Premier League, lotta salvezza: stupisce ancora una volta il Leicester. Torna a vincere l'Hull City

Pomeriggio ricco di emozioni in Premier League. Il Leicester mette la quarta e batte anche il Burnley, spedendolo all'ultimo posto in classifica. Vittoria importantissima in chiave salvezza anche per l'Hull City; pareggi invece in Stoke - Sunderland  e QPR - West Ham

Premier League, lotta salvezza: stupisce ancora una volta il Leicester. Torna a vincere l'Hull City
Premier League, lotta salvezza: stupisce ancora una volta il Leicester. Torna a vincere l'Hull City

Continua senza sosta la lotta per la salvezza in Premier League, e anche in questa giornata, la 34^ per essere precisi, non mancano le sorprese. Chi continua imperterrito nella marcia verso la permanenza in Premier è il Leicester, che conquista la quarta vittoria consecutiva ed esce di fatto dalla Relegation Zone, inguaiando il Burnley, ora ultimo in classifica. Torna invece alla vittoria l'Hull City che supera per 2-0 il Crystal Palace. Pareggiano invece Sunderland e QPR, rispettivamente con Stoke e West Ham. Dopo questi risultati c'è una sola certezza: saranno 4 giornate da vivere appassionatamente, dove si salverà chi proverà con tutto se stesso a superare i propri limiti.

Burnley - Leicester 0-1, 60' Vardy

Vittoria forse determinante in chiave salvezza del Leicester sul Burnley. Le squadre arrivavano al match rispettivamente da ultima e quartultima, e per i padroni di casa era forse l'ultima spiaggia per sperare in una permanenza in Premier. Speranza che si è fermata sul palo colpito dagli 11 metri da Taylor. Errore fatale per i Clarets, che si sono poi ritrovati in svantaggio dopo pochissimi minuti: è stato Vardy a segnare la rete decisiva, che ha permesso al Leicester di espugnare il Turf Moor. I "The Foxes" salgono così a 31 punti, portando a casa la quarta vittoria consecutiva.

Crystal Palace - Hull City 0-2, 51' e 92' N'Doye

Vittoria importantissia anche per l'Hull City, che ritorna a conquistare i 3 punti dopo 6 partite giocate sottotono. Di sicuto l'impegno dei Tigers era molto meno probante di quello del Leicester, visti i 41 punti delle Eagles. Ma nonostante ciò la squadra di Steve Bruce ha interpretato al meglio il match, resistendo alle folate dei padroni di casa nel primo tempo, e accelerando nella ripresa. Il vantaggio per l'Hull, firmato N'Doye, è arrivato al 51° minuto di gioco, con l'attaccante senegalese che ha sfruttato al meglio un assist di Brady. I Tigers sono stati poi bravi a soffrire durante tutta la seconda frazione, e a mettere la ciliegina sulla torta al 92°, sempre con N'Doye che con un potente destro all'angolino ha battuto il portiere Speroni. Sale così a quota 31 punti l'Hull, mentre la squadra di Alan Pardew resta stazionaria a metà classifica.

Stoke City - Sunderland 1-1, 1' Wickham (Sun), 27' Adam (Stc)

Finisce 1-1 il match del Britannia Stadium tra Stoke e Sunderland, con i Black Cats non privi di rimpianti. Fermi al terzultimo posto a 30 punti, i ragazzi di Advocaat hanno perso una buona occasione per incamerare punti e mettersi alle spalle la Relegation Zone. Partono subito fortissimo i Black Cats, con Wickham furbo e lesto a sfruttare una clamorosa papera di Begovic. Forse l'immediato vantaggio non giova al Sunderland, che si abbassa troppo e si espone agli attacchi dei padroni di casa, che trovano il pareggio alla mezz'ora con il solito Charlie Adam: azione insistita dei padroni di casa, con il trequartista scozzese bravissimo a battere Pantillimon con un destro potente che si infila all'incrocio dei pali. La seconda frazione vive di sussulti, con entrambe le squadre che potrebbero portare a casa i 3 punti, ma alla fine il pareggio è il risultato che meglio rispecchia il match. Lo Stoke sale così a 47 punti, mentre i Black Cats si assestano a quota 30.

QPR - West Ham 0-0

E' un pareggio che sa di sconfitta per il QPR quello di questo pomeriggio contro gli appagati Hammers in uno dei tanti derby di Londra. I Rangers avevano bisogno di punti come il pane, ma non sono riusciti a superare il West Ham, per quasi tutto il match si è limitato a rintuzzare gli attacchi dei padroni di casa. Come per il Burnley, è un rigore a spegnere i sogni di gloria del QPR: sul dischetto si presenta Charlie Austin, il capocannoniere della squadra di Ramsey, ma la sua conclusione è centrale e viene parata facilmente da Adrian, che alla fine sarà il migliore in campo. Nella ripresa il QPR le prova tutte per portare a casa i tre punti, ma il portiere spagnolo è insuperabile. I Rangers salgono così a 27 punti, davvero pochi, e per poter sperare nella salvezza servirà un vero e proprio miracolo nelle ultime 4 giornate.