Paris Saint-Germain, l’era degli sceicchi

Anche il club parigino, grazie all’acquisto da parte della Qatar Investment, si aggiunge alle nuove “ricche” del calcio e domina il mercato di luglio

Paris Saint-Germain, l’era degli sceicchi
Javier Pastore, ultimo acquisto del PSG

Le prime sono state Manchester City e Malaga, rispettivamente in Inghilterra e Spagna, che una volta passate in mano alla gestione degli sceicchi hanno potuto stravolgere gli equilibri di mercato diventando destinazione preferita di molte stelle del calcio.

Adesso a loro si è aggiunto il Paris Saint-Germain, unica squadra della capitale e una delle più seguite a livello nazionale in Francia, acquistata dagli sceicchi della Qatar Investment Authority.

Il risultato che si spera di ottenere è quello del rilancio del calcio francese in Europa, e di una maggiore competitività nello stesso campionato francese, grazie al notevole aumento di budget a disposizione per il mercato estivo.

E infatti il PSG sta già acquistando il titolo di regina del mercato, visti gli 86 milioni spesi nel solo mese di luglio: molto del merito va all’ingaggio di Leonardo, ex allenatore di Milan e Inter, in qualità di direttore sportivo, che è riuscito a portare all’ombra della Tour Eiffel primo fra tutti Jeremy Menez, il quale dopo l’esperienza alla Roma ha già avuto modo di rivedere gli ex compagni giallorossi nel triangolare di Innsbruck.

Tra gli altri acquisti invece, sempre provenienti dal campionato italiano, spiccano quelli di Momo Sissoko, da tempo fuori dai piani della nuova Juventus, di Salvatore Sirigu, ex portiere del Palermo, ma soprattutto del compagno rosanero e stella dell’Argentina Javier Pastore, che Zamparini ha lasciato andare per la cifra di 43 milioni di euro.