Europa League, Montella: "Sono orgoglioso della prestazione, abbiamo dimostrato di avere un’anima"

il tecnico viola:" Con grandissima rabbia avrei accettato anche la sconfitta perché questo è il calcio, a volte crei tanto ma non segni"

Europa League, Montella: "Sono orgoglioso della prestazione, abbiamo dimostrato di avere un’anima"
Europa League, Montella: "Sono orgoglioso della prestazione, abbiamo dimostrato di avere un’anima"

All'ultimo minuto Babacar regala il pari alla Fiorentina nella trasferta insidiosa di Kiev. FInisce 1 a 1. Qualificazione che si giocherà giovedì prossimo al Franchi.  Vincenzo Montella in conferenza stampa:"Sono orgoglioso della prestazione perché era un momento particolare, sono contento di allenare questo gruppo. Con grandissima rabbia avrei accettato anche la sconfitta perché questo è il calcio, a volte crei tanto ma non segni. Ero certo che avremmo fatto la partita, abbiamo dimostrato di avere un’anima e di credere ancora in noi stessi. Oggi la squadra ha fatto una prestazione da grandissima squadra ma da grandissimo gruppo soprattutto. Cosa deve o non deve fare Gomez? Deve avere un po’ di fiducia in più in sé stesso, oggi ha lavorato per la squadra. E’ ovvio che come qualsiasi attaccante che viene giudicato per i gol, però sono contento per la sua prestazione. Deve dimostrare la condizione che ha mostrato questa sera e rimanere sereno. Delusione a fine primo tempo? Il gol l’abbiamo subito in modo fortuito, abbiamo invece mostrato di saper creare gioco, di riuscire ad arrivare con facilità agli ultimi 25 metri. Poi ci manca la decisione giusta, in questo dobbiamo migliorare ed arrabbiarci con noi stessi quando sbagliamo. Credo che nello spogliatoio fosse più arrabbiata al squadra di me, era importante per me trasmettere serenità e consigliare lo stesso tipo di gioco, senza allungarsi. Subire il 2-0 in contropiede sarebbe stata una beffa inaccettabile”.

Subito dopo la partita ha parlato l’autore del gol della Fiorentina, Babacar “E’ una partita molto importante per noi e abbiamo dato tutto. Sono entrato con il giusto atteggiamento e grazie a Dio ho fatto gol. Abbiamo giocato una buona gara e sembrava impossibile perdere. Quando entro devo dare sempre il massimo ed è quello che mi ha detto il mister. Io gioco per la squadra, per me l’importante è vincere. Sì è possibile per noi vincere l’Europa League, vogliamo arrivare fino in fondo e sono sicuro che ci arrivano. Dobbiamo continuare a lavorare e le soddisfazioni arriveranno”.

Kiev Rebrov,  tecnico della Dinamo Kiev, nella sala stampa: “Sapevamo benissimo con chi avevamo a che fare, la squadra con cui dovevamo giocare è forte e seria. La Fiorentina ha avuto parecchie occasioni, ma anche noi. Ora i ragazzi saranno scoraggiati, ma la vita è così. Domani sarà un altro giorno e ci organizzeremo. Sappiamo benissimo che uno dei lati forti della Fiorentina è la forza a centrocampo, a volte dovevamo stare attenti a non esagerare”.