Chievo-Crotone: le parole dei due allenatori dopo lo scontro salvezza

Buona la prima del Chievo Verona di D'Anna, che respira dopo un periodo tutt'altro che negativo. I clivensi sono però lungi dall'essere salvi, la vittoria di oggi dà però morale e classifica. Delusione invece per il tecnico del Crotone Walter Zenga, che vede sempre più vicino l'incubo retrocessione.

Chievo-Crotone: le parole dei due allenatori dopo lo scontro salvezza
Source photo: twitter Chievo Verona

Buona la prima del Chievo Verona di Lorenzo D'Anna. I clivensi vincono infatti contro il Crotone e respirano, senza però poter festeggiare per la salvezza. Intervistato nel post-gara, il tecnico dei gialloblu ha parlato della sfida e dell'essere guida di questa rosa: "L’emozione di sedere su questa panchina è stata immensa, il fatto di ritrovare uno stadio pieno è stato un tuffo nel passato: ho rivisto lo stesso entusiasmo di dieci anni fa. In questa vittoria c’è stato poco di D’Anna e tanto dei ragazzi e di Maran, che devo ringraziare. Sono contento per il risultato finale, per come i miei calciatori hanno sofferto e creduto nella vittoria" ha detto ai microfoni di Sky Sport.

Amarezza, invece, quella di Walter Zenga, conscio della complicazione generata dalla sconfitta in casa del Crotone: "Siamo andati in vantaggio, ma ce l'hanno annullato per fuorigioco. Abbiamo subito il gol dell'1-0 sulla primissima situazione di gioco a loro favore e subito dopo ci sono stato due clamorose situazione in area di rigore con salvataggio sulla linea. Poi siamo rientrati in campo nella ripresa, fatto la nostra gara e cercato di fare le nostre cose: sfioriamo il pareggio, prendiamo il palo e poi subiamo la rete del 2-0 su una rimessa laterale invertita che nel calcio si vede raramente. Però, il gol alla fine ci serve per gli scontri diretti".