Inter - Le parole di Luciano Spalletti in conferenza stampa
Source photo: profilo Twitter Inter

Inter - Le parole di Luciano Spalletti in conferenza stampa

Il tecnico nerazzurro ha parlato prima della sfida contro l'Atalanta, match arduo ma da vincere per non perdere ulteriori punti in ottica Champions League. Ecco le sue parole.

antonio-abate
Antonio Abate

Ora non si può più sbagliare. Dopo il brutto stop contro il Torino, l'Inter di Luciano Spalletti ha l'obbligo di superare l'Atalanta, cementificando quanto fatto in stagione e puntando con decisione alla Champions League. Intervenuto durante la consueta conferenza stampa pre-gara, il tecnico nerazzurro ha parlato proprio del peso specifico della sfida: "Torino non è stato un bellissimo risultato per come stavamo lavorando. Meritavamo di più anche per quanto fatto in campo. Ora siamo tutti consapevoli che le opportunità sono sempre meno e vanno sfruttate. Dipende tutto da noi". Sugli acciaccati Vecino e Candreva: "Sono da valutare, anche Miranda va visto per bene. Tutte le squadre contano comunque alcuni acciaccati. All'Atalanta mancheranno ad esempio Ilicic e Petagna che sono giocatori importanti e di qualità". 

Il tecnico ha poi detto la sua sugli esiti delle italiane nelle competizioni internazionali: "Il nostro calcio si sta livellando verso l'alto anche in Europa. Ormai pure noi amiamo partire da dietro e pressare alto come prima forse non accadeva. Non diamo più il tempo agli avversari di giocare e pensare troppo. Stiamo lavorando bene. Serve il coraggio che ha mostrato la Roma. Anche la Juve aveva ribaltato un risultato impossibile. Ai giallorossi vanno i miei complimenti: ha fatto vedere un calcio importante. Tanta roba, davvero. Gli sono montati addosso meritando l'impresa. Tutto è possibile nel calcio". 

Ancora, sulle pecche mostrate contro il Torino: "Abbiamo fatto la partita che dovevamo fare, tentando di fare gioco nella loro metà campo. Se non mantieni l'equilibrio e l'attenzione nei comportamenti però subisci ripartenze a campo aperto. Proprio come quando abbiamo preso gol. Abbiamo preso gol proprio quando eravamo alti, addosso al Torino. Siamo stati costretti alla scappata. Bravissimo Ivan a fare quel recupero che solo lui sa fare, ma non è bastato. Siamo però ancora dentro e abbiamo ancora tutto in mano nostra. Io immaginavo anche Milan e Atalanta in corsa per ciò che hanno fatto vedere. Su il muso adesso, si va a giocare".

Cosa serve per vincere domani? Spalletti risponde così: "Per domani si va sempre nello stesso tipo di lavoro. Vediamo come si comportano loro e si fanno allenamenti corretti. Dobbiamo far circolare la palla bene sempre, anche nei momenti meno facili e, in passato, non è successo quando necessario. Il possesso si fa sempre. E' tutto lì: o si gioca nella trequarti con costanza o dietro". In ultimo, un passaggio sul giovane Pinamonti: "Penso sia giusto arrivare in fondo al campionato e poi ragionare sul resto e su Pinamonti. Ha qualità, lascia andare delle bastonate di sinistro impressionanti. Serve qualità per poter esibire certe cose e lui le ha. Ci può stare qualsiasi cosa e Andrea merita di essere coinvolto nelle prossime e future discussioni". 

VAVEL Logo

FC Internazionale Milano Notizie

un giorno fa
2 giorni fa
2 giorni fa
4 giorni fa
5 giorni fa
6 giorni fa
6 giorni fa
8 giorni fa
10 giorni fa
11 giorni fa
18 giorni fa