Quale Real Madrid senza Bale e Modric?

Ancelotti dovrà rinunciare a Bale, Modric, Benzema e Marcelo contro l'Atletico. I primi tre sono infatti infortunati (per Bale e Benzema 2-3 settimane out, Modric ne avrà per un mese abbondante) e l'ultimo squalificato . Quali le soluzioni che Ancelotti sta vagliando per sostituirli?

Quale Real Madrid senza Bale e Modric?
Real Madrid, come ti metti senza Bale e Modric?

Non è stato tutto rose e fiori il week-end appena terminato per Carlo Ancelotti ed il suo Real Madrid. Se è vero che le distanze dal Barcellona sono rimaste invariate, grazie alla vittoria per 1-3 al Malaga, è anche vero che il Real entra in questa settimana decisiva rivoluzionato. Mercoledì ci si gioca l'ennesimo derby con la bestia nera stagionale Atletico Madrid. Vincere è necessario (ogni pareggio qualificherebbe i Colochoneros, tranne lo 0-0, che porta ai supplementari) ma sono stati appena persi per strada Modric (che era già stato fuori cinque mesi in questa stagione) e Bale. Il croato si è procurato una lesione al legamento laterale del ginocchio destro e starà fuori sei settimane (si pensa al recupero in extremis in un mese), il gallese - oggi sottoposto agli esami del caso - ha invece subìto la lesione muscolare del soleo della gamba destra e si suppone debba star fuori fra le 2 e le 3 settimane. 

Come se non bastasse dovrebbe star fuori al 90% anche Karim Benzema. Il francese, out con il Malaga, si pensava potesse recuperare per la sfida a Simeone ma quasi sicuramente non ce la farà. Anzi, si sussurra possa rimanere fuori anche lui 2-3 settimane. E Marcelo è squalificato.

Vediamo quindi come potrebbe schierare Ancelotti il suo Real al netto delle assenze:

  1.  sostituire Modric con uno dei tre mediani riserva (Illarramendi, Khedira e Lucas Silva) e Bale con Isco (il candidato principale a cadere dalla torre quando tutti i sei uomini d'attacco principali sono disponibili). In questo caso James si alza sulla linea d'attacco (ala destra) e Chicharito Hernandez sostituisce come centravanti Benzema

     
  2. piuttosto che chiamare in causa Chicharito Hernandez Ancelotti potrebbe scegliere di ripescare Jesé e piazzarlo a sinistra nel tridente, spostando Cristiano Ronaldo nel ruolo di centravanti. L'ala destra in questo caso diventa James Rodriguez e dietro, al posto di Modric, gioca uno dei tre paventati nell'opzione 1 insieme a Kroos ed Isco

     
  3. Ancelotti decide di alzare entrambi i 10, Isco e James, nel tridente, ai lati di Cristiano Ronaldo (Isco ala sinistra, James ala destra), tenendo in panca sia Jesé che Chicharito. In questo caso, a centrocampo, insieme a Kroos dovranno essere scelti due - e non più uno - fra Khedira, Illarramendi e Lucas Silva.


     
  4. la soluzione più azzardata. Modric viene sostituito da Isco, che insieme a Kroos e James completa il trio di centrocampo. In questo caso davanti giocano sia Jesé (ala destra) che Chicharito Hernandez, con CR7 ala sinistra.

Infine ballottaggio anche a sinistra, dove il sostituto di Marcelo di regola sarebbe Fabio Coentrao, ultima volta titolare proprio nel ritorno degli ottavi di finale di Champions contro lo Schalke, prima che Ancelotti si ravvedesse velocemente della sua scelta ed - in balìa dei tedeschi - non rimandesse di nuovo a scaldare la panchina il portoghese, sostituendolo con Marcelo. La precedente partita titolare di Coentrao fu lo scempioso 4-0 incassato proprio dall'Atletico. Ed il portoghese giocò anche il derby d'andata in Liga, quando il Real perse ancora (1-2). Forse anche per questioni scaramantiche Ancelotti l'ha tenuto in panchina nel doppio confronto con i cugini in Copa del Rey (Real fuori, i precedenti in stagione sono 1-3 per i biancorossi). Tornando alla formazione: Coentrao sarà probabilmente il titolare ma non è escluso che Ancelotti opti per adattare uno fra Nacho Fernandez e Arbeloa pur di non ricorrere ad uno dei giocatori in cui pare porre meno fiducia quest'anno.