Crystal Palace, De Boer è ufficialmente il nuovo allenatore

L'ex interista presentato oggi dalle Eagles in diretta sui social: contratto triennale per lui. Le primissime dichiarazioni.

Crystal Palace, De Boer è ufficialmente il nuovo allenatore
Il neo-tecnico Frank De Boer al fianco del chairman Steve Parish durante la presentazione. | Crystal Palace Football Club, Facebook.

Una delle poche squadre in Premier League a non aver scelto il proprio nuovo manager era il Crystal Palace, perlomeno fino ad oggi. Il club del sud di Londra, dopo aver trovato l'accordo con Frank De Boer, ha voluto rendere pubblica la notizia in maniera molto social: in mattinata è stato pubblicato il video che vedete sotto, dopo il quale è arrivato un messaggio ai tifosi, il quale ha messo tutti sull'attenti: "Alle 14:00 BST saremo live su Facebook per un annuncio speciale".

Insomma, in maniera piuttosto enigmatica, è arrivata la presentazione del neo-tecnico, reduce dalla brutta esperienza con l'Inter. Una scelta certamente coraggiosa, ma piuttosto interessante: l'allenatore potrà provare i propri schemi ultra-offensivi in un campionato spettacolare come quello d'Oltremanica, dove il divertimento sotto l'aspetto dei gol e del ritmo non manca mai. Il tentativo al Manchester United del connazionale Van Gaal non è andato bene: starà dunque all'ex difensore fra le altre del Barcellona provare a fare di più, almeno in relazione alle aspettative, visto che andare oltre il quarto posto che ottenne LVG come massimo risultato sembra - con tutto il rispetto per le Eagles - un po' complicato.

Il comunicato del club ufficiale riporta di un contratto triennale con uno stipendio ancora non definito pubblicamente. Intanto De Boer ha rilasciato le sue prime sensazioni ai media da allenatore del Crystal: "Ho una buona sensazione riguardo al club. Al momento dell'offerta ero molto eccitato. Il Palace è un club che può arrivare ancora più lontano. Ho fatto i compiti sui giocatori, già li conosco in parte. Voglio provare a giocare dominando quando possiamo giocare dominando, con e senza la palla".