Roma, Monchi lancia Under: "Può essere il futuro della squadra"

Il dirigente dei giallorossi parla del giocatore turco che sta trascinando la Roma fuori dalla crisi di risultati.

Roma, Monchi lancia Under: "Può essere il futuro della squadra"
Roma, Monchi lancia Under: "Può essere il futuro della squadra" | Twitter UEFA Champions League

Sei gol ed un assist nelle ultime sette partite e prestazioni da campione affermato. Cengiz Under ha trascinato la Roma fuori dalla crisi di risultati e prestazioni diventando il nuovo idolo della curva giallorossa. A credere in lui sin da quest'estate c'è però Monchi, che l'ha portato nella capitale italiana, l'ha aspettato prendere confidenza con il nostro calcio ed ora raccoglie i dividendi. 

Il suo gol contro lo Shakthar in Champions League permette alla squadra di Di Francesco di restare in corsa per la qualificazione ai quarti di finale che mancano da dieci anni. Stasera all'Olimpico la Roma non potrà fallire l'appuntamento e Under sarà in campo per provare a dare la scossa decisiva, intanto Monchi spende parole d'elogio per lui: "L'ho scelto io così come tutti gli altri giocatori che sono arrivati, scelte fatte in sintonia con il mio gruppo di lavoro. Sapevamo che questo ragazzo avrebbe avuto all'inizio qualche problema di adattamento a causa della lingua ma anche che aveva ottime qualità. Nei primi mesi il mister l'ha saputo gestire per poi concedergli un minutaggio sempre maggiore ed i risultati si sono visti. Ha ancora ampi margini di crescita, può essere il futuro della Roma".

Il dirigente giallorosso parla anche dell'importanza di centrare il passaggio del turno, sia per i giocatori, sia per la crescita della società: "Siamo consapevoli che è uno degli impegni più importanti dell'ultimo periodo. Passare il turno sarebbe importante per la crescita di tutta la società. Sappiamo che è difficile ma non impossibile". Infine, Monchi, spende due parole anche per Dzeko, al centro del mercato di Gennaio e vicinissimo al Chelsea, e su Alisson, altra scoperta di quest'annata capitolina: "E' vero, l'offerta (per Dzeko, nda) c'è stata e noi l'abbiamo valutata e studiata: conoscendo pure l'idea a riguardo di Edin, abbiamo deciso di rifiutarla. In questo caso non c'erano le condizioni necessarie per far sì che tutte le parte uscissero soddisfatte dall'operazione. E' un giocatore che ci ha dato tanto nel passato e sta facendo lo stesso nel presente. Alisson? Sta vivendo una condizione fisica eccezionale, i risultati sono fantastici. Non so se sia o meno il miglior portiere al mondo, dico solo che siamo contenti di averlo con noi così come il Brasile".