Chievo-Crotone 2-1, Birsa e Stepinski piegano i calabresi, inutile il gol di Tumminello

Esordio con il sorriso per D'Anna in panchina che si prende tre punti importanti e ferma la corsa salvezza di Zenga

Chievo-Crotone 2-1, Birsa e Stepinski piegano i calabresi, inutile il gol di Tumminello
twitter.com
Chievo Verona
2 1
Crotone
Chievo Verona: Chievo Verona: Sorrentino; Cacciatore (32' st Bani), Dainelli, Tomovic, Gobbi; Rigoni (11' st Bastien), Radovanovic, Hetemaj; Birsa, Giaccherini; Inglese (26' st Stepinski). All. D'Anna
Crotone: Crotone: Cordaz; Faraoni, Ceccherini, Capuano, Martella; Barberis, Mandragora, Stoian (26' st Ricci); Trotta (41' st Tumminello), Simy, Nalini (33' st Rohden). All. Zenga
SCORE: 12' Birsa (CH), 37' st Stepinski (CH), 49' st Tumminello (CR)
ARBITRO: Massa. Ammoniti: Radovanovic (CH), Rigoni (CH), Hetemaj (CH), Bani (CH)

D'Anna non sbaglia all'esordio e batte il Crotone di Zenga, con il Chievo che ritrova tre punti importanti nella lotta salvezza. Decidono Birsa e Stepinski, buono per le statistiche e il tabellino la rete di Tumminello in pieno recupero nel secondo tempo.

Scontro molto delicato in chiave salvezza quello del Bentegodi tra Chievo e Crotone, due squadre che arrivano da momenti diversi tra loro. I padroni di casa hanno appena cambiato allenatore e sono stati risucchiati partita dopo partita verso i gorghi più pericolosi della classifica, mentre i calabresi con Zenga sono alla rincorsa della seconda salvezza consecutiva dopo aver già centrato l'obiettivo nello scorso campionato con Davide Nicola.

La partenza della gara vede il Chievo tenere i ritmi alti, alla ricerca di quel gol che metterebbe la gara in discesa per la squadra di D'Anna. Il primo episodio, però, sembra essere a favore del Crotone. Calcio di punizione da sinistra, pallone forte nell'area di rigore di Sorrentino e Cacciatore di testa la mette alle spalle del proprio portiere. Tutto fermo perchè Ceccherini è partito in fuorigioco e ha cercato il pallone prima che il difensore di casa lo spedisse in porta.

Sospiro di sollievo per il Chievo che poco dopo trova il gol del vantaggio. Gobbi è servito in profondità e di prima dal fondo mette un cross lungo. Sul secondo palo Martella è scavalcato e Birsa colpisce di testa. Traversa e palla oltre la linea, con Cordaz che non può nulla nonostante un volo spettacolare.

Palla al centro e gli ospiti hanno subito l'occasione per riportare la gara in parità. Sugli sviluppi di un calcio d'angolo la palla danza pericolosamente nell'area di Sorrentino, ma nè Simi ne Ceccherini riescono a superare il muro di maglie gialle di fronte a loro. Passato lo spavento il Chievo torna a controllare la situazione con relativa scioltezza e non rischia più nulla fino all'intervallo.

Nel secondo tempo il Crotone parte forte, alla ricerca del gol del pareggio. Simy si arrampica sulle teste dei difensori del Chievo e trova solo il palo con un grande colpo di testa. In rapida successione, poi, la difesa del Chievo libera due volte il pallone pericolosamente vicino alla linea di porta di Sorrentino. I padroni di casa soffrono, ma trovano l'episodio che chiude la partita. Stepinski riceve spalle alla porta in area sulla sinistra, poi all'improvviso si gira e lascia partire un destro che si infila sul palo lontano dove Cordaz non può arrivare.

Il Crotone è colpito e rischia di crollare del tutto quando Radovanovic da fuori scuote il palo alla destra di Cordaz, con il portiere calabrese ormai battuto. In pieno recupero, Martella si libera sulla sinistra e mette in mezzo per Tumminello che conclude. Sorrentino tocca, Bani libera, ma il pallone ha già oltrepassato la linea. Ormai però è troppo tardi e il Chievo può così tornare a respirare.