Eredivisie: vincono le prime sette, crollano Zwolle ed Heracles

Nessuna sorpresa in questa giornata di Eredivisie, con le big pronte a conquistare i tre punti. I risultati del diciannovesimo turno.

Eredivisie: vincono le prime sette, crollano Zwolle ed Heracles
Eredivisie: vincono le prime sette, crollano Zwolle ed Heracles

Nessuna sorpresa in Eredivisie. Smentendo gli amanti delle scommesse folli, infatti, vincono le prime sette, a conferma di un campionato emozionante ma, comunque, indirizzato verso binari predefiniti. Non perdendo il vizio del gol, importante successo del Feyenoord, che supera 0-2 il Roda grazie alle reti di Kuyt ed Elia. Particolarmente in evidenza, Jorgensen, autore di due assist. Più difficile, e dunque maggiormente di spessore, la prestazione dell’Ajax, che supera 1-3 uno Zwolle inguaiato ed attualmente terzultimo. Dopo due turni senza successo, infatti, i Lancieri imprimono il proprio marchio nella ripresa, trascinati da una doppietta di Ziyech. Ad aprire i giochi, un rigore di Schone, mentre è inutile il 2-1 siglato da Brock-Madsen. Netto successo casalingo, inoltre, per il PSV Eindhoven, che contro l’Excelsior segna “solo” due gol, tenendo il passo delle compagini meglio piazzate. Van Ginkel e Propper i marcatori.

Novanta minuti fruttuosi anche per l’Heerenveen, che vince 2-0 contro il Den Haag e mantiene a distanza di sicurezza le inseguitrici, tutte vittoriose nelle loro rispettive sfide. Mattatore dell’incontro, Ghoochanneijad, autore di una doppietta. Ininfluente, ai fini del risultato, il rigore fallito da Larsson.  Secondo successo consecutivo, invece, per l’AZ Alkmaar, uscito vittorioso dalla sfida in casa di un Eagles sempre più ultimo. Man of the match dell’incontro, Jahanbakhsh, che segna due gol e fornisce un prezioso assist a Weghorst, autore della prima marcatura ospite. Inutile, per le Aquile, un rigore messo a segno da Antonia. Inaspettatamente, vince anche l’Utrecht, che in casa dello Sparta Rotterdam ribalta, grazie a Janssen e Peterson, l’iniziale rete di Calero. Continua, dunque, la parabola discendente della neo-promossa, al momento unico collettivo ad aver perso quattro sfide consecutive.

Nella gara più interessante della diciannovesima giornata, crolla il Twente, che cede il passo al Vitesse, rapido nel prendersi la settima piazza momentanea. Avanti grazie a Baker, i gialloneri bissano grazie a von Wolfswinkel, chiudendo anticipatamente i conti. Nella ripresa, spezzando i sogni ospiti, cala il tris Rashica, mentre è di Klich l’unica rete ospite. Fa davvero scalpore, invece, il 4-1 del Groningen, che mette KO l’Heracles in una gara senza storia. I biancoverdi, in vantaggio grazie a Mahi, segnano altre due reti in circa cinque minuti, con Payne e Sorloth bravi a marcare il cartellino. Nei minuti finali, si concretizza la doppietta di Mahi, mentre per i padroni di gara l’unica rete dell’incontro viene siglata da van Mierghem. Si rilancia vincendo fuori casa, infine, il NEC Nijmegen, che batte il Willem II grazie a Grot. Il settimo posto, ora, dista solo quattro punti.