Europa League: che Villarreal! N'Diaye e Pato pareggiano la doppietta di Rusescu

Doppiamente avanti con un gol del proprio attaccante, i turchi non riescono a difendere il risultato, penalizzato dall'espulsione di Guven al 54'. Benissimo Pato vero e proprio trascinatore dei suoi.

Europa League: che Villarreal! N'Diaye e Pato pareggiano la doppietta di Rusescu
www.eurosport.com
OSMANLISPOR
2 2
VILLARREAL
OSMANLISPOR: Arikan; Vrsajevic, Demir,Curusku, Pinto; Maher (Prochazka, min. 57), Lawal (Guven, min. 39), Umar, Ndiaye, Delarge; Rusescu (Regattin, min. 81).
VILLARREAL: Fernandez; Rukavina, Bonera, Gonzalez, Angel; dos Santos (R. Soriano, min. 71), B. Soriano, N'Diaye (Sansone, min. 83), Castillejo; Borré (Bakambu, min. 65), Pato
SCORE: 1-0, min. 22, Rusescu. 2-0, min. 26, Rusescu. 2-1, min. 56, N'Diaye. 2-2, min. 74, Pato.
ARBITRO: Liran Liany (ISR). Ammoniti: Borré (min. 45), Castillejo (45'+2), Alvaro Bonera (min. 84). Castillejo (min. 90). Espulsi: Guven (min. 54)
NOTE: Osmanlı Stadyumu, terza gara dei Gironi di Europa League 2016/17.

Riprendendo la gara per i capelli quando tutto sembrava finito, ottimo 2-2 del Villarreal, che in casa dell'Osmanlispor riesce a conquistare un punto vitale in ottica passaggio del turno. Sotto di due reti siglate in pochissimo tempo da Rusescu, il Sottomarino rimonta con N'Diaye e Pato, in evidenza grazie ad una gara di livello superiore. 

Padroni di casa che scendono in campo adottando un offensivo 4-2-3-1: davanti ad Arikan, difesa a quattro composta da Vrsajevic, Demir, Curusku e Pinto. In mediana lanciati dal 1' Maher e Lawal, con Ndiaye pronto a sostenere l'unica punta Rusescu in qualità di trequartista. Sulle fasce completano l'undici di Akçay Umar e Delarge. Un più classico 4-4-2, invece, per gli ospiti, che si piazzano con Bonera e Gonzalez a protezione di Fernandez. Rukavina ed Angel i terzini, incaricati di sovrapporsi a dos Santos e Castillejo al momento di sviluppare il gioco sulle fasce. Bruno Soriano e N'Diaye a centrocampo, Pato e Santos Borré i due d'attacco. 

Gara inizialmente molto soporifera, con i turchi bravi a tenere nelle proprie mani il pallino del gioco. Il Villarreal, dal canto suo, non offende subito, preferendo un atteggiamento attendista e di studio. Il primo velleitario tentativo capita al 12', quando è Vrsajevic a provarci dalla distanza senza impensierire però il portiere degli spagnoli Fernandez, che di fatto battezza fuori l'idea del 2 di casa. Dopo tre minuti, finalmente la prima importante occasione di gara, con N'Diaye che non riesce a ribadire in rete l'ottimo cross propostogli da Rukavina. Il grande spavento scuote comunque i turchi che, consci della pericolosità dell'avversario, ricominciano a controllare la gara attraverso un lungo palleggio, giungendo vincentemente al gol al minuto numero ventidue grazie ad un guizzo di Rucescu, abilissimo a sfruttare il cross in area del pericolosissimo Vrsajevic, una spanna sopra tutti i suoi compagni.

Guidati dal calore del proprio pubblico, i ragazzi di Akçay mettono alle corde il Sottomarino Giallo, ancora sotto al 26' a causa di un vero e proprio eurogol di Rusescu, la cui conclusione da lontanissimo trova un Fernandez giustamente impreparato. L'uno-due colpisce violentemente il Villarreal, comprensibilmente scosso e dunque costretto ad attaccare con foga, atteggiamento preferito dai turchi abilissimi, invece, ad attendere. Al 33' tiro da fuori di Castillejo, palla fuori. Nei minuti finali di frazione cresce il Sottomarino, che fatica comunque a trovare varchi, dovendo di fatto dirottare su una serie importante di tiri da fuori, come quello tentato senza fortuna da Borré al minuto numero trentacinque. Fino al duplice fischio non si sono altre emozioni, per un primo tempo che si chiude con l'Osmanlispor in possesso palla. 

Il secondo tempo inizia con Maher subito pericoloso, al 48', Fernandez blocca. La tranquilla serata turca cambia però in un secondo al minuto cinquantasei, quando lo scellerato Guven frena Pato nella propria area di rigore, beccandosi un rosso diretto e regalando di fatto un rigore al Sottomarino. Dopo le consuete proteste del caso, sul dischetto va Bruno Soriano che, forse sotto pressione, calcia centralmente consentendo ad Arikan di mettere in corner. Dagli sviluppi di questo segna comunque il Villarreal, con N'Diaye che di testa batte il numero 1 di casa senza trovare alcun marcatore. L'uomo in più ed il momentaneo 2-1 ringalluzziscono gli ospiti, obbligatoriamente propiettatisi in avanti dopo la rete e pronti ad agguantare un pari insperato.

Al 68' ci prova Pato dai venticinque metri, pallone di pochissimo fuori. L'attaccante brasiliano è il più in palla dei suoi, l'unico capace con la sua tecnica di scardinare la strenua resistenza turca che, alla fine, cede al 74' grazie ad un perfetto assist di Rukavina al Papero, bravissimo nell'insaccare di destro senza lasciar scampo ad Arikan. Il 2-2 spegne i bollenti spiriti turchi, praticamente obbligati ad una difesa forte e disperata. La Dea Bendata non abbandona però chi sceglie di affidarsi a lei, regalando di fatto all'Osmanlispor la possibilità di segnare, su punizione, il 3-2. Il tentativo da fermo di Pinto, all'ottantasettesimo, termina però alle stelle. Non ci sono altre emozioni, per una gara che termina sul risultato di parità. 

Grandissimo pareggio del Villarreal, che deve necessariamente vedere il bicchiere mezzo pieno per come si erano messe le questioni dopo il duplice fischio del signor Liany. Il Sottomarino infatti, non perdendosi d'animo e venendo aiutato dallo scellerato Guven, trovando la forza di riacciuffare il 2-2, continuando a rimanere saldamente al comando del gruppo L, seguito a ruota proprio dal temibile Osmanlispor, impressionante per modo di giocare ma nel contempo dotato di un collettivo puntellato da ottimi prospetti. Migliore in campo per i padroni di casa, Rusescu. Per gli ospiti in evidenza Pato.