Premier League, giornata 33: spicca Chelsea - Manchester United

Sabato alle 18:30 si gioca il big match Chelsea - United. Domenica il City riceve gli Hammers e gli Spurs vanno a Newcastle. Impegno in trasferta per il Southampton.

Premier League, giornata 33: spicca Chelsea - Manchester United
Preview Premier League, giornata 33: c'è Chelsea - Manchester United

Nella 33esima giornata di Premier tutti i riflettori sono puntati sul match tra Chelsea e Manchester United che si riaffrontano dopo l'1-1 dell'andata: da quel momento i Blues hanno incrementato fino a 8 punti il distacco dai Reds. Domenica, invece, l'attenzione si sposta sugli unici due match: Newcastle - Tottenham, una delle ultime occasioni degli Spurs per rimanere aggrappati al treno dell'Europa, e Manchester City - West Ham, un impegno agevole sulla carta per l'undici di Pellegrini.

CRYSTAL PALACE - WEST BROMWICH (sabato, ore 16:00)

Entrambe a metà classifica ma con due obiettivi differenti: infatti i 9 punti che separano Crystal Palace e WBA costringono i Baggies a dover fare punti salvezza; invece vive una situazione decisamente migiore la squadra di Ala​n Pardew che con 42 punti ottenuti fin qua non chiede più nulla al campionato. I molti infortunati in attacco spingono Pardew a schierare un 4-2-3-1 con la sola punta Murray, assistita da Zaha, Puncheon e Yannick Bolasie, in splendida forma. Risponde Tony Pulis con il classico 4-4-2: in attacco si affida al solito Berahino affiancato da Ideye (in ballottaggio con Anichebe).

EVERTON - BURNLEY (sabato, ore 16:00)

Questo è un match fondamentale per il Burnley se vuole salvarsi anche se con l'Everton non sarà certamente una trasferta facile. La squadra di  Martinez viene da 4 risultati utili consecutivi ed è in ottima forma: il coach punta sul recupero di Lukaku che affiancherà Arouna Kone in un 4-4-2 che promette spettacolo; a centrocampo è in dubbio Osman, ma in ogni caso scalpita in panchina Mirallas oppure Barkley verrà allargato sulla destra. Dall'altro lato il Burnley, con un modulo speculare, si affida ai colpi di Vokes e del bomber Danny Ings per tentare il colpaccio.

LEICESTER CITY - SWANSEA (sabato, ore 16:00)

L'ultima della classe riceve un pimpante Swansea al Walkers Stadium: è quasi impossibile che gli Swans raggiungano l'Europa, mentre per il Leicester la questione salvezza è più che aperta. Partendo dalla formazione di casa, coach Pearsons ha a disposizione l'intera rosa e opta per un cauto 4-4-1-1 con Nugent che svaria dietro all'unica punta Leonardo Ulloa, giocatore rapido in grado di mettere in difficoltà la retroguardia bianconera; a centrocampo l'ex-Inter Cambiasso detta i ritmi. Al contrario lo Swansea è decimato dagli infortuni, ma non è una novità: un 4-3-1-2 con Sigurdsson dietro alla coppia d'attacco formata da Routledge e Nelson Oliveira.

STOKE CITY - SOUTHAMPTON (sabato, ore 16:00)

Al Britannia Stadium va in scena un match molto interessante: il Southampton fa visita allo Stoke City con la voglia di ottenere tre punti per inseguire il sogno Champions. I Potters, piazzati a metà classifica, non hanno più niente da chiedere al campionato: Mark Hughes schiera il classico 4-2-3-1 con Mame Diouf davanti a tutti e Walters a destra, al posto dell'infortunato Moses. I Saints rispondono con lo stesso modulo: Long, Mane e il giovane Ward-Prowse dietro all'unica punta Pellè.

CHELSEA - MANCHESTER UNITED (sabato, ore 18:30)

Sicuramente il vero big match della 33esima giornata quello che va in scena a Stamford Bridge: Chelsea e United si affrontano dopo il pareggio dell'andata in una partita che oltre a valere tre punti ha un certo fascino. I Blues forse partono favoriti, dato il fattore campo, ma in match come questi non si può mai dire, considerato anche il fatto che i Reds arrivano da ben 5 vittorie consecutive. Passando alle formazioni, solito 4-2-3-1 per Josè Mourinho, che preferisce l'esperto Didier Drogba a Remy come punta, appoggiato da Fabregas, Willian e il gioiellino Hazard. Louis Van Gaal alle prese con gli infortuni schiera in difesa il giovane classe '95 McNair al fianco di Smalling; a centrocampo manca Blind, Rooney retrocede sulla mediana e Van Persie con Young e Mata, l'ex di turno, formano il tridente offensivo.

MANCHESTER CITY - WEST HAM (domenica, ore 14:30)

Nel primo pomeriggio di Domenica, il City di Pellegrini riceve gli Hammers all'Etihad Stadium in un match dove i Citizens hanno l'obbligo di portare a casa tre punti, per rialzarsi dalle ultime due brutte partite e per difendere i preliminari di Champions dagli attacchi di Liverpool e Southampton. Così Manuel Pellegrini propone Edin Dzeko in attacco, al fianco di Aguero, con Nasri e David Silva subito dietro. Risponde coach Allardyce che, senza Sacko, out per infortunio, affida le chiavi dell'attacco a Carlton Cole ed Enner Valencia, supportati da Downing in un 4-3-1-2 propositivo. 

NEWCASTLE - TOTTENHAM (domenica, ore 17:00)

Quello che chiude il weekend di Premier è un match molto interessante tra Newcastle e Tottenham. Il campionato del Newcastle è ormai chiuso: ancora a metà classifica, abbastanza lontana dalla zona retrocessione ma troppo lontana anche dall'Europa. Gli Spurs sono più vicini che mai all'Europa League, distante un solo punto; Pochettino schiera il classico 4-2-3-1 con Kane davanti a tutti e voglioso di tornare al gol. I Magpies di John Carver, con un modulo speculare, provano ad onorare al massimo il campionato: mentre Papisse Demba Cissè sconta la squalifica di 7 giornate, davanti gioca Ayoze Perez, preferito a Riviere, con dietro il trio Cabella, Obertan, Gouffran.