Roma, pali e sfortuna, ma serve andare oltre il compitino
twitter.com

Roma, pali e sfortuna, ma serve andare oltre il compitino

I giallorossi si fermano contro una Fiorentina cinica. Di Francesco può recriminare con la sorte, ma la squadra deve fare qualcosa in più

FraNas
Francesco Nasato

Secondo stop in pochi giorni per la Roma di Di Francesco. Questa volta è la Fiorentina a festeggiare contro i giallorossi, al termine di una partita in cui la squadra di Di Francesco ha creato molte occasioni in zona gol, mancando però di quel cinismo che altre volte era stato assente nel corso di questa stagione. Un paio di distrazioni difensive sono state poi decisive per determinare il risultato, nonostante la Roma ci abbia provato in più di un'occasione a riaprire il risultato.

La sensazione però è stata quella di vedere in campo una squadra a cui il talento non manca, ma che si è limitata a eseguire in campo uno spartito consegnato dal proprio allenatore prima della gara. Niente di male, intendiamoci, ma oltre all'interpretazione corale servono anche gli acuti dei solisti, quelli che rendono unica e diversa ogni interpretazione. Alla Roma in questo momento sembra mancare soprattutto questo. Il piano partita, se così lo vogliamo chiamare, è chiaro e definito nella mente dei giocatori di Di Francesco, ma invece di essere interpretato e arricchito dalle trovate dei singoli di talento viene eseguito come una serie di passaggi meccanici che si susseguono l'uno rispetto all'altro. Troppo poco per una squadra che è arrivata a giocarsi i quarti di finale di Champions League e ha stazionato fino a questo momento della stagione al terzo posto.

Oltre a questo ci sono le alternative che anche contro la Fiorentina di Pioli non hanno convinto, un problema che potrebbe pesare in maniera decisiva in questo finale di stagione. Defrel è stato sostituito da Di Francesco alla fine del primo tempo. Se non è un bocciatura tecnica per l'ex Sassuolo poco ci manca. Anche la prestazione di Gonalons non ha convinto a centrocampo. Il francese era già stato sfortunato protagonista nella trasferta del Camp Nou contro il Barcellona e anche in campionato non ha convinto con la sua prestazione. Entrambi i giocatori erano arrivati la scorsa estate per rappresentare delle alternative di livello ai titolari che Di Francesco avrebbe individuato per iniziare campionato e avventura in Champions League.

VAVEL Logo