Champions League, Bayern in Russia per spegnere le critiche

Ancelotti deve respingere il fuoco "amico", il Bayern sfida il Rostov.

Champions League, Bayern in Russia per spegnere le critiche
Champions League, Bayern in Russia per spegnere le critiche

Il Bayern vola in Russia per la quinta tornata della UEFA Champions League. La sconfitta con il Borussia Dortmund apre ad alcuni interrogativi e Ancelotti deve respingere l'assalto della stampa. In Germania, il tecnico italiano non gode al momento di grande considerazione. Il Bayern soffre ai due lati del campo, fatica a produrre una manovra offensiva di rilievo e a proteggere, con costrutto, la porta. Rumenigge scongiura possibili ribaltoni, una battuta d'arresto non può cancellare un progetto importante, ma è chiaro come l'impegno europeo abbia particolare valenza. 

In Bundesliga, la situazione non è certo disperata, ma il colosso bavarese non occupa ora la vetta. La sorpresa Lipsia ha tre lunghezze di vantaggio, dietro il Dortmund guida un gruppetto pronto a piombare sul Bayern. Ancelotti, al momento, predica calma, non scende nell'arena mediatica e prepara con attenzione l'impegno alle porte. Fischio d'inizio alle ore 18, si gioca all'Olimp 2 di Rostov. La formazione di Daniliants non è vittima sacrificale, come dimostra il percorso europeo. Un punto in cinque gare, ma un'inattesa consistenza. Pari con il PSV, due ottime prestazioni con l'Atletico. Anche il 5-0 in Baviera non deve trarre in inganno. Per 45', Rostov pienamente in corsa, fino al raddoppio di Muller al tramonto della prima frazione. 

La compagine russa deve inoltre cercare qua e là punti preziosi per conseguire la terza posizione valida per l'accesso in Europa League, prima del difficile ritorno in Olanda. Attesa e ripartenza, aggressione fisica, attenzione al dettaglio per sopperire a una tecnica evidentemente inferiore. 

Le probabili formazioni 

Rostov 

Il Rostov non può permettersi gara d'offesa, l'undici iniziale riflette quindi il piano tattico. 5-3-2, con Kudryashov e Kalachev pronti ad alzarsi, in fase di possesso, per aumentare il numero di presenze in mediana. Noboa regge il peso del centrocampo, con Erokhin e Gatskan a completare il reparto. Le fortune offensive risiedono nella vena di Poloz e Azmoun. A protezione di Dzhanaev, Granat, Cesar Navas e Mevlja. 

Bayern 

Ancelotti deve far fronte a diverse defezioni. Non sono della partita Neuer - problema al polpaccio - Robben, Coman, Javi Martinez e Vidal. Probabile panchina per Ribery, con Muller e D.Costa ai lati di Lewandowski. 

Xabi Alonso dirige le operazioni, Kimmich ha compiti di interdizione e inserimento, mentre Alcantara ha libertà d'azione, tocca a lui illuminare il Bayern. Alaba e Lahm laterali di difesa, Boateng - Hummels cerniera a copertura di Ulreich.  

Ancelotti "Il clima che ci attende non deve essere un alibi: giochiamo sia con il freddo che con il caldo, non è importante. Il sistema di gioco non cambierà: giocheremo con tre attaccanti. Il Rostov si difende bene e punterà sul contropiede. Dovremo essere bravi a non concedere ripartenze".

La gara d'andata 

Il Bayern passa su rigore con Lewandowski, al termine del primo tempo il raddoppio di Muller. Nella ripresa si allarga la forbice, con Kimmich che trova due volte la rete. Completa il filotto Bernat, al 90'.

La classifica del girone

Il Bayern deve recuperare tre punti all'Atletico di Simeone. A dividere Bayern e Atletico, il confronto del Calderon, con Carrasco a regolare la squadra ospite. L'Atletico - di scena questa sera a Madrid con il PSV - può quindi gestire un buon margine. A chiarire le sorti del raggruppamento - o quantomeno la leadership - il match in programma alla sesta tornata in Baviera. 

Atletico Madrid 12

Bayern 9 

Rostov 1 

PSV 1