Van Gaal ammette: "Quest'anno non arriveremo primi"

Arrivato a sorpresa ad un evento organizzato dai sostenitori dei Red Davils, il tecnico olandese ha rilasciato qualche dichiarazione inattesa.

Van Gaal ammette: "Quest'anno non arriveremo primi"
Van Gaal ammette: "Quest'anno non arriveremo primi"

Mai banale. Sia in campo, perchè è stato capace di far giocare Rooney play di centrocampo, sia nelle dichiarazioni. Quest'ultima - "arriveremo tra le prime tre ma non primi" - non farà piacere ai supporters della sua squadra, che ambiscono ad alzare il titolo: l'ultimo è datato 2012/2013, nella stagione d'addio di Sir Alex Ferguson. 

Poi a succedere lo storico allenatore dello United è stato Ryan Giggs, ora assistente di Van Gaal. Tra le dichiarazioni mai banali dell'attuale manager dei rossi di Manchester, spicca quella relativa al suo futuro e al futuro del club: "Ho speso tanto per Martial, vero. Ma l'ho fatto per il mio successore Ryan Giggs, quando mi ritirerò nel 2017." Ha inoltre aggiunto che la squadra è competitiva per gareggiare su tutti i fronti e che nelle coppe può andare lontano.  

In questo incontro inaspettato con i fan, c'è stato tempo per spaziare negli argomenti. Van Gaal ha definito Wayne Rooney, che ha appena superato Sir Bobby Charlton nei gol in nazionale diventanto il recordman di tutti i tempi per la nazionale inglese, il miglior capitano che abbia mai allenato. Ha poi parlato dell'ex centrocampista dell'Ajax Ronald De Boer, della leggenda portoghese Luis Figo, del simbolo del Bayern Monaco Philip Lahm e del suo centrocampista Bastian Schweinsteiger, inserendo questi tra i migliori giocatori con cui ha lavorato.