Barcellona vs Malaga, testa - coda

Il Barcellona attende l'ultima della classe, goleada alle porte?

Barcellona vs Malaga, testa - coda
Barcellona vs Malaga, testa - coda

Senza macchia. Il Barcellona approda alla nona giornata di campionato con un cuscinetto di vantaggio interessante sul sorprendente Valencia. Quattro punti, un tesoretto costruito con un cammino fin qui perfetto, "macchiato" parzialmente dal pari del Wanda Metropolitano con l'Atletico Madrid. Valverde ha in pugno il gruppo, la sua mano - su testa e gambe dei giocatori - è palpabile. Dopo una stagione in difetto, l'undici catalano si muove all'unisono, nella medesima direzione. In Champions, la musica resta soave, tre vittorie e qualificazione a un passo. In settimana, tutto facile con l'Olympiakos. 

A tenere banco, è soprattutto la situazione extra-campo. In Catalogna, momenti di tensione, dopo il referendum del primo ottobre. Come riporta la GDS in edicola stamane, il ritorno al Camp Nou è atteso e in parte temuto. Politica - indipendenza - e sport si fondono in un mix potenzialmente esplosivo, Madrid da una parte, Barcellona dall'altra. 

Qualche assenza nella formazione di casa. Dembélé è out da tempo, fuori causa anche Rafinha e J.Alba. Nella lista di Valverde non figurano nemmeno Aleix Vidal, Arda Turan, probabile partente, e Vermaelen. Poche le novità, con Digne e Semedo a presidiare le corsie laterali, Piqué e Mascherano a blindare la porta di Ter Stegen. Busquets è il vertice basso in mediana, Iniesta e Rakitic le mezzali. Deulofeu completa il tridente partendo da sinistra. Messi è in zona centrale, Suarez sulla destra.  

I convocati

Ter Stegen, Semedo, Piqué, Rakitic, Sergio, Denis Suárez, A. Iniesta, Suárez, Messi, Cillessen, Mascherano, Alcácer, Paulinho, Deulofeu, Digne, S. Roberto, André Gomes e Umtiti.

Difficile il Malaga possa impensierire il Barcellona. La squadra di Michel - combattivo in conferenza - raggiunge la gara senza particolari aspettative. Un punto in otto uscite, frutto del pari con il Bilbao - 3-3 - un rendimento esterno disastroso. Approccio accorto alla contesa, 4-5-1, due linee vicine, densità in mediana. Importante sfruttare le sparute opportunità, colpire nei momenti di "vuoto" della compagine blaugrana. 

I convocati

Luis Hernández, Rolón, Juankar, Adrián, Borja, Juanpi, Chory, Cifuentes, Cengo, Peñaranda, Rosales, Cecchini, Keko, Baysse, M. Torres, D. Nolan, Andrés Prieto, Álex Robles, Mula e Kellyann.