Champions League - Il Barcellona a Lisbona per l'ottava meraviglia

I Catalani saranno ospiti dello Sporting domani sera, l'obiettivo è l'ottava vittoria consecutiva in questa stagione.

Sei vittorie su sei in campionato, primo posto nel girone di Champions League dopo la vittoria nel match d'esordio contro la Juventus. Il Barcellona, dopo un'estate tormentata a causa del mercato, ha iniziato nel migliore dei modi l'annata e non vuole certo placare la sua fame di vittoria ed in parte di vendetta. I catalani, infatti, scenderanno in campo domani sul campo dello Sporting Lisbona per provare a centrare l'ottavo successo consecutivo in questa stagione. Un mese perfetto per il Barça che, in realtà, aveva iniziato decisamente male con le due sfide perse contro il Real Madrid nella Supercoppa di Spagna. Al momento sembra acqua passata.

La squadra di Valverde è al primo posto in classifica, ovviamente a punteggio pieno, con quattro lunghezze di vantaggio dall'Atletico Madrid e sette dal Real. Un bel bottino anche se la stagione è appena cominciata. Venti gol fatti e solamente due subiti per Messi e compagni i quali nell'ultimo turno di Liga hanno vinto 3-0 in casa del Girona grazie a due autoreti e il gol di Suarez che è tornato a timbrare in campionato (sono due le marcature nella Liga per l'uruguaiano che ne ha sette in meno di Messi). L'argentino ha iniziato a mille questa stagione mettendo a segno nove reti in campionato, una in Supercoppa e due in Champions League contro la Juventus. La Pulce spera di aumentare il suo bottino in quel di Lisbona dove è andato in rete nell'ultimo precedente datato 26 Novembre 2008, fase a gironi, quando gli uomini di Guardiola si imposero 5-2.

Sono quattro i precedenti totali tra Barcellona e Sporting, due in Champions e due in Coppa Uefa con tre vittorie dei catalani e una sola dei portoghesi che risale a trentuno anni fa. Una sfida particolare per Mathieu che, ai microfoni e alla stampa lusitana, si è tolto qualche sassolino dalle scarpe in merito alla sua esperienza non felicissima dalle parti del Camp Nou: "Il presidente Bartomeu e il direttore sportivo Fernández mi hanno trattato male. Ho rispetto per i miei ex compagni e per i tifosi, ma se dovessi segnare potrei esultare proprio a causa del comportamento dei vertici del club". Parole non proprio dolci anche per la stampa catalana:  “Ogni volta che ho giocato hanno sempre avuto qualcosa da dire contro di me. Mi hanno accusato di essere stato la causa della sconfitta contro la Juventus, ma nessuno ha guardato la prestazione di Mascherano e Piqué. Il calcio è uno sport di squadra, quando perdi non è mai colpa di un singolo".

Per quanto concerne la probabile formazione, invece, Valverde ritroverà qui giocatori che non sono stati schierati nella sfida contro il Girona; quindi solito 4-3-3 con Ter Stegen tra i pali, i centrali saranno Piquè ed Umtiti mentre sulle fasce Semedo e Jordi Alba. A centrocampo Sergio Busquets in cabina di regia con Rakitic ed Iniesta mezze ali mentre in attacco Messi dovrebbe tornare ad agire come falso nove con Suarez ed uno tra Deulofeu e Denis Suarez a supporto dell'argentino.