per 1-2!

21.46 - Tutto pronto a Londra, questione di manciate di secondi per il fischio d'inizio del secondo tempo.

21.44 - Prima frazione tutto sommato divertente e soprattutto molto emozionante: dalle statistiche, si può leggere di come il Ludogorets sia in atteggiamento tutt'altro che remissivo in questa trasferta. Ottimo comunque lo spirito dell'Arsenal, che al netto di qualche rischio di troppo ha indirizzato subito la partita dove voleva.

45' FINISCE QUI IL PRIMO TEMPO! 2-0 PER UN CINICO ARSENAL CHE APRE LE MARCATURE AL DODICESIMO CON SANCHEZ E RADDOPPIA NEL FINALE GRAZIE A THEO WALCOTT. DUE GOL BELLISSIMI, MA ONORE AL LUDOGORETS CHE HA AVUTO ALMENO DUE CHIARE PALLE GOL PER PAREGGIARE ED IN GENERALE STA AFFRONTANDO I GUNNERS QUASI ALLA PARI DAL PUNTO DI VISTA DEL GIOCO.

43' - Stagione davvero da sogno per Theo Walcott fino ad ora: titolare fisso, sta ripagando la fiducia di Arsene Wenger segnando a ripetizione!

41' - WALCOOOOOOT! COME APPENA DETTO, RADDOPPIA L'ARSENAAAAL! Azione manovratissima, palla toccata praticamente da tutti i giocatori dell'Arsenal in una lunghissima rete di passaggi: alla fine è Chamberlain ad illuminare con un cross molto arretrato che libera Walcott. Un controllo, poi la fucilata di destro dal limite che beffa Stoyanov e fa 2-0!

40' - Continui ribaltamenti di fronte, la sensazione è che non si arriverà al novantesimo con questo risultato: entrambe le squadre sembrano in grado di segnare da un momento all'altro.

39' - Cazorla frana addosso ad Anicet a centrocampo, punizione.

38' - Ancora Ludogorets alla conclusione, stavolta con Wanderson: destro dal limite abbastanza debole seppur angolato, bloccato da Ospina.

37' - Marcelinho dalla trequarti col rasoterra per imbeccare Jonathan Cafù: leggermente lungo, controlla Ospina.

35' - Partita estremamente gradevole a Londra, ci sono tanti spazi e di conseguenza tante occasioni. Ludogorets tutt'altro che rassegnato alla sconfitta, giocano a viso apertissimo i bulgari.

33' - WALCOTT! UN'EMOZIONE DIETRO L'ALTRA ALL'EMIRATES! Azione che sembrava finita dopo il tacco sbagliato da Sanchez, ma in qualche modo dalla confusione esce un filtrante meraviglioso di Coquelin: Walcott è tutto solo in posizione regolare, e scalda le mani dell'attento Stoyanov! Sul corner successivo impatta Mustafi, senza trovare la porta.

30' - ANCORA OSPINA! MA QUANTO RISCHIA L'ARSENAL! Verticalizzazione centrale con Cafù che scapa tutto solo dietro a Koscielny, controlla, viene disturbato da Ospina ed in qualche modo riesce a rigiocarla su Wanderson: rasoiata dal limite che sfiora il palo alla destra del portiere cileno. CHE RISCHIO!

29' - Palomino! Che chiusura! Ozil era scattato in una situazione di 2vs2, ma Palomino con fisico ed esperienza gli leva la palla e fa ripartire i suoi.

28' - Chamberlain! Si accende ora la partita! Bravissimi gli esterni di Wenger a scattare sempre in posizione regolare: qui Oxlade-Chamberlain arriva in area da sinistra, mette dentro a cercare Walcott che sarebbe stato tutto solo a due passi dalla porta vuota, ma il suo traversone è leggermente troppo verso i pali e si spegne sul fondo.

27' - MISIDJAN! Dormita colossale della difesa dell'Arsenal, su una palla abbastanza leggibile Mustafi si fa scappare l'esterno dei bulgari, salva tutto Ospina in uscita!

26' - Riparte bene il Ludogorets, ma Marcelinho spreca tutto col filtrante fuori misura.

25' - Stavolta in apprensione Moti sul cross di Bellerìn: palla messa a disposizione di Ozil dal limite, ma il suo mancino è di nuovo murato.

22' - Djakov rischia tantissimo in uscita, ma alla fine il Ludogorets trova spazio e sfoga la ripartenza fino a trovare Cafù in area: un controllo di troppo, quando calcia Ospina gli chiude lo specchio.

21' - Ottimi primi venti minuti dell'Arsenal, che quando recupera palla trova subito lo scatto degli attaccanti: qui è ancora una volta Sanchez a portarsi dietro mezza difesa, Moti è costretto a stenderlo sulla trequarti.

21' - Tutto rientrato, sembra nulla di grave per l'ala di Wenger.

20' - Rimane a terra proprio Oxlade-Chamberlain, che nel tentativo di evitare l'intervento di Moti ha poggiato male il piede destro.

19' - Chamberlain salta due uomini e prova ad innescare di nuovo Sanchez davanti a lui, ma intuisce tutto Palomino.

18' - Misidjan! Trova un buon varco sulla destra, prende il fondo e calcia, ma è attento Ospina sul suo palo.

17' - Contatto aereo tra Chamberlain e Djakov, che rimane a terra toccandosi il basso ventre.

16' - Lampo! Ottimo inserimento con assist di tacco di Cafù per Marcelinho. Koscielny esce e contrasta, allora la palla torna buona per Wanderson, ma la sua conclusione dal limite finisce altissima.

15' - Con calma, il Ludogorets prova a calmare le acque per riorganizzarsi dopo lo svantaggio.

11' - SANCHEEEEEEEZ! GOOOOOOOOL! VANTAGGIO DELL'ARSENALL! Nel momento in cui si stava alzando il ritmo, arriva il gol MERAVIGLIOSO di ALEXIS SANCHEZ! Il cileno scatta in posizione regolare sulla sinistra, entra in area, evita la scivolata di un avversario e con uno splendido pallonetto di destro mette la palla alle spalle di Stoyanov! ARSENAL IN VANTAGGIO A LONDRA!

10' - Ripartenza veloce dei Gunners, Sanchez scatta e fulmina la linea, ma poi deve evitare il rientro di due avversari e perde il tempo per calciare.

8' - WALCOTT! INCREDIBILE! Palla in area, un rimpallo mette l'inglese tutto solo davanti al portiere, ma il 14 invece di tirare prova a servire Sanchez al centro! Azione sventata, ma una follia di Walcott che poteva calciare in porta da due passi!

7' - Altro cross dalla stessa posizione, stavolta è Walcott a cercare il destro tagliato dopo un rimpallo. Palla lunghissima ed imprendibile per tutti.

6' - Grande verticalizzazione di Mustafi per Bellerìn, bravo a stoppare di petto per poi crossare teso: attento Cosmin Moti.

4' - Bulgari tutt'altro che remissivi: i primi minuti sono all'insegna della circolazione e del pressing alto sui portatori di Wenger.

3' -  Palla dentro per Ozil che si gira e prova a mettere dentro il mancino: tiro-cross facile da leggere per Stoyanov.

2' - Cafù prova a chiudere il triangolo con Wanderson, lanciato in area di rigore, ma Coquelin si abbassa e capisce tutto.

1' - Ci prova subito Natanael col traversone dalla trequarti, attento Laurent Koscielny.

1' SI PARTEEEE!

20.46 - Sorteggio tra Koscielny e Dyakov, tutto pronto per il fischio iniziale.

20.45 - Saluti di rito, ma prima del sorteggio un bel momento di fratellanza, con i giocatori a posare a ranghi misti. "No to racism" è il messaggio  che compare sui gagliardetti.

20.43 - Momento dell'inno della Champions.

20.42 - Eccoli! Squadre in campo! Si fa sentire tantissimo l'Emirates!

20.37 - Ultime fasi del riscaldamento: manca pochissimo al via!

20.33 - Sestina arbitrale tutta portoghese: agli ordini di Artur Dias ci saranno gli assistenti Tavares e Soares, gli addizionali di porta Martins e Pinheiro ed il quarto ufficiale Nuno Pereira.

20.27 - Scatti rubati dei Gunners che arrivano allo stadio, qualche minuto fa.

20.23 - Molto suggestivo l'Emirates: si sta riempiendo lo stadio dell'Arsenal mentre inizia il riscaldamento prepartita.

Ludogorets (4-2-3-1): Stoyanov; Minev, Moti, Palomino, Natanael; Anicet, Djakov; Misidijan, Wanderson, Marcelinho; Cafù. All. Demendzhiev

20.21 - Non cambia di una virgola Georgi Dermendzhiev rispetto alla sua formazione tipo: 4-2-3-1 con Misidjian a fare compagnia al trio brasiliano.

Arsenal (4-2-3-1): Ospina, Bellerìn, Mustafi, Koscielny, Gibbs; Santi Cazorla, Coquelin; Walcott, Ozil, Oxlade-Chamberlain; Sanchez. All. Wenger

20.18 - Qualche sorpresa per Wenger: riposano Xhaka e Iwobi, a partire dall'inizio saranno Francis Coquelin e Alex Oxlade-Chamberlain! Tutti confermati gli altri nove nel 4-2-3-1, con Gibbs sulla fascia sinistra.

20.16 - Eccoci! Mezz'ora al via! Andiamo a vedere le formazioni ufficiali!

Buonasera a tutti! Benvenuti ad un nuovo appuntamento con le dirette scritte di VAVEL Italia! Io sono Stefano Fontana, pronto a raccontarvi un altro match internazionale. Oggi torna in campo la Champions League, e tra gli altri è in campo il girone A! Se a Parigi il PSG cercherà di evitare brutte sorprese dal Basilea, altrettanto dovrà fare all'Emirates Stadium l'Arsenal di Wenger: in cima al girone con 4 punti, le due "big" potrebbero ipotecare la qualificazione vincendo stasera.

Il momento delle due squadre

Partenza a sorpresa per Wenger: se tutti gli occhi della Premier League erano puntati sui vari Klopp, Conte e Mourinho, in realtà l'alsaziano è stato l'unico capace di tenere il passo del Manchester City di Pep Guardiola, a cui è appaiato in classifica: 19 punti e primo posto condiviso. Al rientro dalla sosta nessuna sorpresa per i londinesi: due volte avanti col doppio vantaggio, nonostante il tentativo di suicidio e l'espulsione folle rimediata da Xhaka, il 3-2 è bastato per portare a casa il bottino contro lo Swansea.

Dopo l'inizio drammatico, col 3-4 subito dal Liverpool all'esordio, i Gunners hanno trovato la quadratura del cerchio con Alexis Sanchez prima punta e la coppia di esterni Walcott-Iwobi: da lì in poi, la serie aperta è di dieci risultati utili consecutivi, con otto vittorie. In Europa l'esordio non è stato dei migliori: al Parco dei Principi il PSG di Emery ha controllato il gioco per oltre un'ora, ma la zampata di Sanchez nel finale ha limitato i danni in termini  di classifica. In casa col Basilea, invece, è bastata una doppietta di Walcott ad indirizzare le cose per il verso giusto.

Fonte: Arsenal/Twitter
Fonte: Arsenal/Twitter

Discorso simile, ovviamente con le dovute proporzioni, applicabile anche per il Ludogorets. Certo, la Parva Liga bulgara non è una valida concorrente della Premier, ma tra campionato e coppa nazionale i verdi di sono imbattuti da metà agosto, e, a due punti dal Levski primo, con una partita da recuperare, sentono vicino il primo posto.

Dopo la pausa delle nazionali, i cinque volte campioni di Bulgaria hanno fatto visita al Pirin Blagoevgrad, vincendo per 1-3 grazie ad un rigore di Moti e ad un autogol a favore. Dopo l'ottimo esordio in Champions, con l'1-1 rimediato a Basilea, il Ludogorets ha trovato -comprensibilmente- molte più difficoltà ospitando il PSG: 1-3 in rimonta dopo il vantaggio di Natanael, ma negli occhi di tutti i tifosi balcanici rimane il rigore fallito dal rumeno Cosmin Moti. Difficile pensare che i supporters possano avercela con lui: solo due anni fa, nell'ultimo turno preliminare, fu proprio lui ad improvvisarsi portiere dopo l'espulsione del suo estremo difensore. Risultato? Due rigori parati e prima storica qualificazione dei bulgari ai gironi di Champions.

Fonte: Uefa.com/Twitter
Fonte: Uefa.com/Twitter

Le ultime dal campo

Tanti gli infortunati per Arsene Wenger: rimangono k.o. Ramsey, Welbeck e Per Mertesacker a causa di problemi al ginocchio, mentre Olivier Giroud ed il giovane Akpom sono stati fermati da noie alla schiena. Tuttavia, date le gerarchie dell'ultimo periodo, l'alsaziano dovrebbe comunque riuscire a mettere in campo l'undici preferito.

Tra i pali dovrebbe esserci una chance per Ospina, con l'oramai classica alternanza tra primo e secondo portiere per le partite di coppa. Davanti la linea di difesa è oramai oliata e sembra funzionare piuttosto bene: Skodran Mustafi al centro insieme a capitan Koscielny, mentre Hector Bellerìn e Nacho Monreal dovrebbero agire sulle fasce. Nel 4-2-3-1 dei Gunners potrebbe non esserci spazio per Coquelin dall'inizio: voci insistenti danno il francese indietro nelle gerarchie del centrocampo rispetto a Granit Xhaka e Santi Cazorla, ma il dubbio sarà sciolto solo poche ore prima del fischio d'inizio. Davanti, Ozil è il faro centrale, confermatissimi Iwobi e Walcott come ali, con Alexis Sanchez a fare da terminale atipico.

Georgi Demendzhiev potrà contare su tutti gli effettivi a disposizione, e dall'altra parte dell'Adriatico non hanno dubbi sulla formazione-tipo che dovrebbe scendere in campo all'Emirates. Con ogni probabilità si tratterà di un 4-2-3-1, ma con molto più riguardo alla fase difensiva che a quella offensiva.

Tra i pali confermatissimo Stoyanov, mentre la linea a quattro sarà composta con ogni probabilità da Natanael Pimenta e Minev ai lati di Moti e Palomino. La diga di centrocampo dovrebbe vedere collaborare Anicet con capitan Svetoslav Djakov. Sulla trequarti, uno tra Misidijan e Vura farà compagnia al pacchetto brasiliano: Wanderson, Marcelinho (naturalizzato bulgaro) e Jonathan Cafù a completare il reparto offensivo.

Le probabili formazioni

Arsenal (4-2-3-1): Ospina, Bellerìn, Mustafi, Koscielny, Monreal; Santi Cazorla, Xhaka; Walcott, Ozil, Iwobi; Sanchez. All. Wenger

Ludogorets (4-2-3-1): Stoyanov; Minev, Moti, Palomino, Natanael; Anicet, Djakov; Misidijan, Wanderson, Marcelinho; Cafù. All. Demendzhiev

I precedenti

Questa sfida sarà la prima non solo tra le due squadre, ma in generale tra l'Arsenal ed una compagine bulgara. Per il Ludogorets, invece, l'Inghilterra porterà in mente cattivi ricordi: l'unica trasferta oltremanica fu nel 2014, quando il Liverpool si impose per 2-1 ad Anfield.