Passo falso Chelsea: Zaha condanna i Blues, il Crystal Palace vince 2-1

Sconfitta per gli uomini di Antonio Conte che vanno sotto, pareggiano e subiscono il colpo del ko in chiusura di primo tempo

Passo falso Chelsea: Zaha condanna i Blues, il Crystal Palace vince 2-1
Wilfred Zaha, match-winner di giornata
Crystal Palace
2 1
Chelsea
Crystal Palace: Speroni; Ward, Dann, Sakho, Van Anholt; Milivojevic, Cabaye (Riedewald dall'86'), Schlupp (Puncheon dal 75'), McArthur (Fosu-Mensah dall'85'); Townsend, Zaha
Chelsea: Courtois; Azpilicueta, David Luiz, Cahill; Moses (Zappacosta dal 40'), Fabregas, Bakayoko, Alonso; Willian (Musonda dal 66'), Batshuayi (Pedro dal 57'), Hazard.
SCORE: 1-0, aut. Azpilicueta all'11'. 1-1, Bakayoko al 18'. 2-1, Zaha al 45'.
ARBITRO: Andre Marriner. Ammoniti: Dann e Milivojevic (P), Bakayoko (C)
NOTE: Selhurst Park, Londra

Seconda sconfitta stagionale in Premier League, probabilmente la più inaspettata fino ad ora. Il Chelsea di Antonio Conte cade clamorosamente a Selhurst Park contro il fanalino di coda Crystal Palace che ottiene così i primi tre punti del suo campionato. I padroni di casa passano in vantaggio all'11' sfruttando l'autogol di Azpilicueta che batte involontariamente Courtois, ma i blues non ci stanno e in pochi minuti tornano in partita grazie a Bakayoko che pareggia su suggerimento di Fabregas. In chiusura di primo tempo, però, ecco che Zaha infila nuovamente il portiere belga e il gol si rivela decisivo, dato che nella ripresa il Chelsea non riesce a reagire andando quindi a perdere per 2 a 1.

Hodgson sceglie di confermare il suo 4-5-1, Speroni fra i pali e linea di difesa composta da Ward, Sakho, Dann e Van Aanholt. A metà campo giocano Cabaye, McArthur e Milivojevic con Schlupp e Townsend sulle corsie laterali mentre davanti il peso dell'attacco è tutto sulle spalle di Zaha. Conte risponde col 3-4-3, Courtois ovviamente titolare in porta, difesa formata da David Luiz con Cahill e Azpilicueta. Moses e Marco Alonso agiscono rispettivamente sulle corsie destra e sinistra mentre in mezzo ecco Bakayoko con Fabregas. Davanti tridente guidato da Eden Hazard a sinistra, Willian a destra e Batshuayi al centro.

L'andamento iniziale della partita augura un bello spettacolo, il Chelsea inizia bene e si fa vedere in avanti dopo due minuti con Hazard che rientra sul destro e cerca Batshuayi, fermato dalla chiusura provvidenziale di Sakho. I padroni di casa non si fanno intimorire, obbligati a vincere data la loro pessima situazione di classifica, ecco quindi che al 5' Courtois deve impegnarsi severamente per respingere il traversone di Townsend che per poco non lo sorprende. Il gol è nell'aria ed arriva all'11', ma a segnarlo è il Palace: Mcarthur fugge sulla destra, entra in area e mette in mezzo per Cabaye che calcia al volo, centrando Azpilicueta la cui deviazione mete fuori causa Courtois. 

Il gol dello svantaggio sveglia i Blues che ci mettono poco a reagire. Prima Batshuayi impegna Speroni dal limite, poi ci prova Fabregas ma il tiro dello spagnolo è messo in angolo. Sugli sviluppi del corner, battuto proprio dall'ex Barça, Bakayoko salta più in alto di tutti e colpisce il pallone che si infila alle spalle dell'incolpevole Speroni per il gol del pareggio. Si abbassano i ritmi dopo il gol del pari del Chelsea, i padroni di casa non vogliono scoprirsi mentre i blues sembrano non voler rischiare di andare nuovamente sotto. I padroni di casa riescono però a farsi pericolosi al 24', quando Cabaye ci prova dalla distanza senza inquadrare però la porta. Si arriva senza particolari emozioni al 40' quando Moses si getta a terra dolorante. Infortunio abbastanza grave e Conte, costretto al cambio, sceglie di gettare nella mischia Zappacosta. Quando il primo tempo sembra ormai essere finito, ecco che per gli uomini del tecnico ex Juve arriva la doccia fredda: Sakho avanza palla al piede sulla trequarti senza essere contrastato e serve Zaha che entra in area da sinistra, si libera del suo marcatore con un numero e da posizione favorevole batte l'incolpevole Courtois, portando avanti i suoi.

Nella ripresa il Chelsea entra in campo con un atteggiamento decisamente più offensivo rispetto al primo tempo e i minuti iniziali del secondo tempo sono un monologo blues. Prima Hazard sfiora il palo con un bel tiro a giro dalla sinistra, poi Batshuayi viene chiuso da Speroni in uscita proprio al momento del tiro. Al 50', Fabregas, il migliore dei suoi, lascia partire dai 25 metri un destro pazzesco che si stampa però sulla traversa. Sembra essere il preludio al gol del pareggio ospite, ma in realtà la partita degli uomini di Antonio Conte si chiude qui. Il resto della seconda frazione di gara infatti non presenta grandi occasioni per la squadra ospite che anzi, rischia di subire il gol del 3 a 1 da Townsend che spreca un ottimo contropiede. Gli unici sprazzi di attacco Blues arrivano da Zappacosta che al 65' controlla bene ma calcia debolmente dalla destra e da Willian che due minuti dopo scaglia un destro potente verso la porta che viene disinnescato da un ottimo Speroni. 

A nulla servono le sostituzioni dell'ex allenatore della Nazionale, il Chelsea perde due a uno lasciando a Selhurst Park punti importantissimi, il City ringrazia ed allunga ulteriormente passeggiando letteralmente sullo Stoke City. Fondamentale vittoria invece per il Crystal Palace di Roy Hodgson che dovrà ora continuare su questa strada per lottare e cercare di ottenere l'ambita salvezza.