Juventus-Real, Allegri: "Buon match per un'ora. A Madrid faremo la nostra partita"

Il tecnico livornese commenta la disfatta nell'andata dei quarti di Champions League.

Juventus-Real, Allegri: "Buon match per un'ora. A Madrid faremo la nostra partita"
Juventus-Real, Allegri: "Buon match per un'ora. A Madrid faremo la nostra partita"

Lo 0-3 subito in casa dal Real Madrid è sicuramente un risultato pesante da mandare giù per Allegri e la Juventus, soprattutto dopo aver giocato ad armi pari per oltre un'ora di gioco. Come di consueto la prima analisi a caldo la fornisce proprio il tecnico livornese: "Quando giochi contro questi giocatori e queste squadre devi essere assistito anche da un pizzico di fortuna e soprattutto devi trovarli un po' in serata negativa. Sul secondo gol eravamo fermi, un po' passivi, ma la squadra per un'ora ha fatto una buona partita. Stasera ci è capitato di tutto contro una squadra che come precisione dei passaggi e tecnica è devastante, altrimenti non avrebbero vinto tre Champions in quattro anni. Sul secondo palo Carvajal ha messo una palla col contagiri, noi abbiamo avuto delle occasioni e per questo bisogna fare complimenti ai ragazzi. Adesso dobbiamo riprenderci per il campionato, poi andremo a Madrid a fare la nostra partita. Sono dispiaciuto per il terzo gol, con lo 0-3 è difficilissimo, quasi impossibile".

Nonostante la sconfitta, però, Allegri difende la propria squadra e la prestazione offerta sino allo 0-2: "Io non so se da Cardiff siamo peggiorati, io credo che siamo migliorati perché la gestione della partita è stata buona. Il malinteso fra Giorgio e Gigi è una cosa che poteva capitare, avevamo risolto e poi hanno tirato fuori questo gol straordinario. Direi che la squadra l'ha difesa anche bene fino al 2-0, abbiamo concesso poco al Real. Poi c'è stato quel malinteso; il primo gol si poteva tranquillamente evitare, anche il terzo. Sono quelle partite in cui se non hai un pizzico di fortuna e non riesci a far gol, sbagli un occasione te e loro sono micidiali". Il tre a zero mette quasi una pietra tombale sulla possibile qualificazione ed anche il livornese lo sa: "Fino al fallo fortuito di Dybala, che è scivolato, abbiamo retto bene. Con uno come Ronaldo parti sempre uno o due a zero. Quando perdi tre a zero poi dispiace: loro avevano Sergio Ramos squalificato, Nacho infortunato, magari andavi laggiù ed era difficilissimo ma avevi qualche possibilità, col tre a zero è quasi impossibile. Ora bisogna pensare alla stagione perché abbiamo campionato e Coppa Italia".

Proprio alla Joya è dedicato l'ultimo pensiero e un po' a sorpresa non è una bacchettata, anzi tutt'al più Allegri porge la carota: "Paulo ha fatto una buona partita, ha cucito bene le trame di gioco, è andato al tiro diverse volte, sta bene per questo finale di stagione. Ai ragazzi non ho nulla da rimproverare: abbiamo trovato una squadra straordinaria ed un giocatore che è il centravanti più forte al mondo. Quando giochi con questa squadra ti deve andare bene, devi essere bravo...tante componenti. Ora andremo a Madrid a fare la nostra partita".