Fiorentina: vincere anche contro la SPAL per continuare la rincorsa all'Europa League

Il successo di sabato contro la Roma, un secco 0-2 con reti di Benassi e Simeone, ha sicuramente lanciato la Fiorentina verso le prime posizioni, consentendo ai ragazzi di Stefano Pioli di sognare un posto in Europa League. Contro la SPAL, l'obiettivo è quello di vincere ancora, mettendo ufficialmente pressione alle formazioni meglio piazzate.

Fiorentina: vincere anche contro la SPAL per continuare la rincorsa all'Europa League
Twitter Fiorentina

Che dire, di questa Fiorentina. Dopo un mese e mezzo di fuoco, costellato da sole vittorie e da una serie di prestazioni importanti, il collettivo di Stefano Pioli non è più una creatura altalenante, un progetto ambizioso sicuramente bello ma manchevole di quel plus per emergere. Compattatasi dopo la tragedia, la rosa toscana ha infatti mostrato i denti, dando prova di coraggio e puntando con decisione ad un'Europa League che sarebbe davvero importante considerato quanto visto a inizio stagione Per avvicinarsi all'obiettivo, la Fiorentina dovrà però continuare a vincere, battendo anche una SPAL reduce da ben cinque risultati utili consecutivi. Avversario tutt'altro che agevole, ma da superare per colmare una volta per tutte quella distanza di due punti che separano i viola dal sesto posto.

Nella giornata di ieri, i ragazzi di Pioli si sono ritrovati alle 15, svolgendo a porte chiuse la sessione d'allenamento quotidiana. Un segnale importante, che sottolinea la voglia di fare bene del gruppo toscano. Le ultime di formazione vedrebbero comunque una Fiorentina schierata con il 4-3-1-2, modulo capace di fornire equilibrio sia in difesa che in attacco. Al di là delle solite certezze, due saranno i ballottaggi che resteranno fino alla fine. Il primo è in difesa, con Milenkovic favorito su Laurini. Il difensore centrale, adattato ad esterno destro, garantisce infatti maggiore copertura, anche se con una rosa come la SPAL Pioli potrebbe mettere Laurini proprio per la sua migliore capacità di spinta sulle fasce. A centrocampo, poi, Cristoforo proverà fino all'ultimo a strappare la maglia a Dabo, partito dalla panchina contro la Roma ma autore comunque di un'ottima prova nei minuti in cui è sceso in campo.

La notizia più importante, comunque, è il ritorno di Federico Chiesa, mancato causa squalifica contro la Roma. Piazzato più vicino alla porta, il gioiellino di casa viola sta sempre più eliminando i leziosismi, andando a supportare Simeone ed aumentando il numero di occasioni in zona-goal. Un cambio di passo importante, che sta apportando importanti benefici a tutta la rosa. Contro la SPAL, Chiesa è chiamato ad un'altra grande prova, andando magari a scardinare una difesa notoriamente granitica. Unica nota dolente tra tante positività, l'infortunio del giovane Simone Lo Faso, che in allenamento ha subito un danno fisico. Ecco quanto comunicato dal club viola: "ACF Fiorentina comunica che il calciatore Simone Lo Faso, nel corso dell'allenamento odierno, a seguito di un trauma distorsivo della caviglia sinistra, ha riportato la frattura spiroide del terzo distale del perone. Il calciatore sarà sottoposto nella giornata di domani a intervento chirurgico per riduzione e sintesi della frattura". Gli auguri vanno per una veloce guarigione.