Sassuolo, senti Iachini: "Non siamo ancora salvi, non dobbiamo guardare la classifica"

Il tecnico del Sassuolo, Beppe Iachini, ha parlato alla vigilia del delicatissimo e difficile match contro la Sampdoria. I neroverdi godono comunque di una buona posizione di classifica, l'ex allenatore del Palermo non vuole però cali di concentrazione.

Sassuolo, senti Iachini: "Non siamo ancora salvi, non dobbiamo guardare la classifica"
Source photo: profilo twitter Sasuolo

Non abbassare la guardia. E' questo il monito di Beppe Iachini, intervenuto in conferenza stampa in vista del prossimo match contro la Sampdoria. Il tecnico del Sassuolo ha infatti parlato del momento in casa neroverde, società rinsavita dopo un periodo negativo ed ora seriamente vicina alla salvezza. Iachini non vuole però cali di tensione, strigliando i suoi per compattare le fila dopo la debacle contro il Crotone: "Ci sono partite che nascono in una certa maniera e prendono una piega sbagliata. Ci sono stati episodi che hanno indirizzato subito la partita, abbiamo preso due gol alle loro prime due iniziative e poi il match ha svoltato sia tatticamente che psicologicamente. Sono sicuramente stati commessi degli errori ma bisogna guardare avanti e ripartire già domani" ha detto Iachini parlando proprio della scorsa giornata.

Passaggio importante anche quello sui prossimi avversari blucerchiati: "La Sampdoria lavora insieme da due anni con lo stesso tecnico, che sta facendo un ottimo lavoro, è una squadra con tanti ragazzi di qualità. Servirà una grande partita per portare a casa il risultato giusto. La classifica? Non dobbiamo guardarla, dobbiamo affrontare una partita alla volta e cercare di fare la gara quasi perfetta per ottenere risultati. Sappiamo che ci aspettano Sampdoria, Inter e Roma, all'andata contro queste tre abbiamo fatto punti. La questione salvezza non è chiusa, se 37 punti possano essere sufficienti non si sa, forse lo si saprà tra due settimane, per cui dobbiamo farne altri".

In ultimo, Beppe Iachini ha detto la sua sul possibile undici: "Dovrò valutare le energie psicofisiche, siamo a fine campionato, e sceglierò. Abbiamo preparato più di una partita perché poi nei novanta minuti può succedere di tutto. Sensi è da valutare come tutti, ma si è allenato con la squadra, ora ci sono solo Goldaniga e Lirola fuori. Tanti diffidati? Non ci guardo, penso a una partita alla volta". 

[fonte: tuttosassuolocalcio.com]