Premier League - Un punto a testa per Palace e Swansea

Pareggio privo di reti ed emozioni. I padroni di casa non riescono a sfondare, gli ospiti non ci provano nemmeno.

Premier League - Un punto a testa per Palace e Swansea
CRYSTAL PALACE
0 0
SWANSEA
CRYSTAL PALACE: Hennessey; Ward, Dann, Hengeland, Souare; Jedinak, McArthur (Much, min. 77), Zaha, Cabaye, Puncheon (Lee, min. 71); Chamarkh (Bamford, min. 46).
SWANSEA: Fabianski; Amat (Bartley, min. 77), Williams, Grimes, Taylor; Cork, Shelvey (Ki, min. 56), Naughton, Emnes (Sigurdsson, min. 56), Barrow; Gomis.
SCORE: 0-0.
ARBITRO: Swarbrick (ING). Ammoniti: Cabaye (min. 34), Souare (min. 57), Taylor (min. 59), Ki (min. 65), Hengeland (min. 92).
NOTE: Match valido per l'edizione 2015/16 della Premier League. Al Selhurst Park si sono registrati 23715 spettatori.

Scialbo 0-0 tra Crystal Palace e Swansea, in una gara in cui i padroni di casa avrebbero meritato qualcosa in più. Eagles scesi in campo con un 4-2-3-1, modulo speculare degli ospiti, reduci dalla vittoria casalinga contro il West Brom. Partita fin da subito tattica, con i padroni di casa bravi a tenere palla senza però offendere con puntualità. Prima azione di rilievo al 19', con Cabaye che tira alto sopra la traversa. Quattro minuti dopo, invece, sono sempre gli Eagles vicini alla rete con un blando colpo di testa di Hengeland. La gara non riesce a sbloccarsi, grazie alle arcigne difese che riescono a stoppare le azioni avversarie senza troppi problemi. Le redini  sono però saldamente nelle mani dei padroni di casa che non riescono a concludere ottimamente in rete: al 30', infatti, Jedinak mette a lato una conclusione sugli sviluppi di un calcio di punizione. Il tentativo del centrocampista numero 15 è l'ultima azione di un primo tempo che regala ben poche emozioni e che si conclude dopo due minuti.

Seconda frazione che non muta spartito, riproponendo sempre lo stesso leitmotiv: al 48' grandissima occasione per Hengeland, abile a colpire di testa. Fabianski è però reattivo nel mettere in angolo. La gara non si accende, lo Swansea fa ben poco per rendersi pericoloso e il Palace non approfitta dell'arrendevolezza avversaria. Le azioni latitano e, per destarsi dal torpore, bisogna aspettare addirittura il 75', quando Fabianski deve ancora una volta impegnarsi per impedire a Bamford di segnare. La partita, dopo il lampo dell'attaccante di casa, si riaddomenta, per poi dare cenni di vita solo nei minuti finali: al 90' Zaha conclude di poco a lato dopo aver fatto tutto benissimo, due minuti dopo è Sigurdsson che lambisce il palo con un'insidiosa punizione.

Crystal Palace e Swansea non si fanno male, pareggiando una gara noiosa e priva di emozioni. Le due squadre, infatti, hanno creato davvero poco e di certo non sono mai state pericolosissime. Più Palace, però, rispetto agli Swans. Migliore in campo per gli Eagles, Hengeland. Per lo Swansea in evidenza Fabianski.