Carabao Cup - Bristol vs Manchester City, tra sogno e realtà

Il Bristol, in grado di spaventare il City all'Etihad, medita il grande sgarbo. Si riparte dal 2-1 in blu dell'andata.

Carabao Cup - Bristol vs Manchester City, tra sogno e realtà
Carabao Cup - Bristol vs Manchester City, tra sogno e realtà

Impegno di Coppa per il City di Guardiola. Semifinale di ritorno in Carabao Cup, si riparte dal 2-1 dell'Etihad con il Bristol. Sulla carta, poca partita. La differenza tecnica tra le due squadre è ampia, il Bristol alberga nella seconda divisione inglese ed è reduce da un filotto negativo piuttosto preoccupante. Tre sconfitte e un pari nelle ultime quattro, lo 0-0 con il Derby per avvicinare il big match con il City. Un gap che si affievolisce se spostiamo lo sguardo sul percorso di Coppa. Una dimensione parallela, in cui il Bristol riesce a superare evidenti limiti. Quattro le squadre di Premier cancellate fin qui dalla competizione. Watford, Stoke, Palace e soprattutto United, ai quarti. Vittime inattese della compagine diretta sapientemente dal 36enne Lee Johnson. A confermare la pericolosità del Bristol, la prova d'andata, con il City a lungo imbrigliato e sotto nel punteggio in virtù del penalty conquistato e trasformato da Reid. Nei secondi 45, il ritorno con le firme di De Bruyne e Aguero. 

Guardiola tende ad usufruire spesso della sua lunga panchina in questa competizione, il rischio è quindi dietro l'angolo, come dimostrano le affermazioni di rigore con Wolverhampton e Leicester. Per la gara di questa sera, poche concessioni, occorre blindare la finale. Bravo rileva Ederson, la coppia centrale è quella titolare, con Stones al fianco di Otamendi. A proposito di difesa, si parla di un interessamento importante del City per Laporte. Walker e Zinchenko presidiano le corsie laterali, in mediana spazio a Gundogan, Fernandinho (non è da escludere un impiego di Touré) e De Bruyne - fresco di rinnovo. Aguero - tre gol nel successo con il Newcastle in Premier - funge da terminale d'attacco, Sterling e Sané gli esterni offensivi. Fuori causa Mendy, Delph, G.Jesus e Foden. 

Come detto, il Bristol deve convivere con una flessione netta. In classifica, occupa la quinta posizione a quota 48, distanza ridotta dal vertice, possibilità di rientro. Johnson non intende esporsi, al Bristol basta una rete per ribaltare l'1-2 dell'andata, per coronare un'altra impresa. 4-4-1-1 quindi, due linee compatte, Paterson ad agire sulla trequarti a ridosso del rapido Reid. Pack e Smith coprono la zona centrale del campo, partita di sacrificio per Brownhill e Bryan. Davanti a Steele, pacchetto a quattro composto da Magnusson, Baker, Flint e Wright. 

Fischio d'inizio alle 20.45.