Ligue 1: il Nizza per tornare al successo, non vuole fermarsi il Monaco

Ritrovato Balotelli, i rossoneri dovranno necessariamente tornare al successo, considerando anche la forza e la forma delle inseguitrici. In zona retrocessione, interesse intorno al Metz.

Ligue 1: il Nizza per tornare al successo, non vuole fermarsi il Monaco
Ligue 1: il Nizza per tornare al successo, non vuole fermarsi il Monaco

Ritrovato Balotelli, dopo la squalifica di due giornate, vuole tornare a vincere il Nizza, che dopo i pareggi consecutivi proverà a superare il Bastia, di solito inossidabile in casa ma ultimamente zoppicante sia al Cesari che fuori dalle mura amiche. La sfida, per i rossoneri, non appare come una delle più facili, ma per continuare a sognare il titolo non si può prescindere dai tre punti. Novanta minuti più facili, sulla carta, per il Monaco, che trascinato da Radamel Falcao dovrà vincere e continuare a convincere contro il Lorient, collettivo ritrovatosi ma comunque ancora in crisi, costretto nelle zone basse della classifica a causa di un girone di andata sottotono. I monegaschi partono inevitabilmente avanti, occhio alla disperazione dei Naselli. Gara difficile, contrariamente a quanto potrebbe sembrare, per il Paris Saint-Germain, contro cioè un Nantes in forma magnifica. Sono ben quattro, infatti, le vittorie dei Canarini, ritrovatisi grazie alla nuova gestione di Conceiçao, che sta davvero sorprendendo tutti. I parigini dovranno stare davvero attenti.

Con un Depay in più, anche se difficilmente arruolabile, vero e proprio big match per il Lione, che ospiterà il ferito Marsiglia di Garcia, ancora in corsa per un posto in Europa. I padroni di casa sono favoriti, ma l’incertezza della sfida non consente a nessuno di fare pronostici.  A quattro punti di distanza dal quarto posto, vuole tornare al successo il Guingamp, che contro il Rennes dovrà definitivamente valutare tutta la sua stagione, ancora oscillante tra la promozione piena e la stentata sufficienza. Potrebbe approfittare delle sfide difficili con protagonisti i collettivi meglio piazzati, il Saint Etienne, che in casa dovrà necessariamente battere l’Angers, attualmente diciottesimo. I bianconeri, che sembrano aver perduto il proprio equilibrio, rischiano seriamente di restare impelagati nelle zone basse, situazione che di fatto ha cancellato gli obiettivi iniziali di stagione. Un vero e proprio out out. Scivolato indietro, a causa di prestazioni poco scoppiettanti, difficile match per il Tolosa, che dovrà fare punti in casa di un Bordeaux ugualmente incasinato. Il Girondins dovrebbe vincere, ma guai a sottovalutare i biancoviola.

Totalmente risollevatosi, impegno lontano da casa per il Nancy, che contro il Caen potrebbe conquistare almeno un punto importante. I padroni di casa devono però fare punti, motivo in più per rendere complicata la sfida. Dopo una prima parte di campionato eccellente, deve incredibilmente risollevarsi il Metz, divenuto ultimo nonostante un girone di andata condito da eccellenti prestazioni. Il fattore casa potrebbe dunque aiutare la neo-promossa, che contro il Montpellier proverà a conquistare la sesta vittoria della sua stagione. Abituato a ben altri obiettivi, rischia seriamente il Lilla, che a soli due punti dalla zona salvezza dovrà necessariamente superare l’ostacolo-Dijon, collettivo ugualmente impelagato nelle realtà basse. Per rosa sono favoriti i ragazzi del LOSC, ma data la stagione insufficiente nulla può dirsi scontato.