Europa League: l'Ajax si spaventa ma vince, 3-2 all'indomabile Celta Vigo

Portandosi sul 3-0, gli olandesi subiscono il ritorno degli spagnoli, guidati dai neo-entrati Guidetti ed Aspas. Ottimo risultato, comunque, con un +5 che sa di passaggio del turno.

Europa League: l'Ajax si spaventa ma vince, 3-2 all'indomabile Celta Vigo
www.twitter.com
AJAX
3 2
CELTA VIGO
AJAX: Onana; Veltman, Sanchez, Riedewald, Sinkgraven: Klaassen, Schone, Zyech (Gudelj, min. 78); Younes, Dolberg (Cassierra, min. , Traorè.
CELTA VIGO: Blanco; Mallo, Gomez, Fontas, Planas; Diaz, Radoja, Sene (Aspas, min. 73); Lemos (wass, min. 51), Rossi (Guidetti, min. 81), Bongonda.
SCORE: 1-0, min. 42, Dolberg. 2-0, min. 68, Zyech. 3-0, min. 72, Younes. 3-1, min. 81, Guidetti. 3-2, min. 86, Aspas.
ARBITRO: Paweł Raczkowski (POL). Ammoniti: Schone (min. 12), Mallo (min. 39), Sanchez (min 59), Radoja (min. 74), Sinkgraven (min. 76), Klaassen (min. 93)
NOTE: Amsterdam Arena, gara valida per i gironi di Europa League 2016/17.

Prezioso successo dell'Ajax, che nonostante il grande spavento dei minuti finali riesce a vincere contro un ottimo Celta Vigo, allungando in classifica e portandosi proprio a +5 dagli spagnoli. Avanti con Dolberg nel primo tempo, i Lancieri allungano grazie a Zyech e Younes, spaventandosi però dopo le reti di Guidetti ed Aspas nel finale.

Padroni di casa che scendono in campo adottando il solito 4-3-3: davanti a Onana, difesa a quattro composta da Veltman, Sanchez, Riedewald e Sinkgraven. In cabina di regia lanciato Schone, con ai lati i fantasioni Zyech e Klaassen. Completano l'undici olandese, Younes e Traorè a sostegno del giovane danese Dolberg. Stessa disposizione tattica, inoltre, per gli ospiti, che piazzano davanti Lemos e Bongonda ai lati di Giuseppe Rossi. Radoja il mediano scelto da Berizzo, sostenuto da Diaz e Sene. Blanco il portiere spagnolo, protetto dai centrali Gomez e Fontas. Completano la disposizione tattica, i terzini Mallo e Planas.

Primo tempo che inizia con il Celta Vigo in avanti, pronto cioè ad affacciarsi dalle parti di Onana già al 7', quando è Bongonda a proporre un tiro-cross che quasi sorprende negativamente Onana. La mezzala ospite è dunque subito in evidenza tra i suoi, capace di scompaginare la retroguardia olandese e di confermarsi spesso pericolosa. Al minuto numero 13' è ancora il numero 7 pericoloso, il cui tiro termina alto sopra la traversa. Finalmente, dopo più di un quarto d'ora passato a sonnecchiare, escono mentalmente dal tunnel degli spogliatoio i Lancieri, con Klaassen che al 16' calcia però fuori da ottima posizione. Per scuotere definitivamente l'Ajax serve però un grande spavento, che arriva come una sirena un minuto dopo, quando è sempre Bongonda a concludere fuori, non sfruttando l'incredibile errore di Onana, di fatto autore di un assist involontario all'avversario.

Consci della delicatezza della sfida, i ragazzi di Bosz alzano finalmente l'asticella, arrivando spesso a concludere verso la porta protetta da Blanco. Al 20' bella punizione di Zyech sventata dal portiere del Celta, che quattro minuti dopo sventa anche un buon colpo di testa di Dolberg. Il giocatore danese, chiamato ad inizio stagione a non far rimpiangere Milik, si conferma dunque prospetto interessante, già pronto a certi palcoscenici nonostante la giovane età. Tali fortunate doti risultano essere manna dal cielo per l'Ajax, che al 42' si porta in vantaggio proprio grazie al proprio attaccante numero 25, bravissimo a liberarsi di un marcatore battendo Blanco e ringraziando Traorè per il passaggio decisivo. Lancieri, dunque, in avanti al duplice fischio. 

Seconda frazione che registra il Celta Vigo in luce già al 51', con Rossi che di testa ed  imbeccato da Sene non trova lo specchio della porta. Poco dopo, al minuto numero cinquantotto, ci prova invece da fuori e sugli sviluppi di una punizione Veltman, poco fortunato al momento della conclusione. Con il passare dei minuti i Lancieri alzano il baricentro, giungendo celermente al raddoppio al 68' con Zyech imbeccato da un ispirato Traorè che lo mette praticamente solo davanti la porta. Il raddoppio subito abbatte mentalmente gli spagnoli, che  di fatto alzano anticipatamente bandiera bianca quattro minuti dopo, quando concedono a Younes il lusso di tirare a giro battendo Blanco. Dopo il 3-0, inevitabilmente, i ritmi dei Lancieri si abbassano, con gli spagnoli meno asfissiati dai forti olandesi.

L'atteggiamento più calmo dei padroni di casa serve e non poco agli spagnoli, che con il neo-entrato Guidetti, subentrato a Rossi, marcano il gol della bandiera all'81' e grazie ad un guizzo del giovane svedese, deliziosamente imbeccato da Aspas, ugualmente lanciato nella mischia a secondo tempo inoltrato. La troppa convinzione coinvolge però eccessivamente presto i Lancieri, che dalla sicura certezza vittoria rischiano di capitolare a partire dal minuto numero ottantasei, quando il dinamico Aspas marca il secondo gol dei suoi, riaprendo di fatto i giochi. Molto importante, nell'occasione, l'errore in disimpegno di Sanchez, che regala palla al Diez del Vigo bravissimo a trafiggere Onana con un bel tiro dalla distanza. Nei minuti finali attacca dunque il collettivo spagnolo, all'88' ancora vicinissimo alla rete con Bongonda. Non ci sono altre emozioni, con l'Ajax che conquista così un importantissima vittoria. Migliore in campo  per i padroni di casa, Dolberg. Per gli ospiti in evidenza Bongonda.