Tottenham, Serge Aurier: "Via da Parigi perchè non mi rispettavano"

Al Sun, il neo difensore degli Spurs si racconta, rendendo pubblico il perchè ha voluto lasciare Parigi.

Tottenham, Serge Aurier: "Via da Parigi perchè non mi rispettavano"
Tottenham, Serge Aurier: "Via da Parigi perchè non mi rispettavano"

Il neo acquisto del Tottenham, il difensore Serge Aurier, al Sun ha ripercorso la sua estate, parecchio tribolata, commentando le fasi della trattativa tra il suo ex club, il Paris Saint-Germain e il Tottenham. Negoziato complicato, a tratti spinoso, che però si è concluso positivamente nel corso delle ultime ore della sessione estiva. "Ero intenzionato a cambiare aria, non volevo rimanere più a Parigi perchè lì non mi rispettavano, giocavo poco e non avevo un buon feeling con l'allenatore". Questo quanto sottolineato nei confronti della sua ex squadra, lasciata senza rimpianti.

Prosegue, definendosi un difensore influente: "In Ligue 1 sono atato tra i difensori più decisivi per diversi anni, dal 2013 ad oggi, vincendo anche nove trofei. Quindi posso dare molto di più rispetto a quanto fatto in campo con la maglia del PSG. Il club parigino mi aveva anche proposto un rinnovo contrattuale della durata di tre anni, ma ho rifiutato perchè ho reputato chiusa la mia esperienza lì a Parigi. Ho preferito scegliere di andare via, ed iniziare una nuova esperienza nella quale potermi sentire finalmente più libero di essere me stesso".

Ora il presente di Serge Aurier è rappresentato dal Tottenham, squadra con sede nel nord di Londra. Esperienza in Premier League, nel campionato più affascinante del mondo. Buone le sensazioni provate dal francese durante le sue prime settimane inglesi: "E' tutto magnifico, qui si respira un 'atmosfera fantastica, la gente vive il calcio in un modo stupendo. Sono davvero felice di essere qui al Tottenham. Ho fatto la scelta giusta, non me ne pento per nulla e rifarei la stessa scelta altre mille volte".

Gli Spurs avranno come obiettivo quello di confermarsi ai vertici della Premier dopo il secondo posto conquistato lo scorso anno: "Siamo una squadra costruita bene, con raziocinio, dotata di ottima qualità in ogni reparto. Quindi ambire al titolo è lecito, non ci tiriamo indietro, consapevole che la concorrenza è tanta. Ci sono squadre fortissime, che sono state costruite in estate per vincere".