Premier League - L'uragano Kane rade a suolo Huddersfield (0-4)

Il numero dieci del Tottenham continua a mietere vittime: doppietta e vittoria sul campo dell'Huddersfield. A segno anche Davies e Sissoko.

Premier League - L'uragano Kane rade a suolo Huddersfield (0-4)
Fonte Twitter Tottenham
HUDDERSFIELD
0 4
TOTTENHAM
HUDDERSFIELD: (4-2-3-1): Lössl; Smith, Zanka, Schindler, Löwe; Mooy, Hogg; Kachunga, Ince, Van La Parra; Depoitre. All.: Wagner.
TOTTENHAM: (3-4-2-1): Lloris; Alderweireld, Sanchez, Vertonghen; Trippier, Dier, Winks, Davies; Eriksen, Alli; Kane. All.: Pochettino.
SCORE: 9' Kane 16' Davies 24' Kane 90' (+1) Sissoko
ARBITRO: Neil Swarbrick
NOTE: John Smith's Stadium, Huddersfield Settima giornata di Premier League

Il Tottenham è in forma e si vede: perentorio 4-0 sul prato dell’Huddersfield, con una doppietta di Kane e le reti di Davies e Sissoko. Partita già chiusa dopo venticinque minuti, con il 3-0, mentre Sissoko aggiorna il tabellone in pieno recupero. Con i tre punti, il Tottenham vola a 14, alle spalle del tandem City-United, con la certezza di almeno un mezzo passo falso di una tra il Chelsea e City, mentre l’Huddersfield resta decimo in classifica.

Wagner dispone i suoi nel solito 4-2-3-1, con Depoitre punta centrale, sostenuto dal trio Van la Parra, Ince e Kachunga, mentre in mediana troviamo il duo Hogg e Mooy. Schindler e Jorgensen guidano la difesa, con i terzini Loewe e Smith, con Loessl in porta.

Pochettino risponde con il 3-4-2-1 per gli Hotspur, che si ritrovano il pacchetto Ajax in difesa, con Alderweireld, Sanchez e Vertonghen, davanti a Lloris tra i pali. Titolare Winks, con Dier a centrocampo, mentre Trippier e Davies presidiano le fasce, a braccetto con Alli ed Eriksen sulla trequarti, di supporto a Kane unica punta.

L’Huddersfield scende in campo con le buone intenzioni, con Smith e Van la Parra, che sporcano due volte i guanti di Lloris nei primi sette minuti, ma Harry Kane sorprende gli avversari, ingannando Loewe e vola in solitaria in contropiede, siglando il vantaggio iniziale all’ottavo minuto di gioco per il Tottenham. Gli ospiti si ritrovano il match in discesa, alzando i ritmi, mentre i biancoazzurri sono scossi dal vantaggio di Kane: al quarto d’ora, Davies infierisce, concludendo a rete un’azione magistrale, nata da una triangolazione di Alli, Kane ed Eriksen, poi il gallese si inserisce in solitaria a sinistra e deve solo beffare il portiere avversario. Al minuto 20’, Loessl commette la frittata lisciando un disimpegno in area, Kane gli va addosso ma perde tempo a trovare la conclusione e spreca una buona opportunità. Il numero dieci inglese non sbaglia mai due volte di fila, riscattandosi quattro minuti dopo, con un gol di pregevole fattura: sinistro a rientrare sul fil del palo da fuori area e 3-0 dopo nemmeno venticinque minuti di gioco. Nei dieci minuti successivi, è ancora dominio Tottenham, con Alli che prende il palo dopo una bella azione personale, mentre Kane si vede annullare un gol in semirovesciata per fuorigioco. Solo sul finale si vede l’Huddersfield, con Depoitre, che scaglia un missile da fuori area, ma la sfera si stampa sulla traversa, chiudendo il primo tempo sullo 0-3 per la truppa di Pochettino.

Al ritorno sul prato del John Smith’s Stadium, Kane ci riprova con un’incursione al 50’, senza risultato, mentre i compagni addomesticano la partita abbassando i ritmi. Al 68’ c’è un’occasione per i Lilywhites con Eriksen che sporca i guanti di Loessl dal limite dell’area, per poi riprovarci tre minuti dopo, ma il numero uno avversario è reattivo e nega al danese le velleità di gol. L’Huddersfield non riesce a trovare varchi per trovare il gol della bandiera e rischia pure il poker, con Sissoko che sbaglia a tu per tu con Loessl, dopo un buon dribbling in area dalla destra, mentre Kane cede il testimone a Son per la standing ovation. Al novantunesimo minuto di gioco, Moussa Sissoko trova la gloria, con la sua prima rete in casacca Spurs, segnando dalla mischia nell’area piccola. Finisce con un eloquente 0-4 per il Tottenham, che conferma il suo ottimo rendimento lontano da Wembley.