Simeone va su Vietto: "Siamo vicini a prenderlo"

Diego Pablo Simeone ha rilasciato una lunga intervista ad As, portale di riferimento spagnolo, nel corso della quale ha parlato dei futuri obiettivi di mercato del suo Atletico e non solo.

Simeone va su Vietto: "Siamo vicini a prenderlo"
Simeone va su Vietto: "Siamo vicini a prenderlo"

Una stagione brillante, un talento cristallino, gol ed assist a valanga. E' bastato questo come biglietto da visita per far innamorare Diego Pablo Simeone, ma non solo, delle prestazioni sportive di Luciano Vietto, attaccante argentino del Villarreal che sembra essere destinato a cambiare casacca il prossimo anno e passare dal sottomarino giallo ai colchoneros. 

A darne l'annuncio, o comunque confermare l'interesse nei suoi confronti, è intervenuto ai microfoni di As direttamente l'allenatore degli spagnoli Simeone: "Vietto è un nostro obiettivo di mercato, siamo vicini ad un accordo per prenderlo. Si tratta di un elemento che ha caratteristiche perfette che fanno al caso nostro. Spero di averlo la prossima stagione dopo averlo fatto debuttare quando allenavo il Racing. Mi ricorda un po' il primo David Villa. Tra gli altri giocatori che ci interessano c'è anche Negredo, abbiamo parlato con lui qualche mese fa. Falcao? Non ne ho parlato coi miei dirigenti".

Attacco e anche altro. Diego Pablo Simeone vuole fare un grande Atletico puntando su giovani argentini che stanno facendo benissimo in patrie e conferma che nel mirino ci sono anche due argentini, Kranevitter e Mammana: "Kranevitter e Mammana? Per quanto mi riguarda sono due giocatori che avranno un grande futuro, ma non so se arriveranno a giocare nella nostra squadra. In questa stagione abbiamo avuto un problema principale, quello relativo alla distribuzione dei nostri goal. Torres, Arda e Koke non hanno segnato tanto, Griezmann ha fatto 22 goal e Mandzukic 12".

Infine, Simeone parla anche del suo futuro, che per il momento è firmato Atletico fino al 2020, ma che in futuro potrebbe chiamarsi Albiceleste: "Il mio obiettivo è quello di fare esperienza per poi poter allenare un giorno la nazionale argentina. Sino al 2020 qui? C'è sicuramente un progetto, ma i contratti sono da sempre legati ai risultati che si riesce a raggiungere di anno in anno".