Coppa di Lega: Ibrahimovic - Cavani, trionfo Psg

Il Psg si aggiudica nettamente la Coppa di Lega, rifilando quattro reti al Bastia. Due gol di Ibrahimovic nella prima frazione, due di Cavani nella ripresa.

Coppa di Lega: Ibrahimovic - Cavani, trionfo Psg
Coppa di Lega: Ibrahimovic - Cavani, trionfo Psg

Quattro gol, una supremazia costante, inevitabile. Nel segno di Ibrahimovic e Cavani, il Psg si prende la Coppa di Lega e mette a segno il primo colpo, in attesa di lanciare l'assalto alla Ligue 1 e alla Champions. Impegno agevole per gli uomini di Blanc, mai impensieriti dal Bastia. Il tecnico, conscio di una qualità tecnica superiore, disegna un undici attento, volgendo lo sguardo al turno d'andata col Barcellona. Cavani siede in panchina, perché Ibrahimovic è fuori in Coppa e per 4 turni in campionato. Al fianco di Zlatan, Lavezzi e Pastore. In difesa si rivede Aurier, Marquinhos fa coppia con T.Silva, Verratti è il padrone del centrocampo. 

Le assenze non indeboliscono il gruppo parigino e la gara, al 21', va già in archivio. Lo schema visto di recente si ripete. Lavezzi si invola, viene messo giù in area e il direttore di gara segnala la massima punizione. Il rosso a Schillaci spegna l'ardore agonistico del Bastia. Il Psg tesse la sua tela, in vantaggio - Ibra dagli undici metri - e predica con calma. Verratti diluisce il gioco sapientemente e quando i tenori di Blanc schiacciano con il piede sull'acceleratore per il Bastia è notte fonda. 

Il raddoppio, sempre di Ibra, è di fattura pregiata. Stop e conclusione, all'angolo. Il 2-0 inibisce ogni sortita del Bastia e semplifica a Blanc la ripresa. Il tecnico approfitta dello svolgimento dell'incontro per mettere minuti nelle gambe di Lucas, fondamentale nel finale di stagione. Cavani rileva Lavezzi e fa in tempo a segnare, due volte. Puntuale all'appuntamento col traversone di Aurier, perfetto nel finalizzare la chiamata di Ibrahimovic in chiusura. Scorcio finale anche per Cabaye, in sostituzione di Rabiot. 

Dalla notte di Stamford Bridge, il Psg non conosce sosta, resiste alle "sviste" della sorte e corre. L'organico assorbe le assenze, senza soffrire, e la maturità del gruppo è giunta a compimento. Il lavoro di Blanc, sottotraccia, produce effetti importanti, da agglomerato di stelle il Psg si trasforma in squadra e intravede un finale di stagione ricco. Dalla Coppa di Lega un ulteriore segnale, l'Europa attende il Psg.