Premier League: Up&Down, la statistica, il punto sulla 33° giornata

Riviviamo la giornata di Premier appena passata. Chi va su e chi va giù, le sfide che ci terranno sul filo fino al termine della stagione, una statistica interessante che riguarda un attaccante, o meglio, un attacco.

Premier League: Up&Down, la statistica, il punto sulla 33° giornata
Premier League: il punto sulla 33^ giornata



CHE E' SUCCESSO - La 33^ giornata di Premier League, anche se con Aston Villa, Liverpool ed Arsenal impegnate in FA Cup, delinea grazie a dei risultati che confermano periodi o meno di forma, la situazione delle squadre coinvolte nelle varie lotte di fine stagione: il Leicester, da fanalino di coda condannato alla Championship, ha avuto un moto d'orgoglio incasellando la terza vittoria consecutiva e portandosi alla spalle l'ultima posizione, ora occupata da un Burney che senza i gol di Ings fatica a risalire le posizioni, sconfitto questa giornata da un pimpante Everton. Salendo di poco la classifica troviamo il sempre più in crisi Newcastle, che davvero non vince più: sesta sconfitta consecutiva, quest'ultima propiziata da Kane&co., in lotta per un posto in Europa. Saranno proprio le competizioni europee a promettere scintille di fine stagione: Southampton (che ha perso 2-1 contro lo Stoke), Liverpool e proprio gli Spurs si contenteranno un posto in Europa League, Manchester City (vittoria agevole contro il West Ham), Arsenal e Manchester United (battuto dal Chelsea per 1-0) in Champions. Ogni giornata, ora che ne mancano cinque, sarà fondamentale.

UP - Foxes miracolose
Tre vittorie contro rispettivamente West Ham, WBA e Swansea, hanno drizzato il pelo alle volpi. Ci sono, fiutano il terreno, pretendono di  marchiarlo: vogliono rimanere in Premier League. La squadra di Nigel Pearson ha tirato fuori tre prestazioni degne di note, con Wes Morgan, Esteban Cambiasso e Marc Albrighton trascinatori del branco. Hanno anche una partita in meno da giocare, contro il Chelsea. Oltre alla sfida con i blues il calendario a venire, guardando anche la classifica, suggerisce un finale davvero di fuoco: prossima giornata Burney-Leicester, quella a seguire il Newcastle, alla penultima Sunderland e all'ultima QPR. Burney e QPR sono attualmente ultima e penultima, il Sunderland è appena un punto sopra. Foxes, ora più che mai, i conti si fanno alla fine.

​DOWN - Southampton stai attento
La sconfitta contro lo Stoke City, squadra che non ha più nulla da dire al suo campionato, conferma un periodo di forma altalentante per i Saints. La squadra di Koeman non vince più due partite consecutivamente da Gennaio, poi sono arrivate solo quattro vittorie, cinque sconfitte e due pareggi: rullino di marcia non d'alta classifica. Ecco infatti che dal sogno Champions, le ambizioni del Southampton vengono drasticamente ridimensionate: ora sarebbe un bene centrare l'Europa League. Saranno i gol che mancano da Graziano Pellè, un calo fisico e mentale, ma la squadra di Koeman appare meno lucida ed incisiva di quella conosciuta durante questa sorprendente stagione. La prossima sfida è già fondamentale, darà  segnali importanti. Allo Stadium of Lights arriva il Tottenham.

LA STATISTICA - No Ings, No gol, No Party
L'ultima volta che Danny Ings ha segnato era Febbraio, nella sconfitta esterna per 3-1 contro il Manchester United. Ings veniva da cinque gol in sei match. Da lì in avanti il Burney ha messo a segno appena due gol, con Ings che non segna da otto giornate ed in evidente calo di forma. In più  solo sette giocatori hanno fatto gol in questa stagione per il Burney, segno evidente che i problemi di questa squadra sono sopratutto realizzativi. Ings, George Boyd e Ashley Barnes sono gli unici ad aver realizzato più di due gol in tutta la rosa. Statistiche preoccupanti per questo finale di stagione: senza gol, sarà difficile salvarsi, almeno che qualcuno decida di riprendere a fare il suo mestiere.