Sassuolo, sconfitta indolore. Si resta nell'olimpo del calcio

Un autogol condanna i neroverdi alla sconfitta contro la Roma, stop non amaro perchè gli emiliani conquistano la quinta salvezza di fila in Serie A.

Sassuolo, sconfitta indolore. Si resta nell'olimpo del calcio
Fonte: Sassuolo official Twitter

L'ultima giornata di campionato, la passerella finale dinnanzi al pubblico amico (ancora troppo scarno e freddo) premia la Roma del grande ex Eusebio Di Francesco. Il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, e si sarebbe materializzato se solo Pegolo non si fosse esibito in uno sfortunato autogol su di un cross di Manolas. 0-1, ha festeggiato la Roma sotto il settore dei propri fans, ma a festeggiare è stato anche il Sassuolo che ha conquistato sul campo la quinta salvezza consecutiva.

La prossima sarà la sesta stagione che la squadra neroverde affronterà nella massima serie. Per una piccola realtà come il Sassuolo, questo traguardo vale più di uno Scudetto, in quanto in Serie A la concorrenza è agguerrita e ci si trova a battagliare con squadre molto più blasonate, dai fatturati monstre se paragonati con quelli della piccola compagine di patron Squinzi. Il Sassuolo resiste fra i grandi. Salvezza conquistata con un paio di giornate d'anticipo rispetto alla conclusione del torneo, ma le cose potevano andare addirittura meglio. Infatti, appena un mese e mezzo fa, i neroverdi hanno rischiato seriamente di retrocedere, con mister Christian Bucchi che ormai aveva perso la bussola. Poi ci ha pensato Iachini a rimettere a posto la situazione, riposizionando la barca verso porti più sicuri. Con il nuovo allenatore il passo della squadra è cambiato, il Sassuolo ha compiuto lo scalpo anche a grandi club, ottenendo punti preziosi indistintamente in casa e fuori.

Sarà serie A pure l’anno prossimo, seppur con qualche cambiamento. Bolle già il pentolone neroverde, l'estate porterà con sè di certo qualche cambiamento, in seno alla società ed anche per ciò che riguarda il nuovo allenatore. Beppe Iachini non dovrebbe rimanere, si sta facendo strada l'ipotesi Roberto De Zerbi - positiva la sua esperienza sulla panchina del Benevento - ma al momento ogni discorso di questo tipo lascia il tempo che trova poichè siamo appena al 21 maggio ed il campionato è terminato da meno di 24 ore. Con l'avvento del prossimo campionato, si punterà ad aumentare il numero degli spettatori al Mapei Stadium, nota stonata di questa annata. Sempre troppo vuoti gli spalti dell'impianto di Reggio Emilia, per una squadra che merita tutta un'altra cornice di pubblico.