Napoli, Sarri verso San Siro con un ronzio nella testa

La scarsa brillantezza di Mertens e l'esuberanza di Milik potrebbero far cambiare qualcosa nelle gerarchie di Sarri in vista della trasferta di San Siro. Questa la situazione, con il polacco che si candida ad un posto da titolare.

Napoli, Sarri verso San Siro con un ronzio nella testa
Napoli, Sarri verso San Siro con un ronzio nella testa

Un ronzio nella testa. Piacevole piuttosto che fastidioso. Quella pulce che Arek Milik ha messo nelle orecchie di Maurizio Sarri nei cinquanta minuti disputati nelle ultime due partite - Sassuolo e ChievoVerona - si fa sempre più spazio nella mente del tecnico toscano che, riconosciuto il momento poco brillante del suo terzetto d'attacco - di Mertens soprattutto - sta pensando in vista della trasferta di San Siro ad un cambio nel ruolo di centravanti. Il fisicato polacco scala posizioni nelle gerarchie sarriane e potrebbe tornare utile sia per sfruttare meglio i calci piazzati che far salire la squadra in caso di necessità, come ha fatto in maniera pregevole nella sfida interna contro i clivensi. 

D'altro canto il Napoli non può prescindere dagli strappi di Dries Mertens. Nonostante il momento di calo del folletto belga, i suoi strappi potrebbero risultare necessari e di fondamentale importanza contro una coppia di difensori - quella composta da Zapata e Musacchio - tutt'altro che mobile e dinamica. Resta da decidere se le sue accelerazioni verranno sfruttate a gara in corso oppure dal primo minuto - molto più probabile - con Milik che, qualora dovesse partire ancora dalla panchina potrebbe sfruttare il turno infrasettimanale contro l'Udinese per tornare a giocare dal primo minuto. 

Testa tuttavia proiettata soltanto alla gara di San Siro, dove Sarri ritroverà Albiol al centro della difesa - dopo la buona prestazione di Tonelli contro il Chievo - e Jorginho in cabina di regia. I due dovrebbero tornare a giocare dal primo minuto, con l'unica variazione rispetto a domenica pomeriggio dell'utilizzo di Maggio al posto di Mario Rui, appiedato dal giudice sportivo. Hysaj scalerà sulla sinistra, con l'intento e la necessità di mettere un freno alle avanzate di Suso. Tutto confermato invece in mediana, con Allan ed Hamsik, ed in attacco, dove Insigne e Callejon agiranno alle spalle del centravanti, unico dubbio ad oggi da sciogliere.