Premier League - United cinico, Rashford decide il derby

Lo United strappa i 3 punti al City, pur soffrendo nel finale, grazie al gol del giovane attaccante Rashford.

Premier League - United cinico, Rashford decide il derby
Rashford esulta dopo il goal-partita
Manchester City
0 1
Manchester United
Manchester City: Hart (Caballero, min. 49), Sagna, Demichelis (Bony, min. 55), Mangala, Clichy, Fernandinho, Toure, Navas, Sterling (Fernando, min. 25), Silva, Aguero.
Manchester United: De Gea, Darmian (Mensah, min. 83), Smalling, Blind, Rojo (Valencia, min. 64), Schneiderlin, Carrick, Lingard, Mata (Schweinsteiger, min. 69), Martial, Rashford.
SCORE: 0-1, min. 16, Rashford.
ARBITRO: Michael Oliver (ENG)

All'Etihad Stadium lo United vince per una rete a zero, con goal del giovane Rashford. Van Gaal prova ad affiancare a Rashford Martial, lasciando in panchina ancora una volta Depay, Pellegrini mette la squadra titolare con Aguero dal primo minuto.

Primo tempo che inizia forte per lo United, al 16' Rashford, dopo l'assist di Mata e dopo aver dribblato Demichelis, imbarazzante quest'oggi, la mette subito dentro e sblocca il derby. Nei restanti minuti poco da segnalare, al 45' numerose critiche per il direttore di gara, con Rashford che reclama un rigore. Il City lascia il campo senza proferir verbo, modesta la performance dei blu.

Secondo tempo che vede subito una brutta tegola per il City. Demichelis perde l'ennesimo pallone e Martial si ritrova solo davanti ad Hart, il portiere per salvare la porta si butta sul pallone e sfortunatamente si infortuna, al suo posto entra Caballero. United che continua a pressare, soprattutto con le incursioni sulla destra di Darmian, lo stesso Darmian che al 75' salva un goal sicuro sul tiro di Aguero.

Pellegrini mette dentro Bony e la partita cambia, con due punte il City si fa vedere molto di più e sfiora più volte il pareggio, al 95' Aguero insiste e affronta da solo 4 giocatori, fermato però dal quinto. Lo United vince e si porta a meno 1 dallo stesso City, che invece perde la 4 partita in 6 gare, segno di una crisi profonda in casa Citizens.