Carabao Cup, Leicester-Liverpool 2-0: Okazaki prima e Slimani poi affondano i reds

Partita sofferta per la compagine di Shakespeare che viene salvata da uno strepitoso Okazaki e da un ottimo Slimani.

Leicester
Liverpool
Leicester : (4-4-2) Hammer; Amartey, Morgan, Dragovic, Chillwell; Albrighton, Ndidi (Choudhury min.84), Iborra, Gray; Ulloa (Okazaki, min.51), Slimani.
Liverpool: (4-3-3) Ward; Robertson, Klavan, Gomez, Flanagan; Grujic, Henderson, Wijnaldum (Ings, min.73); Coutinho (Woodburn, min.46), Solanke, Chamberlain.
SCORE: 1-0, min.66, Okazaki. 2-0, min.74, Slimani.
ARBITRO: Stuart Atwell (ENG). Ammoniti: Grujic (min.56), Klavan (min.75), Iborra (min.91)
NOTE: Gara valida per la Carabao Cup, disputata al King Power Stadium alle 20.45 ora italiana.

La gara dei sedicesimi di finale della Carabao Cup, che vede sfidarsi Leicester City e Liverpool, premia la squadra di Shakespeare, la quale accede al turno successivo grazie ai gol nella ripresa di Okazaki e Slimani. La coppa più comunemente chiamata Coppa di Lega, Carabao da quest'anno per motivi promozionali, ha visto l'anno scorso trionfare il Manchester United contro il Southampton per 3-2.

LE SCELTE - Turn over più che ovvio per entrambe le formazioni. Klopp decide di schierare un 4-3-3 con Coutinho e Chamberlain accanto a Solanke. Shakespeare invece deve fare a meno di Vardy infortunato e schiera dal primo minuto la coppia Ulloa Slimani, tenendo Mahrez in panchina.

PRIMO TEMPO - La prima frazione di gara vede il Liverpool affacciarsi più spesso in area di rigore, ma i giocatori di Klopp vengono fermati più volte dal blocco difensivo del Leicester: prima Morgan e poi Chillwell bloccano le avanzate dei reds che fanno affidamento a un ispirato Coutinho e a un Robertson in serata. La gara per tutto il primo tempo rimane piuttosto priva di grandi emozioni tranne quando il trequartista verdeoro punta la porta protetta da Hammer: il brasiliano duetta con Solanke e scarica un sinistro violento sul portiere delle Foxes che riesce a parare facilmente. Sempre l'ex Inter oltre a concludere verso la porta inventa anche per i compagni: dopo un improvviso scatto riesce ad accentrarsi e di destro lancia Solanke che non riesce a dare la giusta forza al pallone per centrare la porta.

SECONDO TEMPO - Al rientro dagli spogliatoi la squadra di Shakespeare sembra essere più motivata, mentre Klopp decide di sostituire Coutinho per fare spazio al giovane Woodburn. Dopo 5 minuti di buon pressing, in uno scontro aereo Ulloa è costretto a lasciare il posto a Okazaki: cambio che risulterà essere decisivo. Il Leicester si affaccia di più nell'area avversaria e Gray al 54' minuto va molto vicino al goal con un bel sinistro, il quale termina a pochi centimetri dalla porta protetta da Ward. Dieci minuti dopo circa arriva il goal del Leicester, inaspettato da tutto il pubblico: Ndidi appoggia di testa a Iborra che a sua volta, sempre di testa, regala un assist delizioso ad Okazaki, il quale infila Ward da distanza ravvicinata. La reazione del Liverpool arriva poco dopo con una progressione di Woodburn che si accentra e conclude poco alto alle spalle di Hammer. Le Foxes diventano ancora più affamate e continuano a pressare la compagine di Klopp, che subisce il secondo goal proprio dopo aver perso una palla in difesa: dalla lunga distanza Slimani, dopo aver recuperato palla, conclude con un formidabile sinistro che si insacca sotto l'incrocio dei pali portando il Leicester a fissare il punteggio sul 2-0.

Il Leicester si aggiudica così una partita sofferta, e ora testa al prossimo turno di Premier League, dove dovrà affrontare di nuovo i reds sempre al King Power Stadium.