Milik-Diawara, il Napoli ribalta il Chievo in due minuti e torna a sperare
Foto Ssc Napoli Twitter

Milik-Diawara, il Napoli ribalta il Chievo in due minuti e torna a sperare

Al San Paolo succede di tutto. Gli azzurri sprecano con Mertens il rigore del possibile vantaggio, poi è Stepinski a far calare il silenzio a Fuorigrotta. Milik e Diawara, nei cinque minuti finali, ribaltano tutto e tengono il Napoli in vita.

andrea-bugno
Andrea Bugno
Napoli(4-3-3): Reina; Hysaj, Tonelli, Koulibaly, Mario Rui; Allan (dal 70' Zielinski), Diawara, Hamsik (dal 63' Milik); Callejon, Mertens (dal 95' Rog), Insigne. All. Sarri
ChievoVerona(4-3-1-2): Sorrentino; Depaoli, Tomovic, Bani, Gobbi; Rigoni, Radovanovic, Bastien; Giaccherini (dall'81' Leris); Meggiorini (dal 52' Stepinski), Inglese. All. Maran
SCORE0-1, min 73', Stepinski; 1-1, min 88, Milik; 2-1, min 93, Diawara. al 50' Mertens si fa parare un rigore da Sorrentino.
ARBITROManganiello ammonisce Depaoli (C), Mario Rui (N), Giaccherini (C), Inglese (C), Insigne (N).
NOTIncontro valevole per la trentunesima giornata del campionato di calcio di Serie A. Si gioca al San Paolo di Napoli, inizio ore 15.00.

Torna a sperare il Napoli di Maurizio Sarri e lo fa nel modo più incredibile possibile. Succede di tutto al San Paolo, con i padroni di casa che per un'ora e più assediano, sterilmente, la porta di Sorrentino, prima di capitolare al primo errore di Koulibaly e Tonelli: Stepinski manda avanti il ChievoVerona, gelando Fuorigrotta. Il Napoli reagisce ma lo fa in maniera confusa e frustrata, fino alla girata di Milik, a due minuti dalla fine, che dà nuova speranza. E' l'ultimo assalto ad essere decisivo, perché Diawara, sugli sviluppi di un corner, indovina l'angolo lontano e consente al Napoli di tornare a -4 dalla Juve e di continuare a sperare nello Scudetto. 

Insigne e Callejon ai lati di Mertens nell'attacco dei padroni di casa, mentre Hamsik torna dal primo minuto. Sarri sceglie Tonelli e Diawara al posto degli squalificati Albiol e Jorginho. Risponde Maran con Giaccherini alle spalle di Meggiorini ed Inglese; c'è Rigoni, e non Hetemaj in mediana, con Bastien ai lati di Radovanovic.

Avvio di gara tutto di marca partenopeo, come da copione, anche se i ritmi della contesa non esasperati favoriscono l'intenzione del ChievoVerona di rintanarsi nella propria trequarti. Qualche errore di troppo in fase di impostazione per il Napoli di Sarri, che con Hamsik e Mertens non riesce ad aprire la scatola difensiva dei clivensi. Al quarto d'ora la prima, ghiottissima, occasione per i partenopei: Insigne imbecca Callejon sul secondo palo, ma la girata dello spagnolo da ottima posizione termina alta. Poco dopo è Insigne a mettersi in proprio, in area di rigore e dalla distanza, ma prima viene murato all'atto della conclusione, successivamente Sorrentino blocca centralmente. Gli azzurri stentano ad alzare i ritmi della sfida, trovandosi praticamente sempre ad attaccare a difesa schierata gli otto, spesso nove, uomini in giallo. Solo dai guizzi di Insigne nasce qualche timida opportunità: Hamsik in due occasioni non si fa trovare pronto alla battuta a rete, poi il napoletano salta Depaoli e calcia col mancino, ma soltanto sull'esterno della rete. Allo scadere l'ultima occasione per i padroni di casa: Insigne taglia per Mertens, la cui girata di sinistro termina tra le braccia di Sorrentino. 

Foto ssc Napoli Twitter
Foto ssc Napoli Twitter

Meno di due minuti della ripresa e sul mancino di Insigne c'è già il pallone del vantaggio, ma sull'assist di Callejon il partenopeo colpisce di piatto e debolmente. Il gol sembra nell'aria e, dopo due minuti, Mertens ha l'occasione più limpida possibile: dopo uno scambio con Callejon, Depaoli lo strattona in area, per Manganiello è rigore - senza rosso; il belga incrocia la conclusione, Sorrentino lo strega. Si fa vedere anche il Chievo, per la prima volta nel match, con il destro di Inglese centralmente parato da Reina. I partenopei tornano a riversarsi in attacco qualche minuto più tardi, con Mertens, Insigne e Koulibaly che vengono murati sulla linea di porta dalla difesa clivense sugli sviluppi di un calcio d'angolo. La prima mossa di Sarri è quella di Milik, che dopo un'ora prende il posto di Hamsik, spento e sulle gambe. E' proprio il polacco a rendersi pericoloso una decina di minuti dopo, sull'assist di Insigne, ma il suo pallonetto viene deviato ottimamente da Sorrentino. E' il turning-point della sfida, perché dalla parte opposta, su un malinteso tra Koulibaly e Tonelli, il Chievo passa a sorpresa: Giaccherini recupera, scarica per Stepinski che fa fuori il senegalese e batte Reina. 

Ottima la reazione del Napoli nel finale: Tonelli ci prova due volte di fila sugli sviluppi di due calci d'angolo; sul primo incrocia la traversa, sul secondo la parata di Sorrentino centrale. La sfuriata finale dei partenopei non dà i frutti sperati, perché gli errori di misura sulla trequarti dei padroni di casa si moltiplicano a dismisura. Sorrentino si supera sul destro a giro di Insigne a dieci dal termine, mentre Mertens non trova la precisione con il destro dal limite. Stesso esito per il mancino di Zielinski, imbeccato a rimorchio da Callejon. Dove non arriva Sorrentino ci pensa Bani, sull'assist a porta vuota di Insigne per il centravanti polacco: il giovane centrale mette in angolo. La coppia Sorrentino-Bani crolla però al minuto 88, quando Insigne - fischiato dal pubblico - trova Milik per lo stacco di testa: 1-1. I tre minuti di recupero sono un assedio all'arma bianca del Napoli: Milik testa i riflessi di Sorrentino ancora una volta, prima del gol vittoria di Diawara ad un minuto dalla fine; destro a giro imparabile e Napoli ancora vivo!

VAVEL Logo

SSC Napoli Notizie

2 giorni fa
un giorno fa
2 giorni fa
3 giorni fa
3 giorni fa
4 giorni fa
4 giorni fa
9 giorni fa
9 giorni fa
9 giorni fa
15 giorni fa